domenica , 24 Ottobre 2021
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » 151° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI TRIESTE.

151° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI TRIESTE.

image_pdfimage_print

Con una sobria e semplice cerimonia, svoltasi oggi (giovedì 13 giugno) nella sala del Consiglio comunale di Trieste, presenti di autorità civili e militari, con rappresentanze della Polizia locale di Slovenia e Austria, è stato festeggiato il 151° anniversario della Fondazione del Corpo della Polizia Municipale di Trieste.          “E’ un’occasione –ha detto il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Fabiana Martini- per dire grazie a tutte le donne e gli uomini della Polizia locale, che sono a servizio della città”, capaci di “essere tra la gente” e “presenti sul territorio”, interagendo con le diverse esigenze che l’attuale crisi ci propone. Tra le tante iniziative quotidiane, il vicesindaco Martini ha ricordato tra l’altro l’impegno e “la vicinanza alle donne e ai bambini”, con corsi di formazione specifica, e ancora il servizio a favore di “chi fa più fatica”, “per una città che sia realmente di tutti”.   Tralasciando di leggere il dettagliato rapporto sull’attività del Corpo nel 2012, il cui documento è stato consegnato ai giornalisti presenti, il comandante Sergio Abbate ha a sua volta ribadito il valore della “presenza in mezzo alla gente” di quelli che sono “dei cittadini in uniforme”, che operano per “una sicurezza partecipata”. “Essere presenti –ha detto il comandante- ci consente spesso di prevenire situazioni che possono diventare pericolose” e dopo 151 anni siamo ancora pronti a rinnovarci e ad essere a servizio di Trieste e dei suoi cittadini.   Nelle parole del sindaco Roberto Cosolini sono emersi i sentimenti di “rispetto, gratitudine e vicinanza della città alla Polizia locale”. Evidenziando inoltre l’importanza della “convivenza civile” e della “tutela e prevenzione di tutte le situazioni di difficoltà”, il primo cittadino ha posto l’accento anche sulla “positiva collaborazione con la Prefettura e gli con altri Corpi di polizia che operano sul territorio” e sulla “capacità di coordinamento e di condivisione nelle situazioni più delicate”. Cosolini ha ricordato ancora cose si stia lavorando, con provvedimenti seri e attenti, per garantire, nella vocazione di una città internazionale e turistica, il diritto al divertimento serale con l’altrettanto giusto diritto al riposo.   Al termine della cerimonia sono stati consegnati riconoscimenti ad ufficiali e agenti della Polizia locale di Trieste distintisi nel corso dell’anno. Un encomio è andato al maresciallo Gianni Umani e all’agente scelto Igor Kozman, intervenuti per sedare un principio d’incendio pericoloso. Un encomio e un encomio solenne sono stati attribuiti al tenente Massimo Cella, ai marescialli capi Marco Degrassi, Alessandro Fuccaro, Federica Marassi e agli agenti scelti Paolo Bandi, Maurizio Benco, Alessandro Brescia, Monica Degrassi e Andrea Visintin, per il contrasto allo spaccio di stupefacenti e per la brillante operazione “Topazio 2013”, svolta tra Trieste, Monfalcone e Roma e che ha portato anche in questo caso a bloccare un ingente e articolato traffico di droga. Le celebrazioni del 151° anniversario del Corpo si sono aperte con la celebrazione di una messa, celebrata questa mattina, nella chiesa della Beata Vergine del Rosario in piazza Vecchia, da mons. Pier Emilio Salvadè, che ha ricordato i caduti della Polizia locale. Sempre in mattinata l’Ufficio mobile e alcune pattuglie in moto hanno raggiunto la periferia della città (a Borgo San Sergio e a campo San Giacomo)  per essere a disposizione dei cittadini con dimostrazioni interattive delle diverse strumentazioni tecnologiche usate nei controlli stradali. Sempre nel pomeriggio odierno, dalle 16.00 alle 18.00, l’Ufficio mobile si trasferirà in piazza Unità, affiancato dall’unità cinofila – con gli ormai famosi Pulce e Rudolph, i simpaticissimi bovari del bernese  – e  da due rappresentanti del neo-costituito nucleo operativo ciclisti.  Infine Open Day alla sala operativa della Polizia locale, normalmente chiusa al pubblico, centro nevralgico dell’organizzazione, che spalancherà le sue porte con visite guidate dove sarà possibile osservare le diverse strumentazioni a disposizione degli operatori, ma anche immedesimarsi con le pattuglie in servizio e che costantemente comunicano via radio con  la sala.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top