giovedì , 2 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Editoriale » #Italiano stai sereno?? Renzi – Day 3

#Italiano stai sereno?? Renzi – Day 3

image_pdfimage_print

Ci siamo, o forse no. Ancora molto fumo e poco arrosto per tastare con mano il reale cambiamento che Renzi continua a professare. Bisogna aspettare maggio per verificare quanto “Buffone” sia il “burlone” premier. La conferenza stampa tenutasi dopo il sesto consiglio dei ministri ha ricordato ai più la classica televendita ricca di offerte, super sconti e un set di pentole in inox in omaggio. Se non altro attira l’attenzione molto più delle lezioni di economia applicata dell’ex professor Monti. Naturalmente tutte le coperture finanziare e i decreti legge o disegni di legge che rendano efficaci queste manovre non sono allo stato attuale ancora formate. Fanta politica, promesse al vento o possibili manovre concrete? Intanto aspettiamo gli 80 euro in busta paga poi giudicheremo. E per chi volesse acquistare un auto “venghino signori venghino” a breve potrà sedere su una delle 100 auto blu messe all’asta on-line, (senatore di accompagnamento incluso visto il progetto di mettere all’asta anche il senato).

Partiamo dal disegno di legge Costituzionale: presentato come in procinto di partire ma solo fra quindi giorni dopo un’attenta (si spera) riflessione del parlamento e di tutti gli organi interessati.

Decreto legge il Jobs Act, in inglese fa certamente più effetto. Il ministro Poletti ha ottenuto l’approvazione del consiglio dei ministri per il decreto legge sul lavoro volto a favorire il rilancio dell’occupazione e a semplificare i contratti a termine e di apprendistato.

La durata del primo rapporto di lavoro a tempo determinato viene elevata da 1 a 3 anni e non è più richiesto l’inserimento del motivo di assunzione. Inoltre ci sarà la possibilità di prorogare i contratti a termine più volte senza interruzioni.

Apprendistato: non sarà più necessario confermare i precedenti apprendisti per assumerne di nuovi. I corsi dell’apprendista verranno retribuiti con la percentuale del 35% della retribuzione contrattuale.

Disegno di legge riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, di semplificazione delle procedure e degli adempimenti in materia di lavoro, di riordino delle forme contrattuali e di miglioramento della conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di vita.

Si cerca quindi di ridurre le forme contrattuali, aumentando la tutela verso il lavoratore e l’azienda. Dal primo maggio verranno utilizzate ulteriori risorse per l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Ulteriori modifiche sui sussidi sociali per chi perde il lavoro, e obbligo durante il periodo di inattività da parte del lavoratore di adempiere a lavori socialmente utili nel comune di residenza. Insomma come ha detto lo stesso Renzi: “non al bar o a casa!

Il disegno di legge sui debiti della pubblica amministrazione:

  • adeguare i tempi di pagamento delle pubbliche amministrazioni a quelli previsti dalla relativa direttiva europea;
  • favorire la cessione del credito al sistema bancario;
  • accelerare il pagamento dei debiti arretrati (già avviato nel 2013 con il pagamento di più di 22 miliardi ai creditori).

Entro fine luglio il governo promette di versare tutti i debiti dello Stato alle ditte creditrici, vedremo se sarà vero.

Decreto legge sulla casa con un intervento di 1 miliardo e 741 milioni di euro al fine di sostenere le categorie sociali che non riescono più a pagare l’affitto, maggiore contrasto agli affitti in nero, norme per combattere l’occupazione abusiva delle case popolari. Riduzione della cedolare secca dal 15 al 10% per favorire l’occupazione degli alloggi sfitti. Ulteriori detrazioni irpef per chi risiede in case popolari e con un reddito annuo basso: 900 euro di detrazione con reddito di 15.500 euro, 450 euro se il reddito è tra 15.500 e 31.000 euro.

Verranno utilizzati 400 milioni di euro per la ristrutturazione e l’adeguamento energetico di 12 mila immobili in disuso.

Il governo si muove e se Renzi riuscirà a trasformare i suoi spot in concretezza, a partire dalla fine di agosto dovrebbero vedersi dei risultati. Non ci resta che attendere.

 

Governo Renzi giorno 3

Legge elettorale – Lavori in corso

Abolizione del senato – Lavori in corso

Carlo Liotti

About Carlo Liotti

Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top