domenica , 9 Maggio 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Annunci e proposte » “NATALE TRA FOSSILI E ABISSI” al Museo Civico di Storia Naturale Via dei Tominz, 4

“NATALE TRA FOSSILI E ABISSI” al Museo Civico di Storia Naturale Via dei Tominz, 4

image_pdfimage_print

Dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 14 A Natale ritorna la Latimeria al Museo di Storia Naturale e, per l’occasione: 6 giornate con 12 visite guidate gratuite e uno speciale laboratorio per bambini Erano ormai 5 anni che non era più esposta al pubblico, ma nel giugno del 2011 fece tanto parlare di se perché la formaldeide che fuoriuscì dalla sua vasca, impregnando i pavimenti di Palazzo Biserini, costrinse alla chiusura l’Emeroteca di Piazza Hortis. Ora, dopo un anno di attento restauro a cura dei preparatori del Museo (Andrea Dall’Asta e Sergio Martincich, che hanno operato sul delicatissimo animale con speciali tute, guanti e maschere protettive), la Latimeria torna esposta nel nuovo Museo di Storia Naturale di Via Tominz. L’esposizione si deve, oltre al personale del Museo, anche al mecenatismo della ditta Zoic di Trieste. Specializzata in forniture museali e strumenti espositivi, la ditta Zoic ha generosamente donato al Museo una speciale vasca “blindata”, appositamente progettata dal titolare, Flavio Bacchia e da Roberto Cherin, per evitare fuoriuscite di formaldeide e, nella peggiore delle ipotesi, contenerle in modo che non possano espandersi negli ambienti circostanti. La vasca è quindi un pezzo unico, un prototipo realizzato appositamente per la preziosa Latimeria triestina. Realizzata in un’apposita lega alluminio-magnesio (generalmente usata per nautica specializzata) con appositi cordoli di saldatura omogenei, triplica la resistenza dell’allumino normale. I cristalli sono temperati e il basamento è anche uno speciale serbatoio di contenimento di sicurezza, verniciato con resina epossidica atossica, progettata per serbatoi in immersione. A presentare la novità, l’Assessore all’Educazione Antonella Grim, che ha sottolineato l’ampia valenza didattica ed educativa per le scuole e l’Università. La Latimeria (detta anche celacanto) è un rarissimo pesce abissale dell’Oceano Indiano che, vivendo in un ambiente immutato da 65 milioni di anni, non ha subito la selezione naturale che porta all’evoluzione delle forme. Vero e proprio fossile vivente, è sopravvissuta ai dinosauri e alle glaciazioni, mantenendo le caratteristiche “zampe pinnate” che hanno permesso l’evoluzione verso la terraferma di altri pesci primitivi, antenati di tutti noi che popoliamo le terre emerse. Il Museo di Storia Naturale di Trieste è uno dei pochi al mondo a possedere una simile pietra miliare delle scienze ed è quindi felice ed onorato di poterla ripresentare ai cittadini ed ai turisti. Da dicembre, il Museo di Storia Naturale è aperto anche tutti i sabati, dalle 9 alle 14 e, per festeggiare il ritorno della Latimeria sono previste 6 giornate con 12 speciali visite guidate gratuite al mondo dei fossili e dell’evoluzione delle catene alimentari: sabato 22, lunedì 24, giovedì 27, sabato 29 dicembre e giovedì 3 e sabato 5 gennaio le visite guidate inizieranno alle 10 e alle 11.30. Le visite del 24 dicembre, Vigilia di Natale, saranno precedute pure da un laboratorio didattico di paleontologia per bambini sui calchi dei fossili (ingresso consentito sino ad esaurimento dei posti disponibili).

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top