domenica , 18 Aprile 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » Risuonanze. Incontri di Nuove Musiche 2015 31 maggio _ 2 giugno 2015 Trieste, Monfalcone, Tarcento e Tricesimo

Risuonanze. Incontri di Nuove Musiche 2015 31 maggio _ 2 giugno 2015 Trieste, Monfalcone, Tarcento e Tricesimo

image_pdfimage_print

È una vera istantanea fotografica di grandissimo interesse sul presente della musica contemporanea più viva e lungimirante, quella che la rassegna “Risuonanze 2015 – incontri di nuove musiche” offre anche quest’anno, nella sua quarta edizione, ancora una volta organizzata dall’Associazione culturale TKE.

I cinque concerti previsti si tengono tra domenica 31 maggio e martedì 2 giugno e come sempre coinvolgono il territorio di tutta la regione, da Trieste a Tricesimo passando per Tarcento e Monfalcone. Un’anteprima importante per “entrare” al meglio nelle dinamiche della rassegna è offerta dalla presentazione ufficiale del volume che accompagna la rassegna, e che si svolge mercoledì 27 maggio, alle 11.30, nello storico Palazzo Frangipane di Tarcento. Alla presentazione, cui sono invitati la stampa, il pubblico e la critica di settore, prendono parte i direttori artistici della rassegna (Paolo Longo e Stefano Procaccioli), l’editrice Maura Pontoni (L’Orto della Cultura) e alcune tra le istituzioni e i partner che sostengono la rassegna.

Il programma di Risuonanze 2015 è come sempre articolato, e inizia da Trieste dove domenica 31 maggio, alle 20.45, pressol’Auditorium di Casa della Musica (via Capitelli 3) si eseguono le prime assolute e italiane di 12 compositori provenienti da tutto il mondo e selezionati tra i migliori autori contemporanei (tra di essi, gli italiani Gilberto Bosco, Fabrizio De Rossi Re, Carla Rebora, il friulano Davide Pitis) ed alcune proposte arrivate tramite la Call for Scores (la fortunata “chiamata a raccolta” di spartiti da autori di tutto il mondo).
Ad eseguire il nuovissimo repertorio tre firme di solisti di ampia notorietà in regione per sensibilità ed intelligenza interpretativa: Tommaso Bisiak al flauto, Paola Fundarò all’oboe e Reana De Luca al pianoforte. Lunedì primo giugno, alle 11.30 Risuonanze 2015 arriva al Carso in Corso di Monfalcone (Corso del Popolo, 11), ancora una volta (come l’entusiasmante appuntamento dello scorso anno) con Antonietta Loffredo

Akiko Kozato

Akiko Kozato

e il suo affascinante Toy Piano. Vengono eseguiti compositori da tutto il mondo in prima assoluta e italiana e che, appositamente per questo strumento straordinariamente originale ed efficace, hanno composto nuove pagine in occasione di Risuonanze. Nella sera del primo giugno la rassegna arriva a Villa De Rubeis Florit di Tarcento (ore 20.45) dove ben 14 prime esecuzioni attendono il pubblico, nell’interpretazione di una coppia al femminile molto apprezzata a livello internazionale: la pluripremiata pianista Adele D’Aronzo e la quotatissima mezzosoprano giapponese Akiko Kozato in repertorio, tra gli altri, lavori di Mauro Montalbetti, Francesco Filidei, Carlo Galante, Gabrio Taglietti).
Gran finale del festival a Tricesimo, martedì 2 giugno, al Teatro Garzoni,  con una “doppietta” intensa: alle 18 il giovanissimo trombonista friulano Rocco Rescigno (membro dell’Accademia dei Berliner Philarmoniker) è alle prese con otto nuove pagine per strumento solo (tra i compositori gli italiani Sonia Bo, Bruno Zanolini, Biagio Putignano, il brasiliano Jorge Antunes); a seguire,alle 21 sempre al Garzoni, Fosca Briante e Tiziano Cantoni imbracciano i loro flauti per ben 12 prime assolute e una prima nazionale, di autori quali Giorgio Colombo Taccani, Mauro Cardi, ed i “regionali” Simone Movio e Paolo Longo. Tutti i concerti della rassegna sono a ingresso libero e molti degli autori eseguiti, unitamente agli interpreti e al pubblico presente, possonoconfrontarsi e condividere opinioni e visioni musicali in un momento conviviale al termine di ogni appuntamento.

L’incontro di mercoledì 27 maggio, dunque, a Palazzo Frangipane di Tarcento (ore 11.30) è un’ottima occasione per comprendere a fondo le dinamiche e le prospettive della rassegna, anche grazie alla presentazione del volume “Risuonanze 2015. Incontri di nuove musiche 2015” che correda il festival con tutte le informazioni sui nuovi compositori, sui brani, sugli interpreti e sullo spirito della rassegna. Ma – soprattutto – è resa preziosa dai contributi di tre intellettuali di grande spessore che hanno prestato il loro pensiero per la redazione di tre preziosi saggi, donati a Risuonanze. Enrico Fubini (firma di critica ed estetica musicale che il mondo ci invidia, emerito Professore all’Università di Torino) spiega come il rapporto tra la spinta creativa individuale dell’autore e il contesto culturale nel quale egli si muove generi elementi di grande tensione e mutamento continuo.Giacomo Fronzi (filosofo della musica tra i più apprezzati a livello nazionale) racconta come la tecnologia influisca sulla crescita personale dei singoli artisti e come essi – con questi nuovi strumenti, spesso “ingombranti” – si rapportino all’estetica e al gusto comune. Anche un intellettuale friulano, apprezzato e noto a livello nazionale, ha prestato generosamente la sua opera: si tratta di Roberto Calabretto (storico musicale, docente e Presidente del DAMS di Udine) che, attraverso l’affascinante figura di Robert Schumann, ha descritto l’evoluzione dei rapporti tra creatori e fruitori nella storia della musica, fino alla criticità odierna di un diffuso atteggiamento all’ascolto tendenzialmente semplice e riduttivo.

Di tutto questo, oltre che dei brani e degli autori protagonisti di Risuonanze 2015, si sentirà parlare e si potrà discutere mercoledì a Tarcento alle 11.30.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top