mercoledì , 4 Agosto 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Libri » Gian Mario Villata racconta “Satyricon 2.0”

Gian Mario Villata racconta “Satyricon 2.0”

image_pdfimage_print

Pordenone. Nel I secolo dopo Cristo Petronio scrisse il “Satyricon”, un affresco in chiave comico-grottesca della società contemporanea. A distanza di duemila anni lo scrittore pordenonese Gian Mario Villalta propone il “Satyricon 2.0”, una riscrittura contemporanea dell’opera dell’autore latino. Il libro sarà presentato dall’autore, nonché direttore artistico del festival Pordenonelegge, questa sera alle 20.45 a Palazzo Badini. A dialogare con Villalta sarà Antonella Silvestrini, presidente dell’associazione La Cifra e organizzatrice dell’evento.

Satyricon 2.0” raconta le peripezie di Giuseppe, un giovane assistente universitario, ancora non confermato ricercatore, che insieme a Giorgio e Lucia si trova coinvolto in un viaggio attraverso l’Italia di oggi. Ad animare questo tour continue sorprese, grottesche avventure e incontri bizzarri. La vena affabulatoria propone avventure e colpi di scena in cui si mescolano amicizia e amore, sesso e impotenza, reale e virtuale. Avventure ambientate tra il grigiore della provincia e lo splendore di una Roma imperiale ormai decadente. Il racconto è una chiara metafora dei nostri tempi, di cui Villalta narra contraddizioni e incongruenze. Come per Petronio lo strumento prediletto è quello dell’ironia, che svela senza moralismo né retorica i vizi e le virtù che si annidano nelle pieghe della realtà.

About Vito Digiorgio

Vito Digiorgio
Giornalista pubblicista iscritto all’Albo dei giornalisti dal 2013. Si è laureato all'Università di Udine con una tesi sulla filologia italiana. Collabora con alcune testate giornalistiche on line.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top