mercoledì , 19 Maggio 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Annunci e proposte » QUANDO I BAMBINI SONO CHIUSI NEL LORO MONDO”

QUANDO I BAMBINI SONO CHIUSI NEL LORO MONDO”

image_pdfimage_print

Iniziata dall’associazione “Progetto Autismo Fvg” la serie di incontri che il neo assessore comunale Simona Liguori vuole intraprendere con i sodalizi cittadini

Una serie di incontri volti ad approfondire i problemi che quotidianamente i cittadini si trovano ad affrontare quando nelle case vi sono familiari con disabilità ed handicap. È iniziata con l’associazione ProgettoAutismo FVG Onlus la serie di incontri che il neo assessore alle Politiche Sociali e alla Sanità del Comune di Udine, Simona Liguori, ha voluto intraprendere fin dall’inizio del suo mandato. L’incontro con l’associazione ProgettoAutismo, che si è svolto anche alla presenza del vicesindaco Agostino Maio, è stata dunque l’occasione per ascoltare problematiche e suggerimenti di un sodalizio che da anni si occupa di bambini autistici. I bambini con autismo appaiono chiusi nel loro piccolo mondo. Hanno difficoltà nei giochi interattivi, nel condividere le emozioni, fare amicizie e nel comprendere ciò che gli altri pensano e provano. È ancora un male sconosciuto, un disordine cerebrale complesso che coinvolge molti aspetti dello sviluppo dei bambini, incluso il modo di parlare, di giocare e di interagire. Secondo l’organizzazione mondiale della sanità 1 bambino su 100 è affetto da questa sindrome comportamentale che fino a qualche anno fa era una diagnosi senza ritorno. Oggi un bambino autistico può riuscire a comunicare, a giocare attraverso un’assistenza adeguata che tenga conto delle cure  e dell’assistenza integrate tra azienda sanitaria, il sistema della scuola e dei servizi sociali.
E tutta la volontà di cercare di vivere una vita normale è emersa domenica scorsa quando bambini con autismo hanno partecipato al saggio finale Unione Nuoto Friuli al Tomadini. “Da parte mia e di tutto l’assessorato – spiega Liguori – c’è la piena disponibilità all’ascolto dei cittadini e l’impegno a cercare di affrontare le criticità e di dare risposte anche attraverso la sinergia tra i servizi esistenti e le associazioni di volontariato, in modo tale da evitare le frammentazioni degli interventi con conseguente diminuzione della loro efficacia”. Soddisfatta dell’incontro la presidente dell’associazione Elena Bulfone. “Abbiamo indicato all’assessore le priorità e i bisogni delle persone autistiche e delle loro famiglie che si trovano in situazioni di grande disagio. In questo contesto è fondamentale sensibilizzare la popolazione, aiutare i pediatri a riconoscere i primi sintomi e avviare i casi sospetti alle strutture specializzate in diagnosi e terapia. Ma anche raccogliere fondi per finanziare a ricerca, supportare le associazioni di volontariato,  gli enti locali e le Aziende sanitarie che lottano sul territorio per dare supporto alle famiglie e un futuro alle persone colpite. Il Comune di Udine, nella veste del suo assessore alle Politiche Sociali e alla Sanità – prosegue – sta affiancandosi attivamente all’associazione nel percorso di riapertura del tavolo regionale sull’autismo, indispensabile per orientare le politiche sociali e sanitarie dedicate a questa popolazione infantile e adulta a rischio di esclusione sociale”.

 

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top