lunedì , 12 Aprile 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Cultura » MERCOLEDI’ 22 APRILE (CASA DELLA CONTADINANZA, ORE 18) “LE PAROLE PER DIRLO. COME CAMBIANO LE FORME DEI RAPPORTI SOCIALI”

MERCOLEDI’ 22 APRILE (CASA DELLA CONTADINANZA, ORE 18) “LE PAROLE PER DIRLO. COME CAMBIANO LE FORME DEI RAPPORTI SOCIALI”

image_pdfimage_print

Cosa significa oggi affidare un mandato politico? Cos’è rimasto del ‘patto sociale’ Dove e come si decide la “realpolitik”? E’ questo il tema del terzo appuntamento del ciclo “Le parole per dirlo. Come cambiano le forme dei legami sociali”, promosso dal festival Vicino/Lontano 2015 con la Sezione Fvg della Società Filosofica Italiana e con il patrocinio del Comune di Udine. Quattro incontri per leggere il nostro tempo: per trovare le parole più adatte a raccontare una società che si evolve sempre più rapidamente, che sempre più spesso ci lascia senza le forme utili a pensare il nuovo e senza le “parole per dirlo”. Vera e propria anticipazione tematica dell’XI edizione di Vicino/Lontano dedicata a “Totem e tabù” – in programma a Udine da giovedì 7 a domenica 10 maggio –  il progetto “Le parole per dirlo” prosegue mercoledì 22 aprile alla Casa della Contadinanza di Udine (ore 18) con il dialogo su “Politica e potere. Chi sono i soggetti del “patto”? Protagonisti saranno Giacomo Marramao, docente di Filosofia teoretica e Filosofia politica all’Università di Roma, autore di fondamentali opere di filosofia politica, e Luca Taddio, editore di Mimesis e studioso di fenomenologia, estetica e politica. L’incontro, a ingresso libero, sarà condotto da Beatrice Bonato. Info www.vicinolontano.it  email  info@vicinolontano.it   tel. 0432 287171

 

Nella figura del patto il pensiero politico moderno ha proiettato la fondazione della società civile e dello Stato: un patto a partire dai cittadini, dai loro interessi e dalle loro volontà rivolte al bene comune. Per quanto astratta sia poi risultata l’immagine del patto sociale, è sopravvissuta a lungo la convinzione democratica che la politica debba essere legittimata dal consenso, espresso attraverso procedure previste dalle costituzioni. Certo è risaputo che la politica “reale” viene decisa nelle stanze del potere, attraverso negoziazioni personali, e il realismo ha sempre avuto buon gioco nell’opporre l’impurità dell’azione alla purezza della teoria. Che però i soli patti da prendere sul serio siano quelli tra i leader politici, che le elezioni non contino quasi più, è effetto recente dell’evoluzione post-democratica dei nostri sistemi di governo e delle nostre società. Si tratta di un processo irreversibile o esiste qualche alternativa, magari più consistente e meno ambigua della democrazia digitale?

Giacomo Marramao insegna Filosofia teoretica e Filosofia politica all’Università di Roma Tre. Tra le sue pubblicazioni:Contro il potere. Filosofia e scrittura (Bompiani 2011); con Laterza sono usciti Kairós. Apologia del tempo debito (1992, 2005) e Cielo e terra. Genealogia della secolarizzazione (1994); presso Bollati Boringhieri Dopo il Leviatano. Individuo e comunità (2000, 2013), Potere e secolarizzazione. Le categorie del tempo (2005), Passaggio a Occidente. Filosofia e globalizzazione (2003, 2009), e La passione del presente. Breve lessico della modernità-mondo (2008).

Luca_Taddio (1)Luca Taddio è stato docente a contratto di Estetica presso l’Università di Udine, Trieste e Ferrara, dove insegna attualmente. Ha pubblicato i libri: Spazi immaginali (2004), Fenomenologia eretica (2011), L’affermazione dell’architettura (con Damiano Cantone, 2011), Global Revolution (2012), I due misteri (2012), Verso un nuovo realismo (2013). Con Pierre Dalla Vigna è direttore editoriale del Gruppo Mimesis.

Beatrice Bonato Insegna Storia e Filosofia al liceo “N. Copernico” di Udine. È presidente della

Vicino Lontano 2013 : Bonato Beatrice

Vicino Lontano 2013 : Bonato Beatrice

Sezione FVG della Società Filosofica Italiana e membro del comitato scientifico di vicino/lontano. Ha curato alcuni “Quaderni di Edizione”, tra cui Europensieri. Un’altra Europa? (Mimesis, 2014) e il numero 358 di “aut aut” La scuola impossibile(il Saggiatore, 2013).

 

 

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top