domenica , 17 Ottobre 2021
Notizie più calde //
Home » FOOT BROTHERS » Udinese: terza sconfitta di fila!
Udinese: terza sconfitta di fila!

Udinese: terza sconfitta di fila!

image_pdfimage_print

Dopo la brutta sconfitta con la Lazio alla quarta di campionato al Friuli arriva l’Empoli reduce dal primo punto di campionato arrivato domenica scorsa in casa contro il Napoli. Per i padroni di casa Wague al posto di Heurtaux e Di Natale in avanti con Zapata.

L’inizio del match non è particolarmente emozionante con le squadra che iniziano studiandosi. Nessuna aziona degna di nota nei primi minuti. Al 19′ bella azione dalla sinistra con Di Natale che la crossa per Zapata che di testa trova il vantaggio ed il suo primo gol con la maglia bianconera. La partita viaggia con l’Empoli che non riesce a creare troppo, se non un’azione in cui Maccarone richiede un rigore non concesso, secondo i più giustamente, dal sig. Fabbri, arbitro dell’incontro. Per gli ospiti ci prova anche Pucciarelli, ma Karnezis in due tempi non si fa sorprendere. Al 31′ è l’Udinese che va vicina al raddoppio con Di Natale servito bene da Ali Adnan, ma la conclusione del capitano, da posizione defilata è fuori dallo specchio della porta. I bianconeri vanno vicino al raddoppio su colpo di testa da corner, ma la difesa empolese salva in qualche modo. In finale di tempo palo a gioco fermo di Di Natale.

La ripresa vede l’Udinese che aspetta gli ospiti, che non si fanno pregare e provano a pareggiare i conti. Al 50′ ci prova Pucciarelli con un giro da fuori, ma Karnezis è bravo a rifugiarsi in angolo. Cinque minuti più tardi ci prova Ronaldo Da Silva su calcio di punizione dalla distanza, ma la palla è fuori. Al 72′ dopo un gol annullato per fuorigioco i bianconeri rimangono in dieci per l’espulsione per doppia ammonizione, esagerata, di Kone. Sulla punizione che ne deriva l’Empoli muove bene la palla e trova, con Paredes, la conclusione in diagonale che si insacca nell’angolino bassa alla sinistra di Karnezis. All’81’ i bianconeri ci provano con il neoentrato Aguirre ma la conclusione trova solo la rete esterna. Al 90′ è l’Empoli però che vicino al colpaccio con Karnezis bravo su Paredes e poi su Saponara. Due minuti più tardi quando la partita ormai sembra scivolare sull’1 a 1 arriva la sorpresa Maccarone che porta in vantaggio gli ospiti e batte i bianconeri ormai alla terza sconfitta consecutiva.

Partita negativa per i bianconeri, in particolare nella ripresa quando non sono riusciti a rendersi propositivi in fase offensiva e hanno fatto giocare l’Empoli. Spiace per la seconda sconfitta consecutiva casalinga contro due squadre alla portata dei bianconeri che per provare a fare una stagione dignitosa e tranquilla devono cercare di raggiungere il maggior bottino possibile fra le mura amiche che ora appaiono fortino per gli avversari piuttosto che per i padroni di casa.

La curva a fine gara grida “devi spendere”. Forse un po’ presto per contestare le scelte societarie, ma il centrocampo, allo stato attuale, non pare all’altezza di una squadra che spera in una stagione tranquilla, che già alla quarta, forse non appare come tale.

Soddisfatto il tecnico degli ospiti Gianpaolo per la vittoria e per la prestazione dei suoi, in particolare nella ripresa. Dispiaciuto mister Colantuono che ha visto una buona squadra nel primo tempo contro un’Empoli che gioca un buon calcio. Nella ripresa però i suoi sono calati non riuscendo a ripartire complicandosi una gara per cui il risultato era alla portata nonostante un po’ di sfortuna nel periodo, dal punto di vista degli infortuni. Ora però sotto perché al Friuli martedì arriva il Milan ed è un po’ troppo presto per deprimersi.

Rudi Buset

rudibuset@live.it

@RIPRODUZIONE RISERVATA

About Rudi Buset

Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti dal 2013 Diplomato presso l’ITC Einaudi nel 2007, lavora presso una carpenteria leggera artigiana. Impegnato nel sociale e in politica, da anni collabora con diverse realtà del suo territorio con particolare attenzione al mondo dell’associazionismo. Appassionato di tutto ciò che riguarda l’uomo in quanto “animale politico” oltre che allo sport (in primis il calcio).

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top