giovedì , 4 Marzo 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » APPUNTAMENTI AL TEATRO BOBBIO DI TRIESTE

APPUNTAMENTI AL TEATRO BOBBIO DI TRIESTE

image_pdfimage_print

Ariella Reggio interpreta a leggìo “100 mq” di Juan Carlos Rubio
per gli Amici della Contrada.


Lunedì 21 gennaio 2013, alle ore 17.30, presso il Teatro Orazio Bobbio, avrà luogo il terzo appuntamento con la Stagione 2012/13 di “Teatro a Leggio” organizzata dall’Associazione Amici della Contrada, con il sostegno della Fondazione CRTrieste e con il patrocinio del Comune di Trieste e della Provincia di Trieste.
Il primo appuntamento del 2013 con le letture sceniche proporrà 100 mq, un testo di Juan Carlos Rubio, autore spagnolo contemporaneo, nell’interpretazione dell’attrice più amata dal pubblico triestino, Ariella Reggio. Al suo fianco ci saranno Paola Bonesi ed Enrico Luttmann, mentre la regia sarà firmata da un nome nuovo per il palcoscenico degli “Amici”: Marco Casazza. Attore e regista teatrale e cinematografico, Marco Casazza ha lavorato anche con la Contrada, interpretando nel 1990 L’ospite desiderato di Pier Maria Rosso di San Secondo. 

ARIELLA REGGIO


100 mq è un testo che affronta un tema di grande attualità: il titolo fa riferimento alla misura di un appartamento che viene acquistato, secondo la formula della “nuda proprietà” da Sara. Nell’abitazione vive infatti Carmen, un’ottantaduenne che, nonostante l’età e i suo tre by-pass, dimostra di possedere ancora una grande vitalità e uno spiccato senso dell’umorismo. Il rapporto tra le due donne si avvia in modo burrascoso, ma ben presto una serie di circostanze finiscono per avvicinare le protagoniste: confessioni reciproche, piccoli contrasti, momenti di commozione sembrano condurre verso un finale scontato. L’autore tuttavia riesce a sorprendere il pubblico con un improvviso quanto inaspettato colpo di scena, che sembra capovolgere le apparenze.
Juan Carlos Rubio, originario di Montilla, presso Cordoba, ha iniziato la carriera nel 1992 come attore e come autore di sceneggiature per la televisione e il cinema. A partire dal 1997 si è dedicato alla scrittura drammaturgica, dando alla luce numerosi lavori rappresentati dapprima in Spagna e poi in America Latina, Stati Uniti, Grecia, Slovenia e Inghilterra. Negli ultimi anni si è dedicato anche alla regia, mettendo in scena sia testi suoi, sia opere di altri autori. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti sia in veste di attore che di regista. L’ingresso alla lettura è riservato ai soci degli Amici della Contrada. Le sottoscrizioni all’Associazione possono essere rinnovate presso il Teatro Orazio Bobbio. La quota associativa è di euro 18 (15 per gli abbonati alla Contrada). Informazioni: 040.390613; info@amicicontrada.it; www.amicicontrada.it.

 

La Contrada presenta “JOHN PETER SLOAN in I am not a
penguin”
 di John Peter Sloan e Antonio De Luca.

 


Giovedì 24 gennaio alle 20.30 debutta sul palcoscenico del Teatro Orazio Bobbio John Peter Sloan con “I am not a penguin”, uno spettacolo di John Peter Sloan e Antonio De Luca.
La sobrietà e l’essenzialità degli inglesi si condensano visivamente già sul palco per “I am not a penguin”, tipico ‘stand-up comedy’ all’inglese. Bastano pochi elementi scenografici, un microfono e John Peter Sloan. Il comico inglese parte da sé in questo nuovo viaggio teatrale, con un percorso biografico aperto a digressioni ed esempi che divertono il pubblico italiano con i ritmi tipici della comicità squisitamente d’oltremanica
Ed eccoci a Birmingham, pronti a conoscere una famiglia di modeste condizioni economiche per la quale anche un cassetto dei calzini può trasformarsi in una culla e per la quale gli ansimi di un nonno scandiscono il passare del tempo. Ma ci sono anche i pub con le immancabili risse, o il periodo Tatcheriano e la sua crisi. Uno scorcio d’Inghilterra che si apre alla scoperta dell’Italia, paese adottivo, con la sua gente e la sua cultura. Un viaggio lungo una vita che passa attraverso tutte le sue forme e che ironicamente spazia dalle donne al linguaggio, mettendo in luce l’energia di un popolo e i suoi pregiudizi. Non sarà quindi difficile scoprire delle affinità con gli abitanti di Birmingham o una visione nuova degli italiani così come può dipingerla un affezionato ed attento osservatore come Sloan
Mentre i precedenti spettacoli (Culture ShockFull MoonInstant English) prendevano di mira le differenze culturali tra Inghilterra e Italia, disegnando situazioni comiche partendo ad esempio dall’osservazione dei luoghi comuni, “I am not a penguin” sviluppa una visione più ampia e più complessa, in cui il racconto di un percorso biografico riesce a spiazzare lo spettatore, attraverso l’ironia e l’adattamento di alcuni grandi canoni della comicità anglosassone al gusto di un pubblico italiano.
Lo spettacolo è in buona parte in italiano e non crea alcun problema di comprensione a chi non conosce bene l’inglese.
Nato a Birmingham, John Peter Sloan, è un autore comico, attore, cantautore e insegnante. Dopo aver viaggiato per più di 15 anni in Europa come cantante frontman del gruppo rock Inglese “The Max”, John inizia a insegnare l’inglese nel paese che ha sempre amato, l’Italia.
Deluso dai noiosi ed inefficaci corsi che trova in giro, decide di creare una nuovo modo di insegnare l’inglese: divertendosi. Le sue lezioni sono veri e propri mini-spettacoli e diventano in breve tempo così popolari che finiscono per diventare un vero e proprio spettacolo, “Culture Shock!”, approdato anche sul palcoscenico di Zelig, il tempio della comicità di Milano. A seguire altri spettacoli live come  “Full moon”, “Caveman” e “Instant English (the show)”, oltre che l’incredibile successo dei suoi libri e del corso multimediale “Speak now”, distribuito in due milioni di copie.
Anche i suoi spettacoli teatrali, come i suoi libri, hanno un contenuto didattico, ma sono perfettamente fruibili e divertenti anche per chi non ha una conoscenza della lingua inglese avanzata. È questa la sua caratteristica principale: scrivere, raccontare storie, interpretare sketches e monologhi permettendo al pubblico di accostarsi, persino per la prima volta, all’inglese, demolendo definitivamente il pregiudizio per cui scoprire, capire o approfondire una lingua straniera possa essere noioso. Il coinvolgimento, il ritmo, l’energia e l’ironia che John esprime sul palco fanno sì che il pubblico si accorga che divertirsi e imparare qualcosa è possibile, nello stesso momento e nello stesso luogo.  Nella stagione televisiva in corso è presente nel cast di “Zelig” in prima serata su Canale 5  ed è inoltre spesso ospite a “Quelli che il calcio…” su Rai 2 la domenica pomeriggio.

PETER SLOAN

  Terzo spettacolo fuori abbonamento della Stagione 2012/2013 della Contrada, “I am not a penguin” debutta giovedì 24 gennaio alle 20.30. Ingresso intero 20 € (primo settore) / 18 € (secondo settore); ridotto (sopra i 60 anni, sotto i 26 e abbonati della Stagione di Prosa della Contrada) 18 € (primo settore) / 16 € (secondo settore); gruppi (min. 8 persone) 14 €. Parcheggio gratuito alla Fiera di Trieste (ingresso principale in P.le De Gasperi).
Prevendita dei biglietti presso la biglietteria del Teatro Bobbio o al TicketPoint di Corso Italia 6/C. Prevendita On Line: Circuito VIVATICKET by Charta (www.vivaticket.it).



About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top