domenica , 26 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Cultura » Giovedì 18 febbraio alle 18 nella sala Corgnali della biblioteca PAOLO MAURENSIG OSPITE A DIALOGHI IN BIBLIOTECA
Giovedì 18 febbraio alle 18 nella sala Corgnali della biblioteca PAOLO MAURENSIG OSPITE A DIALOGHI IN BIBLIOTECA

Giovedì 18 febbraio alle 18 nella sala Corgnali della biblioteca PAOLO MAURENSIG OSPITE A DIALOGHI IN BIBLIOTECA

image_pdfimage_print

Sarà Paolo Maurensig l’ospite d’onore del prossimo appuntamento di “Dialoghi in Biblioteca”, la rassegna di incontri con l’autore organizzata dalla biblioteca civica “V. Joppi” di Udine e dall’assessorato alla Cultura. Giovedì 18 febbraio alle 18 in sala Corgnali è in programma la presentazione del nuovo romanzo dello scrittore friulano, Teoria delle ombre, edito nel 2015 da Adelphi. Dialogherà con l’autore il direttore della biblioteca “Joppi”, Romano Vecchiet.

La mattina del 24 marzo 1946 Alexandre Alekhine, detentore del titolo di campione del mondo di scacchi, venne trovato privo di vita nella sua stanza d’albergo, a Estoril. L’esame autoptico certificò che il decesso era avvenuto per asfissia, e che questa era stata provocata da un pezzo di carne conficcatosi nella laringe – escludendo qualsiasi altra ipotesi. La stampa portoghese pubblicò la versione ufficiale, e il caso fu rapidamente archiviato. Da allora, però, sulle cause di quella morte si sono moltiplicati sospetti e illazioni. Qualcuno ha insinuato che le foto del cadavere facevano pensare a una messinscena. Qualcun altro si è chiesto come mai Alekhine stesse cenando nella sua stanza indossando un pesante cappotto, senza contare che il defunto aveva un passato di collaborazionista, e che i sovietici lo giudicavano un traditore della patria. Con il fiuto e il passo del narratore di razza, e con la sua profonda conoscenza del mondo degli scacchi (“lo sport più violento che esista”, ha detto uno che se ne intendeva, Garri Kasparov), Paolo Maurensig indaga sulla morte di Alekhine cercando di scoprire, come dice Kundera citando Hermann Broch, “ciò che solo il romanzo può scoprire”.

Arrivato al successo nel 1993 con “La variante di Lünenberg”, romanzo che narra di una partita fra due maestri di scacchi che si prolunga idealmente attraverso gli eventi storici dell’ultima guerra, Paolo Maurensig si è consacrato come uno dei più importanti autori italiani anche con il suo secondo romando, “Canone inverso”, pubblicato nel 1996 e portato sul grande schermo da una versione cinematografica diretta da Ricky Tognazzi. Molti i più recenti, suggestivi e fascinosi romanzi pubblicati da Mondadori, tra cui Il guardiano dei sogni (2003), Vukovlad (2006), Gli amanti fiamminghi (2008).

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top