mercoledì , 19 Maggio 2021
Notizie più calde //
Home » Editoriale » Il prezzo di una vita

Il prezzo di una vita

image_pdfimage_print

Ancora una volta il denaro vince sulla vita. I nostri “eroi” molto probabilmente a breve potranno rientrare in patria, dopo alcuni mesi passati nei carceri indiani. Il governo ha “risolto” tutta la questione nel modo più scontato, cartamoneta in cambio di silenzio e eliminazione della vicenda nel più breve tempo possibile. Secondo la fonte Ansa le famiglie dei due pescatori riceveranno a testa diecimilioni di rupie (circa 145.000 euro) dal governo italiano. Naturalmente le autorità italiane hanno voluto sottolineare il fatto che la donazione è un atto che non ha nulla a che fare con tutta la vicenda giudiziaria, ma piuttosto un risarcimento dovuto per confortare le sofferenti famiglie dei pescatori uccisi.

Sorge spontanea una domanda: che cosa succederà quando i due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, rientreranno in patria? Vedremo come le nostre autorità risolveranno questa complicata questione.

Se tutto ha un prezzo, c è da dire che le vite di due comuni cittadini indiani sono veramente low cost; meno di 300.000 euro per sbloccare la vicenda e riportare a casa i nostri soldati.

E allora viene da chiedersi: Che prezzo ha la vita di ognuno di noi?

Carlo Liotti

carlo.liotti@ildiscorso.it

© Riproduzione riservata

About Carlo Liotti

Carlo Liotti
Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top