venerdì , 30 Settembre 2022
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Annunci e proposte » SI SCALDANO I MOTORI PER LA 17^ EDIZIONE DI GUSTI DI FRONTIERA
SI SCALDANO I MOTORI PER LA 17^ EDIZIONE DI GUSTI DI FRONTIERA

SI SCALDANO I MOTORI PER LA 17^ EDIZIONE DI GUSTI DI FRONTIERA

Gusti di Frontiera nella sua edizione 2022 fa un salto indietro nel tempo e torna alla sua formula di successo, con l’estensione collaudata nelle strade e nelle piazze del centro di Gorizia che ne ha fatto la  kermesse enogastronomica più grande del Triveneto. Specialità e leccornie di tutto il mondo, irresistibile e sfizioso cibo da strada, osterie negli angoli più suggestivi del cuore cittadino sbarcheranno da giovedì 29 settembre a domenica 2 ottobre. Corso Italia e corso Verdi, le vie Roma, Cadorna e Boccaccio, le piazze Battisti, Vittoria e Sant’Antonio , senza dimenticare via Rastello e i Giardini Pubblici torneranno a ospitare il mappamondo di leccornie, profumi e colori, così come avvenuto fino al 2019. Più che mai alta l’attenzione del Comune di Gorizia per la qualità dei prodotti proposti, con la consueta suddivisione in Borghi geografici, la cui strutturazione sarà svelata nei prossimi giorni. Tra graditi ritorni e golose novità, le centinaia di stand di Paesi vicini e lontani saranno operativi giovedì 29 dalle 17 alle 2, venerdì 30 e sabato 1 dalle 10 alle 3, domenica dalle 10 a mezzanotte. L’attività musicale sarà consentita giovedì fino a mezzanotte, venerdì e sabato fino alle 2 e domenica fino alle 23.

I danni provocati alla rete informatica del Comune dal recente attacco hacker stanno indubbiamente complicando le cose, ma la macchina organizzativa fortunatamente è rodata e procede, come rimarca l’assessore comunale ai Grandi Eventi, Arianna Bellan: “Siamo in pieno fermento, c’è una grandissima attesa per il ritorno alla normalità di Gusti di Frontiera. Nonostante tutte le avversità, stiamo lavorando a pieno ritmo per organizzare nei minimi dettagli l’edizione 2022. Ringrazio di cuore il personale degli uffici: a nome di tutti cito Paola Magrin, punto di riferimento delle Attività produttive, che insieme ai colleghi sta veramente facendo l’impossibile. Un doveroso grazie va anche al Ced, il Centro elaborazione dati, che sta gestendo i problemi legati alla rete informatica e all’ufficio della Polizia locale. Determinante in questo quadro tanto complicato è l’intersettorialità messa in piedi anche con gli altri comparti del Comune, elemento che ci sta aiutando a sopperire alle mancanze. Anche gli standisti ci stanno dando una grossa mano, si stanno dimostrando molto collaborativi”.

About dal corrispondente

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top