mercoledì , 1 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » Cent’anni fa l’attentato all’arciduca Francesco Ferdinando: a Palazzo Coronini conferenze, visite guidate e performance “Ricordando Sarajevo”

Cent’anni fa l’attentato all’arciduca Francesco Ferdinando: a Palazzo Coronini conferenze, visite guidate e performance “Ricordando Sarajevo”

image_pdfimage_print

Sabato 28 giugno serata con l’associazione Isonzo e gli attori del laboratorio di a.ArtistiAssociati

Gorizia, 20 giugno 2014 – Esattamente cento anni fa, il 28 giugno 1914, si consumava l’attentato
nel quale rimase vittima l’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo-Este, che innescò il primo
conflitto mondiale. Anche la Fondazione Coronini Cronberg, nell’ambito della mostra “Uno stato in
uniforme. La società goriziana e l’impero asburgico alla vigilia della Grande Guerra”, organizzata in
collaborazione con l’associazione “Isonzo” – Gruppo di ricerca storica, intende ricordare la
ricorrenza storica, con un evento che si snoderà tra le scuderie, il Palazzo e i giardini della
residenza di viale XX Settembre.

Sabato 28 giugno, a partire dalle 17, gli spazi del Palazzo ospiteranno “Ricordando Sarajevo”,
iniziativa con la quale la Fondazione e “Isonzo”, si propongono di commemorare l’anniversario
dell’attentato in cui persero la vita l’erede al trono della casa d’Austria e sua moglie Sofia,
entrambi uccisi dai colpi esplosi dalla Browning dello studente serbo-bosniaco Gavrilo Princip,
membro dell’organizzazione ultra-nazionalistica Mlada Bosnia.

La giornata si aprirà alle 17 con la conferenza a ingresso libero “28 giugno 1914. L’attentato di
Sarajevo”, a cura di Bruno Pascoli, ospitata nelle scuderie di Palazzo Coronini. Alle 18 e alle 19 si
terranno le visite guidate alla mostra “Uno stato in uniforme”, che in poche settimane ha superato
il traguardo dei 2.000 visitatori. Grazie al percorso espositivo, che si snoda tra le scuderie e – per la
prima volta in assoluto – anche all’interno del Palazzo – i visitatori potranno immergersi nel clima
e vivere lo spirito che animava la società goriziana all’epoca della dominazione asburgica,
osservando da vicino divise originali e documentazione risalente ai primi anni dello scorso secolo.

Le visite guidate saranno precedute e intervallate da performance teatrali e musicali, messe a
punto proprio negli spazi della Fondazione Coronini nel corso dei laboratori creativi 2014 curati da
a.Artisti Associati nelle scorse settimane. I partecipanti potranno così assistere a “Frau Gorizia” di
Alessandra Marc, con musiche originali di Nicola Tirelli e Marco Bianchi, interpretate da Riccardo
Vida, Veronica Radigna (violini) e Marianna Meroni (violoncello), preparati dal maestro Carlo
Grandi; la performance vedrà in scena Alessandra Marc, Fulvia Cristin, Anna Nadalutti, Lavinia
Visintini, Aleksander Gruden, Mario Milosa. Il secondo intervento artistico, “Per amor della mia
terra” di Roberta Fain, sarà interpretato da Alessandro Dall’Osto e Alessandra Marc. Le musiche
originali di Jody Bortoluzzi saranno proposte da Paolo Gonnelli, Simone Sette (violini) e Piero
Politti (violoncello), preparati dal maestro Francesco Taucar.

Al termine, i convenuti potranno degustare i vini della linea Palazzo Coronini, offerti dall’azienda
Primosic. A ciascuna visita guidata potranno prendere parte un massimo di 30 persone, con un
tagliando d’ingresso acquistabile a 8 euro. Per prenotazioni è possibile telefonare allo 0481
533485 da lunedì a sabato, dalle 8 alle 14 o scrivere una mail a info@coronini.it.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top