FURIO HONSELL SI RICONFERMA SINDACO DI UDINE

Con circa il 55% degli elettori a suo favore Furio Honsell si riconferma sindaco di Udine. Risultato non scontato alla vigilia per l’ultima carica del suo avversario Adriano Ioan e per il timore, poi avverato, di un forte astensionismo. Infatti solo  38.338 si sono recati alle urne per scegliere il loro nuovo sindaco e su un totale di 79212 cittadini elettori alla fine è stata la scelta di circa ventimila votanti quella vincente per il sindaco uscente.  
Laureato in matematica all’ Università degli studi di Pisa nel 1980, Furio Honsell ha conseguito il diploma in matematica presso la Scuola Normale Superiore di Pisa nel 1983 . Ha ricoperto posti di ricerca e di ruolo presso il dipartimento di informatica dell’ Università di Torino (Ricercatore dal 1983 al 1985), Edinburg University (Research Fellow in Computer Science dall’ 86 all’88), Università di Udine (professore associato ). I suoi interessi di ricerca sono molto ampi, in particolare si è occupato di Lambda calcolo e di semantica dei linguaggi. Rettore dell’Università di Udine dal giugno 2001 fino alla candidatura a Sindaco di Udine nel 2008.

Con il secondo mandato cercherà di attuare il suo programma che mette al primo posto il lavoro con obiettivi specifici che riprendiamo dal suo programma:

  • Artigiani: favorire le attività di quartiere, contrazione delle imposte e dei tributi TARES, IMU, istituzione di una consulta, azioni volte a favorire la riduzione degli affitti, innovazione.  Commercianti: contrazione imposte e tributi TARES, IMU, potenziare i servizi di parcheggio e orchestrare eventi di intesa in tutto l’arco dell’anno nelle piazze, nelle vie, per attrarre turisti e cittadini e competere con l’attrattività dei centri commerciali. Esercenti: contrazione imposte e tributi TARES, IMU, zonizzazione e regolamento strutture esterne di intesa con la soprintendenza, codice di autodisciplina per rispettare le esigenze di tutti, comprese quelle dei residenti che rendono vivi i nostri centri storici. Industriali: contrazione imposte e tributi TARES, IMU, potenziamento della ZIU, favorire lo sviluppo dello scalo ferroviario.
  • Continuare a investire sui temi dell’energia, rendendo ancora più incisive  le azioni del Piano Energetico Comunale finalizzate a un uso razionale dell’energia, efficientamento del risparmio energetico, incentivo alle fonti alternative, innovazione tecnologica. Incentivare l’utilizzo solare termico e fotovoltaico, idroelettrico, geotermico, delle biomasse del verde pubblico per centrali termiche. Serve una forte attenzione sul tema della certificazione energetica degli edifici sia pubblici che privati a livello di regolamento e controllo. Un Piano Casa per la ristrutturazione delle vecchie abitazioni. Proporremo interventi per l’isolamento termico del tetto e delle murature a cassa vuota dove è possibile, aumentando l’efficienza energetica degli edifici. 
Ed ora buon lavoro signor Sindaco.
Enrico Liotti

direttore    responsabile