REGOLAMENTO D’INTRATTENIMENTO per “TRIESTE ESTATE 2012”.

Il programma degli appuntamenti previsti per “Trieste Estate 2012” e la bozza del nuovo regolamento d’intrattenimento dei pubblici esercizi: sono stati questi i principali temi al centro del pubblico incontro, svoltosi oggi pomeriggio (lunedì 11 giugno) nell’auditorium del Civico Museo Revoltella di via Diaz 27, al quale sono intervenuti gli assessori al Commercio Elena Pellaschiar, allo Sviluppo economico Fabio Omero, il direttore Promozione e Progetti culturali Adriano Dugulin, il direttore delle Biblioteche Civiche Bianca Cuderi e numerosi rappresentanti dei commercianti, degli esercenti pubblici e delle associazioni di categoria. Gli assessori Pellaschiar e Omero hanno ribadito la volontà dell’Amministrazione comunale di mettere a punto un regolamento d’intrattenimento nei pubblici esercizi il più adeguato e funzionale possibile, in grado di accogliere le istanze, le segnalazioni e i suggerimenti degli operatori, con l’obiettivo di arrivare ad un documento partecipato e frutto di una positiva collaborazione, volto a risolvere soprattutto il problema degli schiamazzi fuori dai locali. Le linee guida della bozza di regolamento comunale per la disciplina dell’attività di allietamento, intrattenimento e pubblico spettacolo sono state illustrate dall’assessore Elena Pellaschiar che ha ricordato come il regolamento sia stato richiesto proprio dalla categoria dei Pubblici esercizi.  Tra i punti caratterizzanti della proposta sono state ricordate le condizioni  di esercizio per l’allietamento (il carattere complementare e sussidiario, senza fine diretto di lucro, senza tessere associative e simili, senza aumento del prezzo, senza modifica assetto locale pedane, camerini ecc, nel luogo dove la clientela accede e sosta per la consumazione e senza ballo). L’attività musicale svolta all’esterno cesserà alle ore 23 (venerdì e sabato alle 24), con eventuali deroghe in giornate stabilite. Per le attività di allietamento consistenti in karaoke, esibizioni ed esecuzioni musicali dal vivo e Dj, il titolare dell’attività dovrà presentare al Comune una segnalazione certificata di inizio attività.

L’intrattenimento all’esterno a carattere non imprenditoriale sarà consentito, per non più di tre volte la settimana, sino alle ore 24, prevedendo deroghe come per l’allietamento. Per quanto riguarda invece l’intrattenimento a carattere imprenditoriale, il locale dovrà essere adeguatamente insonorizzato e rispettare la normativa in materia di inquinamento acustico. In questo caso l’orario consentito sarà fino alle 4 mentre per gli intrattenimenti svolti all’esterno sarà fino alle 24.

Le disposizioni comuni agli allietamenti e agli intrattenimenti musicali prevedono di osservare scrupolosamente quanto  previsto in materia di inquinamento acustico, adottando tutte le misure idonee e necessarie al fine di evitare il disturbo alla quiete pubblica e a non compromettere il diritto al riposo dei residenti delle zone circostanti. Le attività musicali non possono essere in contrasto con l’ordine, la sicurezza, il decoro e la morale pubblica. Inoltre per i locali aperti oltre le ore 24, ai gestori viene richiesta un’adeguata collaborazione per mantenere la quiete pubblica e consentire il riposo notturno.

“L’obiettivo –ha detto l’assessore Elena Pellaschiar- è fare in modo che Trieste sia vivibile, coniugando le giuste esigenze di chi esercita un’attività imprenditoriale con chi abita e vive nella nostra città”.

In apertura dell’incontro i direttori  Adriano Dugulin e  Bianca Cuderi hanno presentato l’articolato cartellone di “Trieste Estate 2012” che, oltre a svilupparsi nel piazzale delle Milizie del Castello di San Giusto e in piazza Verdi, propone numerosi appuntamenti anche nei diversi rioni della città, da Borgo San Sergio a Opicina, da Cittavecchia a Melara e Ponziana.