domenica , 26 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » ESTATE NOVARESE: “INSOLITE NOTE” CON LE ATMOSFERE DI “TANGOCINCO”

ESTATE NOVARESE: “INSOLITE NOTE” CON LE ATMOSFERE DI “TANGOCINCO”

image_pdfimage_print

Domani sera alle 21.30 nel cortile di Palazzo Vochieri.

La ricetta è semplice, ma proprio per questo affascinante: prendere la musica, scegliendo temi e atmosfere non consuete, collocarla in un angolo della città che merita di essere visto e conosciuto, costruire un palinsesto della serata che affianchi l’esecuzione musicale alla presentazione artistica e storica del luogo. È questo il “segreto” di “Insolite note”, una delle rassegne che costituiscono l’ossatura dell’Estate Novarese 2012, appena partita con successo. «Pensavamo – spiega l’assessore al sistema dei beni e delle attività  culturali – ad una chiave diversa con cui proporre una serie di concerti, e l’abbiamo trovata con Insolite Note. Un modo di ascoltare la musica valorizzando anche il palcoscenico». La rassegna parte domani, mercoledì 4 luglio, alle 21.30 nel cortile di Palazzo Vochieri in corso Cavallotti 4, la sede della biblioteca Civica Negroni. Uno spettacolo, quello che si prepara, che dà già in modo chiaro la “cifra” della rassegna. Di scena infatti, uno dei più interessanti gruppi che a livello nazionale si sono dedicati alla musica latinoamericana, e al tango in particolare. Una musica densa di emozioni e di colori. Come dicono i versi di una famosa canzone, il tango è rabbia, dolore, fede, assenza Il gruppo che arriva domani a Novara rappresenta una vera eccellenza. Il quintetto (Pamela Falconi – flauto; Nicoletta Bassetti – viola Giuliano Romagnesi – chitarra; Carmen Falconi – pianoforte; Gianluca Ravaglia – contrabbasso) da anni si dedica allo studio e all’esecuzione del tango rio platense, quello nato nelle due grandi capitali cresciute sulle rive del Rio De La Plata, Buenos Aires e Montevideo, facendone rivivere le tipiche atmosfere e suggestioni. Il gruppo, nato nel 2002, è costituito da artisti provenienti da esperienze musicali diverse, I diversi percorsi di formazione che vanno dal jazz alla musica classica permettono all’ensemble di affrontare il tango unendo l’approccio classico a quello più improvvisativo tipicamente jazzistico. Tangocinco esegue brani appartenenti alla tradizione del tango (Gardel, Stamponi, Troilo) e giunge ad esplorare il linguaggio del tango nuevo di Astor Piazzolla e di altri autori contemporanei. Il gruppo si è perfezionato, infatti, con il bandoneónista uruguayano di fama internazionale H. Ulises Passarella, con l’intenzione di avvicinarsi al tango in modo filologico e rispettoso del mondo che esso racconta. La scelta insolita di affidare la parte solista al flauto si deve alla volontà di riprodurre la formazione con la quale il tango ha preso vita sulle rive del Rio de la Plata. Nell’autunno del 2006 Tangocinco ha inciso il suo primo cd intitolato Ventana, con la preziosa partecipazione della cantante Giulia Maria Aruffo, la cui voce ha arricchito il lavoro del quintetto. Il cd include brani di tango tradizionali, brani di Piazzolla e Passarella; inoltre, in esso compare il contributo originale di Giuliano Romagnesi, grazie al quale il tango incontra il jazz e le sue atmosfere. Dal 2009 il gruppo collabora con la danzatrice Emilia Sintoni con cui ha realizzato la performance dal titolo Solotango in cui danza moderna e musica rioplatense si fondono con grande originalità e creatività. Sempre nel 2009 è nato il fruttuoso incontro con la voce del cantante, pianista, compositore argentino Mariano Speranza con cui il gruppo ha inciso nell’ottobre 2010 il secondo cd intitolato Aire. In quest’ultimo lavoro Tangocinco ha accolto ed elaborato in modo personale il tango, grazie soprattutto alle suggestioni del linguaggio jazz. Nel corso della serata, realizzata con la collaborazione dell’Atl della Provincia di Novara,  una guida specializzata che interverrà tra il primo e il secondo tempo del concerto, presenterà al pubblico la storia e le suggestioni del luogo dove il concerto si svolge. Scenario di questo primo appuntamento sarà, come detto, Palazzo Vochieri sede della biblioteca.

Lo spettacolo prende il via alle 21.30. L’ingresso è libero. In caso di maltempo saranno utilizzati gli spazi al coperto al piano terra della Biblioteca stessa. 

 

About Carlo Liotti

Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top