martedì , 27 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Danza » Da martedì 17 febbraio. Arriva al Teatro Nuovo la No Gravity Dance Company per condurci Dall’Inferno al Paradiso guidati da Dante.

Da martedì 17 febbraio. Arriva al Teatro Nuovo la No Gravity Dance Company per condurci Dall’Inferno al Paradiso guidati da Dante.

image_pdfimage_print

Martedì 17 febbraioalle ore 20.45 (con repliche mercoledì 18 e giovedì 19, stesso orario) arriva al Teatro Nuovo Giovanni da Udine la No ventagliGravity Dance Company con Dall’inferno al paradisoI viaggi dell’anima, una creazione di Emiliano Pellisari, con coreografie dello stesso Pellisari e di Mariana Porceddu.Dall’Inferno al Paradiso intende rappresentare i viaggi dell’anima, dando forma ad alcune delle più emblematiche visioni delle cantiche dantesche. Figure e idee che Dante racconta nella Divina Commedia e che le splendide coreografie fanno muovere senza peso, grazie ad un’intuizione fisica e poetica di una vera e propria danza aerea che funge da base a un allestimento che lascia lo spettatore senza fiato. Il punto focale è l’armonia dei movimenti del corpo dei danzatori, la flessuosità e la purezza dei movimenti. Un’altalena di emozioni che tra la meraviglia dell’illusione e la piacevolezza del risultato visivo creano un ininterrotto coinvolgimento emotivo del pubblico che strappa applausi. Le donne e gli uomini, terrestri e divini, mortali e immortali, che Dante racconta nella Divina Commedia non sono corpi. Ma intelligenze, memorie, visioni, desideri, idee: anime. E le anime non pesano. Questa intuizione fisica e poetica è il punto di appoggio dal quale prende, letteralmente, il volo l’allestimento di Emiliano Pellisari. Grazie al recupero di tecniche sceniche e illusionistiche care anche al teatro barocco, i suoi danzatori, acrobati e attori rendono, cantica dopo cantica, del tutto credibile questa rappresentazione del percorso dantesco. Dall’Inferno verso il Paradiso il viaggio si smaterializza sempre più e maxresdefaultnello stesso tempo, sempre più a fuoco è il cuore visivo dello spettacolo, il progressivo smarrimento di sé dell’uomo Dante, nel prevalere di uno stupefatto sentire spirituale, di una sospesa e candida leggerezza. Le scelte musicali compiono identico cammino, perdendo anch’esse di peso, in armonia con il viaggio nella conoscenza e nello stupore.

Si ricorda che lunedì 16 febbraio, alle ore 17.30, nel Foyer del Teatro, lo spettacolo sarà anticipato da un nuovo appuntamento di Casa Teatro intitolato ATTRAVERSO LA ‘COMMEDIA’: DIALOGHI PER IL FUTURO,PARADISO: LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ, a cura di Domenico De Martino (docente di Filologia dantesca dell’Università di Udine), con Roberto Mordacci (filosofo, Preside della Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano) e Giuseppe Bevilacqua (Direttore artistico Prosa del Teatro Nuovo Giovanni da Udine) impegnato in una lettura dal Paradiso, canto IV (Beatrice).

 

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top