1

Gsa Udine arrivati Dykes e Mortellaro ed in visita ala sede dell’azienda GSA

Chris Mortellaro e Kyndall Dykes hanno visitato la sede dell’azienda GSA del presidente Pedone per poi unirsi ai compagni di squadra direttamente a Gemona, località scelta per il ritiro dalla società bianconera per il secondo anno consecutivo. L’avventura sta per iniziare e tutti gli auspici sono incoraggianti. I due americani hanno incontrato il general manager Davide Micalich, coach Lino Lardo e i nuovi compagni, che erano già impegnati in allenamento. reggano. Finalmente, dopo 6 lunghi anni, si torna al palasport Carnera. L’ultima apparizione nell’impianto dei Rizzi,  risale a gara 3 dei quarti di finale dei play-off di LegaDue 2010-2011. Ora, è necessario riempire il Carnera per trascinare l’Apu Gsa il più in alto possibile.




Inizia l’avventura dell’APU GSA UDINE

Primo giorno di scuola in casa bianconera con il ritrovo al palasport Carnera. Micalich ha dato il benvenuto ai nuovi giocatori, al coaching staff e agli appassionati di basket che hanno voluto salutare il gruppo di coach Lardo. E proprio per il tecnico ligure questo è un giorno speciale, quello del ritorno al Carnera, sognato da due anni: “Finalmente entriamo nella nostra vera casa – ha spiegato Lardo ai tifosi e agli addetti ai lavori presenti -. Quando sono arrivato a Udine desideravo giocare qui. Abbiamo vissuto due stagioni bellissime con la cavalcata trionfale al PalaBenedetti e il campionato entusiasmante di Cividale. Adesso è tempo di tornare a casa. Ce la metteremo tutta per fare bella figura come sempre, ci sarà bisogno del supporto e della collaborazione di tutti. Vogliamo ricominciare da dove ci siamo lasciati l’anno scorso. Quest’estate abbiamo composto una bella squadra ma non abbiamo ancora fatto niente. Ci aspetta una marea di lavoro e contiamo di essere pronti per la prima partita di campionato. Ci sono tutti i presupposti per fare bene”.
Il GM Davide Micalich ha fatto il punto della situazione sugli arrivi dei due americani e sui prossimi appuntamenti: “Mortellaro e Dykes arrivano domani pomeriggio e Veideman, che sta concludendo il ritiro con la nazionale estone, arriverà in Italia il 25 agosto per aggregarsi al gruppo in ritiro a Gemona. Poi inizieremo le amichevoli con il torneo di Lignano. Domani pomeriggio c’è il primo allenamento e le porte per tutti i nostri tifosi sono aperte”.




Basket femminile USA in visita al comune di Pordenone

L’assessore allo sport Walter De Bortoli ha ricevuto in sala consiliare la squadra di basket femminile Georgia Tech di Atlanta- Georgia – USA. “Vi porto il saluto del sindaco Alessandro Ciriani – ha esordito l’Assessore De Bortoli – e siamo lieti di ospitarvi, in particolare in questa sala dove si prendono importanti decisioni per la città e per lo sport. Anche noi abbiamo grandi progetti per il basket a Pordenone e questi incontri sono significativi perché sotto l’aspetto tecnico consentono di approfondire il confronto, la conoscenza e i diversi approcci a questa disciplina sportiva”.
Ha poi espresso apprezzamento per la determinazione della coah che guida la squadra e ha rilevato quanto sia importante la presenza dei tecnici e degli accompagnatori che sostengono la squadra nel cammino di crescita. Il team – ha spiegato Roberto Moro accompagnato da Gianbattista Peresson – disputerà tre incontri al Forum il 10, l’11 e il 17 agosto e uno a Venezia il 18. Ma non si tratta solamente di una visita sportiva, infatti nei 13 giorni di permanenza in Italia, di cui almeno 5 a Pordenone, sono programmate anche visite di carattere culturale a Venezia, Firenze, in giro per la Toscana e a Roma . Congedando gli ospiti l’assessore Walter De Bortoli ha consegnato due libri su Pordenone alla capitana e alla coah che ha ringraziato per l’ospitalità e ha manifestato il proprio apprezzamento per le bellezze della città.




Il Tarcento basket ha presentato la stagione sportiva 2016-17

Il Tarcento basket ha presentato la stagione sportiva 2016-17
Il presidente Alessandro Tesini: «Sarà una ripartenza dedicata ai nostri giovani»Basket Tarcento foto Menis
“La nostra è una ripartenza dalla base, con l’obiettivo di creare un movimento che permetta ai giovani del nostro territorio di crescere come persone e come giocatori”. La stagione 2016/17 del Tarcento basket comincia così, con le parole del suo presidente, Alessandro Tesini, espresse alla presentazione ufficiale avvenuta questa mattina alle 12 in Piazza Libertà. La società tarcentina, che quest’anno ha deciso di scendere con la prima squadra dalla serie C Gold alla serie D per ripartire con un progetto che metta al centro i ragazzi del proprio movimento, si è infatti presentata alla comunità, con le formazioni del minibasket, under 13, under 15, under 16 e serie D.
Sui cambiamenti avvenuti è intervenuto anche il coach Alberto Andriola, simbolo di continuità del progetto biancoverde: “Quest’anno si ricomincia, con grande umiltà. La cosa più importante è che questa società rimanga per i suoi giovani, dando loro una possibilità. Credo che il paese non abbia capito l’impresa e lo sforzo dello scorso anno. Mi auguro che ripartendo dalla base ci sia più seguito alle partite, anche nei confronti della squadra la quale, in fondo, rappresenta la comunità”.
Ed è proprio sul tema della rappresentanza che è intervenuto il Sindaco di Tarcento, Mauro Steccati, venuto a porgere il saluto dell’amministrazione comunale: “La città si identifica con la squadra. È una legge dello sport, che vale per il calcio, per la pallavolo, per il judo e anche per il basket. Quello che si fa qui è oltretutto un’opera insostituibile per favorire condizioni di vita corrette. Chi pratica sport riceve un insegnamento a rispettare le regole, a giocare di squadra, a lavorare con impegno e a confrontarsi con gli altri. Così facendo avremo cittadini più attivi e responsabili”.
Oltre al Sindaco erano presenti anche l’assessore comunale Beatrice Follador, il presidente Fip provincia di Udine, Claudio Bardini, e il consigliere regionale del Friuli Venezia Giulia, nonché presidente della V commissione, Vincenzo Martines.Basket Tarcento foto Menis
Bardini, rispondendo a una domanda del presidente Tesini, ha sottolineato l’importanza di ripartire dai giovani con un progetto valido: “Il presidente Tesini ha rafforzato le sinergie sul territorio, a partire dal minibasket. Tarcento rimane la perla del Friuli, per il suo passato, il presente e anche per il suo futuro, avendo un uomo come lui alla guida di questo movimento, affiancato dai preziosi volontari che gli danno una mano. Ricordiamoci inoltre che lo sport è fondamentale per l’educazione dei nostri giovani. Dobbiamo creare una sinergia tra squadre, famiglie, associazioni e scuola”. Questo invece l’augurio di Martines: “Solitamente la presentazione della squadra è uno dei momenti più sereni e tranquilli di una stagione. Vi auguro che tale serenità sia sostituita dall’euforia delle vittorie in campionato”.
Sotto le note della Banda Musicale di Coja, e accompagnati dalle specialità della griglia di Alessio Bronzin della Antica Macelleria Boschetti, dalla polenta dei Polentars di Verzegnis e dai vini della Cantina Eugenio Collavini, è stata inoltre sottolineata la prosecuzione della collaborazione con le società di Gemona, San Daniele e Tolmezzo. Infine, alcuni ragazzi delle giovanili e del minibasket del Tarcento hanno ricevuto dei premi speciali dal loro allenatore, Alessio Bettarini.

foto Menis




Santa Caterina ad Auronzo di Cadore tre giorni di Canoa per i colori triestini

Una gara di ottimo livello, quella che da venerdì a domenica si è tenuta sul lago di santa Caterina ad Auronzo di Cadore, con in gara 8 Nazioni e 60 club in rappresentanza di 13 regioni italiane.
Nella prima giornata di gare, dedicata ai 500 metri, vittoria netta di Gianluca Pommella (Ausonia) nel K1 junior e conferma del buon livello raggiunto dalla compagna di squadra Meshua Marigo nel K1 junior,che conquista la medaglia d’argento. Molto bene nel K2 junior la triestina Zoe Faiman (Cmm), che in maglia azzurra si aggiudicava un’importante medaglia di bronzo.

bellanpieri

bellanpieri

Importanti risultati giungevano dalla seconda giornata di gare, quella di sabato, quando Pommella doppiava il successo del giorno precedente aggiudicandosi il K2 1000 e con Pieri e Cutazzo (Cmm), che conquistavano l’argento. Si alternavano quindi sul gradino più alto del podio ancora Ausonia e Circolo Marina, con la Irene Bellan (Ausonia) che si

cavessagopommellacutazzopieri

cavessagopommellacutazzopieri

imponeva nel K1 500 metri under 16 e la Ilenia Pieri (Cmm) che conquistava il bronzo. Il K4 ragazze del Cmm di Gallucci, Pieri, Marzi, si imponeva sempre sui 500 metri ed il K2 under 16 gradese dell’Ausonia di Marocco e Paliaga, sui 1000 metri transitavano per primi sul traguardo.
Nell’ultima giornata di gare dedicata allo sprint dei 200 metri, si confermava la Bellan, che di poco sfiorava la doppietta, conquistando l’argento, mentre il compagno di società Dylan Paliaga si imponeva nel K1 under 16. In formazione di rappresentativa nazionale, argento per il gradese Crosilla nel K4 1000 metri e chiudeva l’Internazionale di

GallucciPieriMarziGardone

GallucciPieriMarziGardone

Auronzo con un importante successo la Faiman, che nel K4 200 metri dominava lo sprint vincendo l’oro, mentre nella stessa gara bronzo meritato per Gallucci, Pieri, Marzi Giannetti (Cmm).
Tesserata per Ticino Pavia, la triestina Francesca Genzo si imponeva nel K1 200 senior.




IL FRIULI VENEZIA GIULIA SARÀ PRESENTING PARTNER DELLA SECONDA EDIZIONE DI NBA SCHOOLS CUP E NBA 3X TOUR

 La città di Udine ospiterà l’1 e 2 giugno le finali della seconda edizione di NBA Schools Cup

L’Agenzia Turismo Friuli Venezia Giulia e la National Basketball Association (NBA) hanno annunciato oggi l’estensione di una partnership che farà del Friuli Venezia Giulia il presenting partner di NBA Schools Cup e NBA 3X Tour in Italia.

Attraverso questa partnership, il Friuli Venezia Giulia, la destinazione turistica ufficiale di NBA in Italia, e la NBA incrementeranno il successo ottenuto lo scorso anno con NBA Schools Cup e NBA 3X per continuare a promuovere la visibilità turistica del Friuli Venezia Giulia in qualità anche di regione del grande basket e la crescita della pallacanestro come connubio ottimale tra sport e socialità.

Più di 2.900 scuole in tutto il territorio italiano, in cui TurismoFVG presenterà la regione come destinazione perfetta anche per il turismo scolastico, verranno invitate a partecipare alle tappe preliminari dell’edizione 2013 di NBA Schools Cup, che terminerà con le finali nazionali in programma l’1 e 2 giugno a Udine, città nota per la sua convivialità e riconosciuta per l’architettura veneziana che annovera, ad esempio, la piazza di questo stile più bella sulla terra ferma.
L’NBA 3X Tour, un torneo competitivo 3 contro 3, si svolgerà in cinque tappe in tutta Italia compresa una in Friuli Venezia Giulia, in ognuna delle quali sarà presente un grande personaggio NBA. Il programma completo verrà annunciato ufficialmente a inizio maggio.

“Lo scorso anno abbiamo accolto Friuli Venezia Giulia come partner all’interno della famiglia NBA, e in questa stagione torniamo a lavorare con loro,” ha dichiarato Ben Morel, Senior Vice President di NBA Europe. “Grazie al rinnovato impegno di FVG verso il basket in qualità di presenting partner di NBA Schools Cup e NBA 3X Tour, potremo continuare ad avvicinare ancora di più gli appassionati italiani alla pallacanestro”.

L’edizione inaugurale di NBA Schools Cup ha visto partecipare nel 2012 oltre 2.000 giovani giocatori provenienti da 650 squadre, in rappresentanza di 500 scuole che si sono sfidate in 14 regioni. 1600 brochure dedicate al turismo scolastico sono state distribuite agli insegnanti in ogni tappa di finale regionale dell’NBA Schools cup. Il Friuli Venezia Giulia ha promosso la regione come destinazione turistica nelle principali piazze di 7 grandi città italiane grazie all’NBA 3X tour.
Il grande successo degli eventi sul territorio, insieme ad una completa copertura media sia su stampa che in TV, è alla base della decisione di rinnovare e confermare la partnership.




Gsa-Udine, niente poker a Cividale

gsa udine 0CIVIDALE – Si interrompe la magia cividalese per la Gsa Udine, che alla sua quarta apparizione al palasport di via Perusini si arrende a un diligente Montichiari, giunto in Friuli come terza forza del campionato di serie B (girone B). Una sconfitta che pur non pesando per la classifica, dato che gli uomini di Corpaci mantengono il secondo posto in solitaria, lascia il rammarico di aver perso l’occasione per escludere i bresciani (e la Fortitudo Bologna in caso di non vittoria dei biancoscudati) dalla corsa alla vetta.gsa udine

Le tre settimane di sosta tra Coppa Italia e turno di riposo hanno evidentemente appesantito le gambe agli udinesi, apparsi imprecisi dal perimetro e poco lucidi a rimbalzo. Eppure dopo la palla a due sembrava che potessero tenere in mano loro il pallino del gioco. Due bombe di Pilotti e una di Di Viccaro portano l’Apu a +6 dopo quattro minuti (10-4), mentre a due minuti dalla fine del primo quarto il tabellone recita 15-6 per effetto di una tripla di Poltronieri e un contropiede di Piazza. Già in avvio di seconda frazione, tuttavia, i bianconeri mostrano i primi segni di distrazione, che consentono agli ospiti di entrare in partita. Il sorpasso arriva al 16′ (24-25), quando Bonfiglio tutto solo deposita a canestro.

gsa udine 1Sono lui e Scanzi i principali condottieri dell’azione di Montichiari, contenuti con difficoltà dalla difesa locale, mentre Udine sul fronte offensivo non trova il solito decisivo supporto di Zacchetti (che in più occasioni manca perfino il ferro) e Poltronieri (fermo a 1/6 da tre). Le due bocche da fuoco breciane, al rientro dagli spogliatoi, piazzano un mortifero parziale di 0-11 che permette alla squadra allenata da Cadeo di allungare a +8. I vari Di Viccaro, Poltronieri e Zacchetti non riescono a trovare le conclusioni pesanti per ricucire il divario, ma gli ospiti non riescono ugualmente a concretizzare una vera e propria fuga. Tant’è che nell’ultimo quarto la Gsa ci crede, ritorna a -3 (51-54) grazie a una bomba di Piazza e una di Zampolli e risponde ad un ulteriore tentativo di allungo avversario portandosi sul 57-61 con 2’40” da giocare.

Nella fase chiave della partita Montichiari ha il merito di attaccare con più diligenza dei padroni di casa, che sprecano con una palla persa di Pilotti l’azione del possibile -1, mentre Di Viccaro sbaglia per la quarta volta nella ripresa dall’arco. A questo si aggiunge il nervosismo della panchina che provoca l’espulsione di Corpaci nell’ultimo giro di lancette, e con due liberi (realizzati da Scanzi) più rimessa Montichiari mette in cassaforte il match. Il sigillo da tre punti di Di Viccaro a fil di sirena serve solo per le statistiche.

Lorenzo Paussa

foto apudine.it/Zamolo