venerdì , 22 Ottobre 2021
Notizie più calde //
Home » Editoriale » Macchiatofreddo » AC UDINE, LO SPORT FATTO PER SPORT

AC UDINE, LO SPORT FATTO PER SPORT

image_pdfimage_print

Il campionato è per caso iniziato? A noi non importa, almeno per un mese. Come avevamo promesso, per tutto il mese di settembre non faremo articoli sul calcio di serie A in risposta allo “sciopero” dei calciatori. L’unica deroga può considerarsi l’articolo sul nuovo stadio di Torino che abbiamo scritto per sottolineare l’aggettivo “nuovo” più che il nome stadio.

Intanto facciamo il resoconto di un calcio più bello, che coinvolge giovani e meno giovani nello spirito dello sport vero. Venerdì sera amichevole pre-campionato molto avvincente con la squadra 1 che si porta in vantaggio anche di 5 gol per poi subire una rimonta quasi inarrestabile, alla fine però la vittoria è comunque sua.

Ecco le pagelle visibili anche su www.calcettoudine.it , che dalla prossima settimana proporrà anche i video delle gare.

SQUADRA 1

MATTEO CR7  8
Gioca una partita da trascinatore, quando entra in area i difensori iniziano a piangere spaventati e puntualmente il portiere viene trafitto con tocchi deliziosi degni del cugino madrileno. Non un passaggio sbagliato, non un capello fuori posto.
ESTETA

DIMITRIE 7,5
Vista l’altezza, mentre scarta o marca un avversario, può permettersi anche di guardare la partita a fianco e dare pure consigli tattici ai giocatori del campo vicino, tanto la palla è sempre incollata ai suoi piedi.
VEDETTA

ANDREA 8-
Gli manca solo maggiore freddezza sotto porta per coronare l’ennesima prestazione da leader assoluto. Corre, dribbla, recupera palloni, anticipa, scommette sulle partite della seconda divisione inglese, paga il bollo dell’auto, tutto in una sola partita e alla fine non sembra nemmeno sudato: scherzi della natura, della medicina o dell’odontoiatria.
SORRISO SMAGLIANTE

ENRICO 7
Due gol e due autogol per un uomo che se non è in equilibrio non è contento. L’avevamo scoperto che non si sapeva allacciare le scarpe da calcio ed ora lo vediamo padrone della fascia e dell’area di rigore e gli avversari? Legati come dei salami, proprio con dei lacci di scarpe da calcio…
NORCINO

KLOSE 7
Si fa trovare sempre al posto giusto e realizza il gol della definitiva vittoria, in campo sembra che nemmeno ci sia ma quando arriva sotto porta si fa sentire alla grande.
MIROSLAV

CARLO 8
Non poteva mancare il più grande rompi attaccanti di tutti i tempi, non c’è che dire: dopo la propria madre è l’uomo che ci sta più attaccato dal momento che arriviamo al mondo. Sarebbe da offrirgli un viaggio di sola andata per una località esotica, altrimenti qui non si segna più. Estrema ratio: denuncia.
STALKER

GIACOMO CANCELLI 7-
Mister 31 gol è tornato con un magnifico numero 7 sulle spalle, tocchi veloci, passaggi più o meno precisi e tanta corsa, ci mancava!
DUE BIRRE GRAZIE

SQUADRA 2

PIETRO 6/7
Il più talentuoso e l’anima nascosta della squadra, in porta non è perfetto anche spesso si ritrova a dover fare miracoli contro gli attaccanti lasciati soli.
ROCCIA

EDOARDO 5
Rischia davvero di fare male ad un avversario con una scivolata al limite dell’area, appare un po’ distratto e troppo impreciso.
BONERA

FILIPPO 6,5
Ad inizio partita gioca credendo di essere Fabrizio Miccoli, per la posizione avanzata, la mentalità e la precisione nei passaggi, purtroppi i pensieri sono una cosa e la realtà un’altra. Infatti scopre la squadra, non tiene la marcatura e sbaglia quasi tutti i passaggi e gli uno-due. Nella seconda parte guadagna la sufficienza con una buona prestazione tra gol dalla distanza, pali e assist.
POLTRONE E SOFA’

SIMONE 7-
Ci mette il cuore e le gambe ma di testa non è lucidissimo: arriva fino all’area trascinandosi dietro mezza squadra avversaria e invece di passarla continua a dribblare ombre fino a perdere il pallone e ispirare i contropiedi di CR7. Quando va in porta è molto buono.
TORO

FEDERICO 6,5
Salta l’uomo con una certa facilità e frequenza ma quando non gli riesce parte il contropiede avversario e spesso la sua squadra subisce il gol. Fa molto movimento davanti anche se i compagni non servono quando è libero. Qualche gol e assist lo rendono abbastanza pericoloso.
ELASTICO

MAKSIM 6
In avanti si defila troppo per essere pericoloso anche se il suo tiro è sempre preciso e insidioso da qualsiasi posizione lo faccia partire. In difesa è più efficace grazie alle sue lunghe leve.
LUPO

GIACOMO PASSONI 8
Trascina la sua squadra verso un rimonta insperata e compiuta per poco, in difesa è una roccia, davanti un sommergibile che emerge tra le navi nemiche schierate e le affonda a suon di siluri.
CAPITANO MARKO RAMIUS – SSN OTTOBRE ROSSO

Per chi non fosse d’accordo con le valutazioni ci dispiace, ma: VOX RUBRI VOX DEI

About Federico Gangi

Pubblicista iscritto all'albo Fvg dall'aprile 2013. Diplomato al liceo classico “J. Stellini”, laureato in Legge alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Trieste. Ideatore della Fedarmax e di Brainery Academy, co-fondatore e promotore del giornale on-line Il Discorso, di cui è direttore editoriale.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top