venerdì , 4 Dicembre 2020
Notizie più calde //
Home » SLIDER » PRIGIONIERO DELLA SECONDA STRADA 1 feb. TEATRO GIOVANNI DA UDINE

PRIGIONIERO DELLA SECONDA STRADA 1 feb. TEATRO GIOVANNI DA UDINE

image_pdfimage_print

Lui, il marito, è un piccolo uomo onesto; lei, la moglie, una donna coraggiosa che sa volare alto, come solo le donne sanno fare. La pièce prende il via in una serata estiva, tremendamente calda, a New York. Sul divano di casa sua, sulla Seconda Strada, Mel non riesce a dormire funestato da diversi, esilaranti contrattempi condominiali, ma soprattutto dal problema di come non dire alla moglie di essere stato appena licenziato, cosa di cui si vergogna enormemente. PRITITOLOL’affettuosa moglie Edna cerca di carpire il motivo della sua dichiarata insoddisfazione verso il lavoro di dirigente d’azienda che compie onestamente da ventidue anni. Dopo che i ladri svaligiano interamente la casa, non resta al povero Mel che affidarsi a “terapie psicologiche” che lo lasceranno ancora più solo; tocca a lei, ora, sostenere la famiglia, ma…PRIG
Commedia tra le più amare di Neil Simon, la più amata dall’autore, Prigioniero della Seconda strada ritrae un’umanità ferita dalla società, ma sempre capace di riscatto, in un ritmo dove il comico è come una luce sulle difficoltà dei rapporti umani e sul sollievo per la rivelazione che alla fine, a contare sono proprio solo quei rapporti di vicinanza difficile che, pur nel conflitto, si dimostrano amorevoli e veritieri e motori di autentico riscatto.

CROSSOVER Teatro del territorio

sabato 1 febbraio 2014·h 20.45

PRIGIONIERO DELLA SECONDA STRADA
di Neil Simon

con Maurizio Casagrande e Tosca D’Aquino

e Adriano Giraldi

musiche di Massimiliano Forza
scene Alessandro Chiti
costumi Alessandra Ricci
regia di Giovanni Anfuso

produzione: La Contrada-Teatro Stabile di Trieste

Alberta Gallo

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top