giovedì , 4 Marzo 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » DOVE FARE I DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO?

DOVE FARE I DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO?

image_pdfimage_print

I DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO

La carta d’identità

La carta d’identità, valida anche per l’espatrio, è il documento principale per l’identificazione dei cittadini italiani o residenti sul territorio. È strettamente personale e contiene i dati anagrafici, lo stato civile, la cittadinanza, la professione e una fotografia. I cittadini maggiorenni devono presentarsi al comune di persona con i seguenti documenti :

  • modulo compilato con i propri dati anagrafici
  • tre fotografie recenti, uguali e senza copricapo
  • eventuale carta di identità scaduta
  • un valido documento di riconoscimento

La richiesta della carta può essere fatta in qualunque momento ma per il rilascio, per il rinnovo, invece, si può fare la richiesta a partire da 180 giorni prima della data di scadenza del documento. Ricordiamo che la validità della carta è di 10 anni. Il rinnovo della carta deve essere effettuato anche per cambiamento dei dati personali, per smarrimento o furto.

Il passaporto elettronico

Il passaporto elettronico è un documento di riconoscimento, simile al passaporto ordinario, ma con caratteristiche di stampa anticontraffazione che offrono standard di sicurezza più elevati. Su un microprocessore installato nella copertina del libretto, infatti, sono memorizzate la foto, i dati anagrafici e le impronte digitali del viaggiatore.  Dal 26 ottobre 2006 il rilascio del passaporto elettronico, che ha una validità di 10 anni, è possibile in tutte le questure d’Italia e in 5300 uffici postali. Il vecchio passaporto mantiene la sua validità e continua ad essere distribuito fino a esaurimento scorte, ma i cittadini che vogliono sostituirlo col nuovo documento possono in qualsiasi momento fare richiesta agli uffici competenti.

Rilascio del passaporto

Il passaporto ha una validità di dieci anni. Vediamo di seguito le indicazioni della Polizia di stato per ottenere il proprio passaporto. Il passaporto può essere richiesto in Questura, all’ufficio passaporti del Commissariato di pubblica sicurezza, alla stazione dei carabinieri, all’ufficio comunale o all’ufficio postale.  Per le richieste alla Questura, la Polizia di stato dà la possibilità di prenotare on ilne il passaporto, prendendo un appuntamento con la Questura più vicina.

Per quanto riguarda le Poste, è bene ricordare che tutti gli uffici postali abilitati accolgono le richieste per il rilascio del passaporto e provvedono ad inviare i documenti alla Questura di competenza. Questa poi, accertata la validità della domanda, emette il passaporto, che potrà essere consegnato a domicilio o ritirato nello stesso ufficio postale in cui è stata presentata la domanda. Il servizio offerto dalle Poste ha però un costo supplementare di 20 euro. Ogni cittadino può chiamare il numero gratuito 803 160 per informarsi sullo stato di avanzamento della domanda.

I documenti da allegare

 

 

 

La domanda per il rilascio del passaporto deve essere completa di:

  • fotocopia di un documento di riconoscimento valido;
  • 2 foto formato tessera uguali e recenti;
  • 1 contrassegno telematico di € 40,29 per passaporto;
  • la ricevuta di pagamento di € 44,66 per il libretto a 32 pagine e di € 45,62 per quello a 48 pagine,

Il pagamento va effettuato tramite bollettino postale al conto corrente numero 67422808, intestato al Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento del tesoro. La causale deve essere “importo per il rilascio del passaporto elettronico”. All’occorrenza, negli uffici postali, sono disponibili dei bollettini precompilati.

Per il rilascio di un nuovo passaporto, quando il precedente si è deteriorato o è scaduto, quindi per il rinnovo e la proroga di questo documento, è necessario consegnare anche il vecchio passaporto. Se la domanda per il passaporto è fatta in un ufficio postale, prima di fare il versamento si consiglia di controllare la disponibilità di passaporti da 48 pagine.

 

Patente nautica

La patente nautica è obbligatoria per la navigazione con tutte le unità oltre le sei miglia dalla costa, indipendentemente dalla motorizzazione e con natante e imbarcazioni nelle acque interne e nelle acque marittime entro sei miglia dalla costa quando a bordo ci sono motori

  • a due tempi con potenza massima superiore a 30 kW a due tempi con cilindrata superiore a 750 cm cubi a quattro tempi fuoribordo con cilindrata superiore a 1000 cm cubi a quattro tempi entrobordo con cilindrata superiore a 1300 cm cubi diesel con cilindrata superiore a 2000 cm cubi .

Per conseguire la patente nautica è necessario aver compiuto i 18 anni, mentre, variano i tipi di natante che è possibile guidare a seconda dell’età del conducente: 14 anni per natanti senza motore, 16 anni per i natanti a motore, 18 anni per le imbarcazioni a vela con motore ausiliario. Come per la patente di guida, anche in questo caso è necessario sostenere un esame.

Il rinnovo della patente nautica va effettuato ogni 10 anni, oppure ogni 5 anni per coloro che hanno superato i 60 anni. La domanda di revisione deve essere presentata allo stesso Ufficio in cui è stata rilasciata la prima volta. Lo smarrimento, salvo i casi in cui la legge prevede diversamente, è comprovato mediante dichiarazione sostitutiva.

Patente di guida

La patente di guida è il documento obbligatorio che certifica l’idoneità alla guida di determinati autoveicoli, tra cui l’automobile. Dopo il superamento degli esami previsti, viene rilasciata dalla Motorizzazione civile. La patente A è valida per la guida di motoveicoli, mentre la patente B per gli autoveicoli.

Per ottenere la patente, occorre dimostrare di essere nelle condizioni fisiche e tecniche idonee per guidare, ottenere il certificato medico e sostenere un esame di teoria e uno di pratica. Dal 30 giugno 2003 è in vigore la patente a punti: ciascuna licenza di guida è dotata inizialmente di un totale di 20 punti, che vengono sottratti ad ogni violazione commessa, in base ad un’apposita tabella, che tiene conto della gravità dell’infrazione: si va da dieci punti nei casi più gravi a un solo punto per quelli di minore entità.

La patente di guida è considerato un documento di identità e riconoscimento, ai sensi dell’articolo numero 35 del Decreto del Presidente della Repubblica numero 445 del 2000.

Le patenti di guida delle categorie A e B sono valide per dieci anni. Se però sono rilasciate o vengono rinnovate a chi ha superato i 50 anni di età, sono valide per cinque anni. Dopo i 70 anni di età, sono valide per tre anni.

Rinnovo della patente

Per rinnovare la patente, è necessario seguire i seguenti passaggi:

  • eseguire un versamento di 7,80 euro sul c.c. postale n. 9001 della Motorizzazione Civile;
  • munirsi di una marca da bollo di 14,62 euro;
  • sottoporsi, portando con sé il codice fiscale, a visita medica presso una delle autorità sanitarie indicate dal Codice della Strada (ASL, medico militare, del Ministero della Sanità, della Polizia, un ispettore medico del Ministero del Lavoro o delle FF.SS., o anche presso un’agenzia di pratiche auto);
  • versare, per la visita, il compenso fissato dalle singole autorità sanitarie.

In alternativa, è possibile rivolgersi ad una agenzia di pratiche auto, comprese le Delegazioni ACI, il cui elenco è disponibile sul sito dell’ACI stesso.

Carlo Liotti

About Carlo Liotti

Carlo Liotti
Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top