sabato , 18 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Il bilancio 2012 del comune di Udine pareggia a quota 160 milioni

Il bilancio 2012 del comune di Udine pareggia a quota 160 milioni

image_pdfimage_print

Honsell: “Nonostante le minori entrate, non aumenteremo l’Irpef e garantiremo la qualità dei servizi ai cittadini”

 Martines: “Lasciare inalterata la spesa sociale e lavorare sui costi di gestione, ridotti di oltre 1 milione, è il principio a cui ci siamo ispirati”

“In un anno fra i più difficili in assoluto, abbiamo deciso di lasciare invariata l’addizionale Irpef e per quanto riguarda l’Imu non chiederemo di più di quanto abbiamo incassato l’anno scorso. In particolare sulla prima casa non ci sarà nessun aumento. Uno sforzo non da poco per il Comune, che nel 2012 vedrà arrivare nelle sue casse 7 milioni in meno di trasferimento dallo Stato un milione e mezzo in meno dalla Regione e 350 mila euro in meno per gli asili nido, a cui si aggiungono due milioni in meno di introiti sulle partecipate, mentre dovrà versare a sua volta 450 mila euro di Imu allo Stato”. Commenta così il sindaco Furio Honsell la manovra del bilancio di previsione 2012 del Comune di Udine, approvato dalla giunta e che ora passerà al vaglio del Consiglio comunale. Il bilancio di previsione 2012 pareggia a quota 160 milioni e prevede circa 136 milioni di parte corrente (circa 1 milione in meno rispetto all’anno scorso) e 24 milioni di investimenti in opere pubbliche (10 in meno rispetto al 2011).

“Non ci saranno tagli sulla qualità dei servizi ai cittadini, dalla pulizia delle palestre all’apertura delle biblioteche, fino ai doposcuola – dichiara Honsell –. Siamo stati costretti a ridurre i contributi per le manifestazioni e alle associazioni, anche se comunque ci sarà ossigeno per tutti”.

Le entrate correnti sono pari a circa 135 milioni (135 milioni 629 mila euro) a cui si aggiungono i 258 mila euro di quota di avanzo di amministrazione. Per quanto riguarda le spese, circa 123 milioni (per l’esattezza 122 milioni 649 euro) riguardano la spesa corrente a cui si aggiungono 13 milioni di quote capitali per mutui e prestiti.

“In questi anni – sottolinea il vicesindaco e assessore al Bilancio, Vincenzo Martines – le difficoltà di stesura del bilancio sono aumentate, anche perché sono cambiate le regole generali e tutti i comuni sono stati quindi costretti a tenerne conto. L’acuirsi della crisi – prosegue – ci ha costretti a lavorare in regime di risorse sempre decrescenti. Nonostante questo abbiamo mantenuto saldi i principi che ci siamo dati in questi anni, ovvero lasciare inalterata la spesa per il sociale, che resta stabile, e lavorare sui risparmi di costi di gestione, che quest’anno abbiamo tagliato per oltre 1 milione di euro. Sul fronte degli investimenti – dichiara ancora Martines – il nuovo patto di stabilità ha ridotto il tetto massimo per il Comune di Udine e ci costringe dunque a lavorare fino ad un massimo di 10 milioni di euro. A tutto questo, si aggiunge l’introduzione della tariffa Imu, che proprio per il fatto che è una nuova imposta ci consente di sperimentare nuove situazioni che aggiorneremo quando avremo i dati definitivi”. Il vicensindaco si dice poi “particolarmente soddisfatto per il fatto di essere riusciti, così come indicato dal sindaco, a non aumentare l’addizionale Irpef, che invece avrebbe colpito tutti, anche i meno abbienti, lasciando l’aliquota allo 0,2 per mille. Una tra le più basse, considerato che quest’anno lo Stato ci avrebbe permesso di arrivare fino all’1 per mille. Questo – conclude – si traduce nel fatto che le buste paga degli udinesi non risentiranno di nessun aumento legato all’addizionale comunale”.

La stragrande maggioranza delle spese è destinata alle prestazioni di servizi (più di 56 milioni di euro di assestato, quasi un milione in più rispetto al 2011, anche se bisogna considerare le maggiori spese sostenute quest’anno per il censimento e per le celebrazioni relative ai 150 anni dell’Unità d’Italia) e ai costi per il personale (oltre 36 milioni di euro). Nelle spese per i servizi la fanno da padrone quelle destinate alla gestione (18 milioni circa, quasi un milione in meno rispetto al 2011, tra cui segnaletica, illuminazione, smaltimento rifiuti) e quelle per le svariate attività e iniziative realizzate dal Comune (oltre 17 milioni, tra cui centri ricreativi estivi, attività per i giovani, iniziative culturali e turistiche). Le spese per i servizi sono formate anche da quelle per il funzionamento (13 milioni di euro) e da quelle per servizi in convenzione, ad esempio per musei, asili nido, piscine, impianti sportivi, servizi scolastici, ecc (7 milioni). Le spese per l’acquisto di beni (pulizia, cancelleria, ecc.), infine, ammontano a circa un milione e mezzo, 40 mila euro in meno rispetto all’anno scorso.

Un’altra voce importante di spesa è quella dei trasferimenti, che sono pari a 16 milioni 820 mila euro. Fra le poste più significative ci sono quelle per gli interventi assistenziali (3 milioni di euro), la gestione dell’Ambito socio-assistenziale (6 milioni 413 mila euro), gli interventi a favore dei minori (225 mila euro) e quelli per i portatori di handicap (100 mila euro). Per quanto riguarda le entrate, 62 milioni 632 mila euro arrivano al Comune grazie ai trasferimenti (dei quali 58 milioni dalla Regione, 4 milioni dallo Stato e 430 mila euro circa da altri enti pubblici), 43 milioni derivano da entrate tributarie (Irpef, Ici, Tia, addizionale dei consumi di energia elettrica) e 29 milioni da entrate extratributarie, ovvero connesse ai diversi servizi realizzati dal Comune, come piscine, asili nido, mense scolastiche, servizi ricreativi, di pre e post accoglienza, doposcuola, concessioni cimiteriali e sponsorizzazioni.

 

ENTRATE  
Tributarie (Imposta su pubbliche affissioni e pubblicità, Irpef, Tia, Ici attività accertativa, Imu)

43.768.500

Contributi dallo Stato

4.029.432

Contributi dalla Regione Fvg

58.173.365

Contributi da organismi comunitari e internazionali e altri enti pubblici (es. Comuni dell’Ambito, Provincia di Udine, Provincia di Ferrara, Comuni Aster Inpdap, Credito sportivo)

429.531

Totale contributi e trasferimenti

62.632.328

Extratributarie (servizi pubblici come piscine, asili, mense, ecc., concessioni cimiteriali, sponsorizzazioni)

29.229.152

Totale entrate correnti

135.629.980

Avanzo di amministrazione

258.872

Totale entrate

135.888.852

 

SPESE  
Personale (Irap compresa)

36.937.410

Acquisto di beni (pulizia, cancelleria, ecc.)

1.551.448

Spese di funzionamento (organi istituzionali, riscaldamento, manutenzioni varie, formazione personale, ecc.)

13.026.514

Spese di gestione (semafori, segnaletica, illuminazione, raccolta e smaltimenti rifiuti, incarichi professionali previsti per legge, ecc.)

18.680.548

Servizi in convenzione (musei, asili nido, piscine, impianti sportivi, servizi scolastici, ecc.)

7.124.800

Spese per attività e iniziative (centri ricreativi, attività per i giovani, iniziative culturali e turistiche)

17.696.985

Servizi minori

105.225

Totale prestazioni di servizi

56.634.072

Utilizzo di beni di terzi

2.667.230

Trasferimenti

16.820.071

Interessi passivi e oneri ammortamento prestiti

6.505.184

Imposte e tasse (Imu 450.000 e varie 123.112)

573.112

Oneri straordinari gestione corrente

561.372

Fondo di riserva

400.000

Totale spese correnti

122.649.899

Rimborso quote capitali di mutui e prestiti

13.238.953

Totale spese

135.888.852

 

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top