mercoledì , 28 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » HOT » 20, 21 e 22 nov. 2014 – ore 20.45 IL MERCANTE DI VENEZIA

20, 21 e 22 nov. 2014 – ore 20.45 IL MERCANTE DI VENEZIA

image_pdfimage_print

MERCANTE3Composta tra il 1596 e il 1598 e rappresentata a Corte per la prima volta nel 1605, la Commedia appartiene al genere shakespeariano detto “Commedie Romantiche”, tese, attraverso l’intrattenimento a «far partecipare il pubblico al gioco della vita» (G. Melchiori), dove il tema classico dell’amore viene in subordine rispetto ai contenuti “romanzeschi”. Amore e denaro, si intrecciano attorno alla vicenda di Shylock, un mercante ebreo molto maltrattato ed emarginato dalla società di Venezia, che presta una somma di denaro ad Antonio pretendendo come pegno una libbra di carne del suo corpo. Antonio chiede il prestito per poter aiutare l’amico Bassanio a conquistare la bella Porzia; l’impresa riesce, tuttavia Antonio non ha di che restituire a Shylock, ma… In questa edizione, il regista vuole fare del Mercante: «una MERCANTE2grande favola, e una festa del teatro. Cioè della speranza. L’essenziale – scrive Binasco – riguardo a Shylock, non è che sia un eretico o un ebreo, ma che sia un outsider. Outsider, qui, vuol dire qualcosa di più di diverso. Vuol dire proprio straniero. Estraneo». Ed è proprio il teatro, appunto, a poter ricomporre, nella festa, ogni diversità.

MERCANTEIL MERCANTE DI VENEZIA 
di William Shakespeare
con Silvio Orlando 
e la Popular Shakespeare Kompany
(in o.a.) Andrea Di Casa, Fabrizio ContriElena Gigliotti, Milvia Marigliano, Simone Luglio, Nicola PannelliFulvio Pepe, Sergio Romano, Barbara Ronchi, Roberto Turchetta, Ivan Zerbinati
musiche originali di Arturo Annecchino
scene di Carlo de Marino
luci di Pasquale Mari
costumi di Sandra Cardini
regia di Valerio Binasco
produzione: Veronica Mona con Oblomov Films S.r.l. e Compagnia Enfi Teatro

Alberta  G..

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top