INAUGURATO OGGI L’EX ASILO DI BLESSANO DI BASILIANO

È stato inaugurato questa mattina, domenica 3 marzo, l’edificio dell’ex Asilo di Blessano di Basiliano alla presenza delle autorità, tra cui il sindaco di Basiliano Marco Del Negro, l’ex presidente del consiglio regionale Franco Iacop e l’ex assessore alle infrastrutture Mara Grazia Santoro (ringraziati come responsabili principali dell’intervento regionale a favore della ristrutturazione), il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi e l’attuale il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin, dei componenti della Pro Blessano e di centinaia di persone accorse non solo dal paese ma tutte le comunità limitrofe del Medio Friuli.

Sono stati proprio i componenti della Pro Blessano, capitanati da un commosso presidente Antonino Dell’Oste, ad acquistare l’edificio nel 2009 per poi cominciare la restaurazione al fine di renderlo disponibile per tutte le attività della comunità. L’ultimo tassello, dopo l’installazione dei corpi illuminanti avvenuta grazie al fondamentale sostegno della Fondazione Friuli, che si è messa a disposizione con un contributo pari all’80% della spesa per acquistare e montare gli stessi, è stato il posizionamento degli arredi interni.

La storia dell’edificio comincia nel 1947, quando venne acquistato un terreno edificabile proprio allo scopo di farne un asilo, con un impegno da parte di tutti capifamiglia a contribuire sia in manodopera che con quote in denaro. L’opera, mai completata per lo scopo originario, è stata però sempre messa al servizio della comunità di Blessano e delle frazioni limitrofe e dei comuni contermini.

Benché l’edificio fosse strutturalmente completo, per ottenere una piena agibilità è stato necessario presentare un progetto di recupero funzionale e strutturale al fine di rendere il fabbricato conforme alle normative. La spesa totale prevista è di 550mila euro, coperti grazie all’intervento della Regione Fvg, della stessa Proloco e di altri soggetti, come la Fondazione Friuli. Una spesa che restituirà un’ampia sala polifunzionale che potrà ospitare fino a 140 persone a sedere, dove potranno svolgersi rappresentazioni teatrali, cinematografiche e musicali, alcuni spazi di aggregazione per incontri, gruppi di lavoro, corsi di formazione e mostre, un sottopalco e una cucina già inaugurata nel 2014.

Tra gli ultimi lavori effettuati, oltre all’installazione dei corpi illuminanti, anche il recupero del dipinto che decora una delle pareti interne sempre grazie all’indispensabile intervento della Fondazione Friuli.

La ristrutturazione è stata accolta e presentata come un grande lavoro dell’intera comunità che ha guardato al bene collettivo, rimboccandosi le maniche per anni. «Se si ha ben presente l’obiettivo che si vuole perseguire – ha dichiarato il sindaco Del Negro – non si ha paura del tempo e della fatica che si farà ma, tutti insieme, ci si rimbocca le maniche per raggiungerlo».




A Siena, sabato 2 marzo,Marzo all’insegna della salute e del benessere con l’Associazione Archeosofica di Siena

Mens sana in corpore sano: sarà un marzo all’insegna della cura della persona intesa come unità psicosomatica quello che propone l’Associazione Archeosofica di Siena.

Sabato 2 marzo prende il via “Salute&Benessere”, un ciclo di 5 incontri rivolti a tutti coloro che vogliono migliorare il proprio stile di vita. Alle ore 17.30, ad ingresso libero, nella sede dell’associazione (in via Banchi di Sopra 72) avrà luogo la conferenza introduttiva dedicata alla “Ginnastica Psicosomatica”. Anastasia Chiocchetti, esperta in Scienze motorie equalificata Fitness Instructor, affronterà temi differenti permettendo di scoprire quali sono le migliori tecniche di ginnastica psicosomatica efficaci ed utili per tutti, sia per coloro che svolgono un’attività intellettuale come gli studenti o gli insegnanti, sia per coloro che invece svolgono un lavoro socialmente o fisicamente impegnativo.  

I due sabati successivi saranno dedicati ad altrettanti stage in palestra durante i quali Sabrina Geppetti e Ilaria Raffaelli, insegnanti qualificate e competenti, offrirà tecniche di ginnastica psicosomatica, respirazione, rilassamento, trattamenti di riflessologia plantare e massaggi manuali, capaci di donare energia al corpo e vigore alla mente. Sabato 9 marzo, dalle ore 15.30 alle ore 18.30, l’appuntamento è presso il Centro Socio Culturale La Tuberosa, via Vallepiatta 10 mentre sabato 16 marzo, sempre dalle ore 15.30 alle ore 18.30 l’incontro avrà luogo presso il Centro Danza Francesca Selva, via Massetana Romana 28.

Il ciclo di appuntamenti prosegue sabato 23 marzo con la conferenza “La respirazione: chiave del benessere” che avrà luogo nella sede dell’Associazione senese in via Banchi di Sopra 72 (inizio alle ore 17.30, ingresso libero). Si parlerà di come stress, stanchezza, tensioni muscolari, sono condizioni proprie dello stile di vita dei nostri giorni e di come riuscire a combattere l’esaurimento fisico e mentale e trovare un benessere stabile e duraturo attraverso l’Arte del Respiro, strumento estremamente efficace per conseguire questo risultato. L’incontro sarà tenuto da Anastasia Chiocchetti, esperta in Scienze motorie e qualificata Fitness Instructor.

L’incontro conclusivo di sabato 30 marzo sarà invece dedicato a “La salute in tavola”. A partire dalle ore 17.30 presso la sede di via Banchi di Sopra 72 (ingresso libero), Laura Monducci, farmacista, specializzata in dietetica, aiuterà gli intervenuti a scoprire come l’alimentazione sia una delle chiavi del benessere e come gli alimenti possano prevenire numerose patologie. La parola dieta, termine che nell’accezione odierna richiama l’idea di privazione e sacrificio, tradizionalmente significava “stile di vita”, attenzione verso un equilibrato nutrimento, un adeguato movimento, unito alla capacità di vivere serenamente.

Per informazioni:  339.1006688




ENTRA NEL VIVO IL CARNEVALE DI TRIESTE 2019. IL PROGRAMMA DI GIOVEDI’ 28 FEBBRAIO E SEGUENTI

Entra nel vivo il Carnevale di Trieste, aperto ufficialmente domenica in Piazza dell’Unità d’Italia davanti a un folto pubblico, composto per lo più da bambini, con la consegna delle Chiavi a Re Salvatore e Regina Paola di Valmaura da parte del Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza alla presenza della presidente del Comitato di coordinamento del Carnevale di Trieste e del Palio cittadino, Sabrina Iogna Prat e del presidente onorario, Roberto de Gioia con l’animazione dello Showman Mauro Manni e l’accompagnamento della Show Band Vecia Trieste, dal 2016 banda ufficiale del Carnevale di Trieste.

            Mentre in Porto Vecchio nel nuovo spazio messo a disposizione dal Comune per l’allestimento e il ricovero dei carri allegorici ancora si sta lavorando con grande impegno alla loro realizzazione e a quella dei costumi per la tradizionale sfilata di Martedì grasso, in programma il 5 marzo 2019, Trieste sta per tuffarsi di nuovo nel festoso clima di Carnevale, pronta a ospitare la 28esima edizione del Corso Mascherato che assegnerà l’ambito Palio di Trieste detenuto da Valmaura. E, grazie al sostegno del Comune di Trieste, co-organizzatore dell’evento, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e alla collaborazione di Trieste Trasporti, anche quest’anno sarà un’edizione ricca di novità, sorprese e divertimento.

            Anche a questa edizione, che arriva dopo il grandissimo successo dell’Eurocarnevale, sono stati invitati gruppi di maschere anche dal Carnevale Muggesano, quello Carsico e dai Carnevali della regione.

Il Corso Mascherato di Martedì Grasso, il 5 marzo, come ogni anno assegnerà il Palio di Trieste. Nel 2019 sono otto i rioni in lizza.

Grandi presenze di bambini per le sfilate rionali con gli alunni delle scuole e gli iscritti ai Ricreatori che si terranno a Servola, San Giovanni, Roiano, Borgo San Sergio, Barriera Vecchia e Valmaura.

A Servola, musica ogni sera nei locali del rione dopo il successo delle più bone jota, fasoi e luganighe, gnochi de pan, la miglior calandraca e le più bone polpete col sugo, al Circolo Falisca nel 2019 si premierà el più bon pasticio in qualsiasi salsa de Servola. Per i bambini sabato mattina e domenica pomeriggio tornano la musica e l’animazione in piazza Unità. A grande richiesta, anche quest’anno al termine del Corso mascherato, la presenza sul palco delle premiazioni di piazza Unità d’Italia del gruppo “Aperitivo Silenzioso” che eseguirà alcuni brani con il linguaggio dei segni a favore dei non udenti.

            Il segreto del successo del Carnevale di Trieste – come ribadito dalla presidente del Comitato di Coordinamento per il Carnevale di Trieste e del Palio cittadino, Sabrina Iogna Prat e da quello onorario, Roberto de Gioia – è che si tratta di un Carnevale per tutti, grandi e piccini, singoli e gruppi. Tutti quanti avranno come sempre infatti l’opportunità di iscriversi gratuitamente e prendere parte alla sfilata cittadina concorrendo all’assegnazione dei premi riservati alle maschere più belle secondo quella che rimane la principale caratteristica del Carnevale di Trieste.

            Da giovedì 28 febbraio a lunedì 4 marzo per le iscrizioni gratuite – riservate ai gruppi e alle maschere singole (sia adulti che bambini) – e per tutte le informazioni del caso sarà attivo l’Infopoint Trieste allestito in piazza dell’Unità d’Italia 4b (piano stradale del Municipio) ogni giorno dalle 16 alle 19 (domenica 3 marzo anche dalle 11 alle 13).

            Quello di Trieste è da sempre il Carnevale dei più piccoli e anche quest’anno saranno soprattutto i bambini delle scuole, degli asili nido e dei Ricreatori comunali i veri protagonisti della festa. Il Carnevale si festeggerà infatti come sempre anche nei nidi, nelle scuole dell’infanzia e nei ricreatori del Comune di Trieste con la partecipazione di tutti i bambini iscritti di varie età secondo un nutrito programma (vedi allegato).

            Corsi mascherati e sfilate rionali con protagonisti anche gli alunni degli asini nido, delle scuole e i bambini dei Ricreatori comunali sono in programma come ogni anno per un’intera settimana a Servola, San Giovanni, Roiano, Borgo San Sergio, Barriera Vecchia e Valmaura. A grande richiesta tornano anche la Musica e l’animazione in piazza per i più piccoli in piazza Unità sabato 2 marzo, dalle ore 14 e domenica 3 marzo, dalle ore 10.

            Saranno otto quest’anno – con il ritorno di Borgo San Sergio – i rioni che si contenderanno il “Palio di Trieste” 2019 (detentore, Valmaura). Eccoli in ordine di sfilata: Valmaura, Cittàvecchia San Giusto, Servola, Roiano, Barriera Vecchia, Rozzol,  San Giovanni  e Borgo San Sergio.

            Questi i temi rionali del 2019: Valmaura – “Teste oltre le nuvole”; Cittàvecchia San Giusto – “Alice nel nostro paese delle meraviglie”; Servola – “Xe tutto un circo anche a Servola”; Roiano – “Ma che freddo fa”; Barriera Vecchia – “A tutta birra”; Rozzol – “Old Far West”, San Giovanni – “San Giovanni sogna “; e Borgo San Sergio – “Sfilata libera”.

            Il percorso del Corso mascherato sarà lo stesso dell’anno passato, dimostratosi nel corso degli anni il più congeniale oltre che suggestivo. La sfilata, presentata dallo speaker Maurizio Testi di Radio Punto Zero, da piazza Oberdan si snoderà lungo via Carducci, via Reti, via Imbriani e Corso Italia per sfociare in piazza dell’Unità d’Italia, dove si concluderà e dove, in attesa del verdetto e, al termine delle premiazioni, si scatenerà il ballo con dj.

            L’animazione in Piazza Unità d’Italia durante il Corso Mascherato del 5 marzo e prima e dopo le premiazioni verrà curata anche quest’anno dallo Showman triestino Mauro Manni, che sarà affiancato dallo Staff del c’era una volta e dall’ospite speciale Angela Mangiavillano, speaker di Rdt Radio Station.

            E anche quest’anno al Carnevale di Trieste ci sarà spazio per l’impegno sociale.
A precedere le premiazioni, sarà infatti l’esibizione del gruppo “Aperitivo silenzioso” con Barbara Cova e Francesca Lisjak (presidente ENS Ente Nazionale Sordi FVG), che assieme agli amici della LIS, interpreteranno alcuni brani con la lingua dei segni, unendo così al divertimento l’impegno sociale. L’incontro è pubblico, aperto a tutti ed è un appuntamento durante il quale Barbara e Francesca “canteranno” con le mani, nella lingua dei segni, brani molto noti, accompagnate da un video sul quale scorreranno le parole del testo, per poter seguire parola e segno corrispondente.

            A Servola, la culla del Carnevale Triestino, per tutta la settimana, com’è tradizione secolare, rimarranno aperte trattorie, osterie, bar, pizzerie, circoli e osmize per offrire ospitalità e ristoro con sottofondo musicale a condizioni speciali alle maschere e mascherine.

Non mancherà, forte del successo delle passate edizioni, il tradizionale concorso per le migliori specialità culinarie: dopo la più bona jota servolana, i più boni fasoi e luganighe, i più boni gnocchi de pan, la miglior “Calandraca” e le più bone “Polpette col sugo”, quest’anno al Circolo Falisca, la sera di lunedì 4 marzo si premierà el più bon pasticio coi qualsiasi sugo (consegna entro le ore 17.30).

            Alla Pizzeria Arcobaleno è in corso infine una mostra di 20 opere sul tema del Carnevale dell’artista Lodovico Zabotto a cura del gruppo Amici Amèbe dal titolo “Sorrisi in maschera”.

            Per tutte le informazioni e gli aggiornamenti in tempo reale sul Carnevale 2019, sono attivi anche quest’anno il sito internet, online all’indirizzo www.carnevaletrieste.it, dove reperire tutte le informazioni e il gruppo facebook ufficiale Il Carnevale di Trieste, con foto e notizie sempre aggiornate.

            Si entrerà nel vivo dei festeggiamenti giovedì 28 febbraio con la Sfilata delle scuole del rione di San Giovanni con partenza alle ore 10.00 (in caso di maltempo, la sfilata si svolgerà all’interno delle scuole) e arrivo al Centro Commerciale II Giulia dove alle 10.30 seguiranno animazione, giochi e musica. In serata, alle ore 18, al teatro di via San Cilino 99/1 si terrà il concerto, a ingresso libero, di Umberto Lupi e Deborah Duse dal titolo “A San Giovanni canta Trieste”.

Sfilata delle scuole materne ed elementari di Trieste anche a Servola, alle ore 10.30.

Sempre a Servola, alle ore 15.30, si snoderà il consueto e immancabile “Corso delle Serve”, una delle più antiche tradizioni carnascialesche che da sempre si tiene sul colle triestino, denominato non a caso il “Paese del Carnevale”. Accompagnato dalla Banda Refolo, partirà dal Ricreatorio Gentilli e si richiama alla consuetudine delle balie che portavano a spasso i figli dei signorotti, qui “cullati” su esilaranti carrozzine.

            Venerdì 1 marzo in Barriera Vecchia, alle ore 10.00, con partenza dalla scuola Gaspardis di via Donadoni e con l’accompagnamento della Banda Refolo e la ShowBand Vecia Trieste (da quattro edizioni la banda ufficiale del Carnevale di Trieste) si terrà la tradizionale sfilata delle scuole del rione che, dopo un passaggio all’interno dell’Itis, si concluderà con una festa nell’oratorio San Vincenzo de’ Paoli.

            Sempre venerdì, alle 10.00, nel rione di Borgo San Sergio prenderà il via la sfilata rionale che si concluderà con una festa nel campetto dell’oratorio che vedrà la presenza del personaggio del momento: Uolter, la boba de Borgo, impersonata da Flavio Furian.

            Nel pomeriggio di venerdì, alle ore 16.30, a Servola sfileranno i Ricreatori comunali, con partenza e festa finale con tutti i Ricreatori al Ricreatorio Gentilli. Il consiglio degli organizzatori è di procurarsi un qualsiasi costume di Carnevale e osare con la fantasia: cappellini, occhiali, luci natalizie, palloncini a led per la sfilata serale. L’animazione sarà curata da Mauro Manni e dalle 18 si ballerà con il dj Enzo Zippo. Il ritrovo è fissato alle 16.30, presso il Ricreatorio Gentilli, con partenza della Sfilata luminosa alle ore 17.00.

Ma come sempre, oltre a quello di Servola anche altri rioni cittadini presenteranno tradizioni consolidate: Roiano, sabato, alle ore 15.00, proporrà il suo 21° Corso Mascherato a tema libero con accompagnamento della Filarmonica Santa Barbara e sosta in Piazza Tra i Rivi. Al termine, premiazioni del Concorso mascherato a tema libero festa finale accompagnata dai percussionisti Drum Squad con dolci e cioccolata calda presso il Centro Giovanile di via dei Moreri.  A chiudere in bellezza, alle 20, il concerto dei Funkimage.

            Appuntamento per i bambini anche in piazza Unità d’Italia, dalle ore 14.00, con Musica e animazione.

            Domenica 3 marzo, alle ore 15.30, a Servola, si svolgerà il Corso Mascherato rionale aperto a tutti con maschere e carri e l’accompagnamento della Banda Refolo. In mattinata, Musica e animazione per i bambini dalle ore 10 in Piazza Unità.

            Lunedì 4 marzo al Circolo “Falisca” si svolgerà il concorso con iscrizione gratuita per el più bon pasticcio con qualsiasi sugo de Servola e al termine, dopo le premiazioni, musica dal vivo.

Valmaura, dalle 16, sfilata rionale con l’allietamento della Guggefafraia e festa finale con gara di torte al Circolo del Giovane di via degli Inchiostri.

            E si arriva così al momento più atteso, martedì 5 marzo con il 28° Corso mascherato valido per il “Palio di Trieste”, concorso a cui partecipano principalmente i rioni di Trieste, ma che è aperto a tutti e che prenderà il via alle ore 14.00 da Piazza Oberdan. La sfilata sarà accompagnata dallo speaker Maurizio Testi, da otto anni voce ufficiale del Carnevale di Trieste.

Trieste Cafe, media partner del Carnevale di Trieste, trasmetterà in diretta straming il corso Mascherato.

            La registrazione della sfilata andrà in onda su Tele Antenna (Canale 647 del digitale terrestre) il sabato successivo alle ore 21 e la domenica alle 19.30 e alle 23.

            Anche sul sito www.radiopuntozero.it sarà possibile assistere alla diretta streaming del Corso Mascherato grazie alla webcam collocata presso la sede dell’emittente in Corso Italia.

            Al termine, si farà festa in piazza con la musica del dj Mauro Manni e l’animazione affidata allo Staff del C’era una volta; sul palco saliranno poi tutte le bande per esibirsi a rotazione.

            In serata, la festa su sposterà nei locali di Servola dove poi, alle 24, si terrà la Veglia funebre per il povero Cornelio.

            Ultimo spettacolare atto del Carnevale, il Mercoledì delle Ceneri con il rituale Funerale che si terrà a Servola, dove il Corteo funebre accompagnato – per la prima volta – dalla Banda Niu Orlians partirà alle 15.30 con moglie, amante e figli addolorati per concludersi con il consueto e pittoresco Rogo.

Il Carnevale di Trieste si tiene in co-organizzazione con il Comune di Trieste, con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e grazie alla collaborazione di Trieste Trasporti.

Media partner, Trieste Cafe che manderà in onda la diretta streaming del Corso Mascherato.

Andrea Forliano




BOLOGNA DOMANI OSPITA L’EVENTO UFFICIALE DI M’ILLUMINO DI MENO 2019

Scatta l’ora di “M’illumino di meno 2019: venerdì primo marzo è in programma nell’Arena centrale di FICO Eataly World a Bologna l’evento ufficiale della 15^ edizione della Giornata del Risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili lanciata nel 2005 da Caterpillar Rai Radio2. Dalle 18 alle 20 appuntamento con il ‘live’ di “M’illumino di meno”, guidato dai conduttori di Caterpillar Massimo Cirri e Laura Troja nel segno dell’economia circolare: non a caso la diretta sarà di scena nel polo di eccellenza della sostenibilità agroalimentare e dell’efficienza energetica, l’area CAAB – FICO alimentata dall’impianto fotovoltaico su tetto più grande d’Europa, dove ogni giorno si promuovono il riutilizzo delle risorse, l’educazione alimentare e il consumo consapevole.   L’ingresso alla diretta di M’illumino di meno è aperta a tutti, e subito dopo, dalle 20 a FICO, M’illumino di Meno culminerà nella Cena #SprecoZero apparecchiata in una lunga tavolata lungo la pista ciclabile di FICO. La cena proporrà portate sostenibili e ricette che recuperano ingredienti e tradizioni della tavola contadina, all’insegna del non sprecare e ritrovare ingredienti “poveri” ma squisiti. Come lo strolghino, il salamino fatto con le rifilature magre del culatello e del fiocco di prosciutto, il pancotto e la frittura di paranza, con i piccoli pesci “dimenticati”. Prenotazioni sul sito https://www.eatalyworld.it/it/plan/m-illumino-di-meno-cena  

Sempre domani, venerdì primo marzo, prenderà il via il contest M’illumino di Meno #sprecozero L’IDEA, promosso da CAAB, Centro Agroalimentare di Bologna con FICO Eataly World e Fondazione FICO, insieme al Premio Vivere a Spreco Zero che da sei anni assegna i piccoli Oscar della sostenibilità per le buone pratiche di prevenzione degli sprechi di enti pubblici, aziende, scuole e cittadini/associazioni. Il contest premierà la migliore idea (per un’azione, un’iniziativa, un format, una app, un networking, purchè concretamente realizzabile) legata a buone pratiche di prevenzione degli sprechi ed economia circolare in ambito alimentare, idrico, energetico e in qualsiasi altro ambito possa trovare applicazione la ri-generazione, il ri-utilizzo, la ri-messa in circolo propria degli obiettivi dell’economia circolare. Si potrà partecipare inviando da domani a domenica 31 marzo la propria idea e soluzione realizzativa in 700 caratteri spazi inclusi alla email sprecozero@lastminutemarket.it oppure inserendo il proprio appunto/nota/progetto (sempre in max 700 caratteri spazi inclusi) nell’urna #sprecozero che sarà predisposta a FICO Eataly World nell’area dell’Arena centrale da domani al 31 marzo. Il vincitore riceverà una quota parte in funzione della valenza del progetto. La proclamazione e premiazione del progetto vincitore è prevista nel mese di novembre 2019, a FICO Eataly World, nell’ambito del Premio Vivere a Spreco Zero 2019.

 

 




FESTIVAL FRANCIACORTA A TRIESTE

Lunedì 11 marzo al Savoia Excelsior Palace la prima tappa dei Festival itineranti 2019

Ritorna l’appuntamento con i Festival itineranti Franciacorta che, per la prima tappa approderanno nella bellissima città di Trieste, lunedì 11 marzo. Ad ospitare l’evento saranno le affascinanti sale dell’Hotel Savoia Excelsior Palace nel centro della città con affaccio sul mare.

Le ventiquattro cantine presenti nello splendido edificio accoglieranno esperti di settore, ma anche appassionati, sempre più curiosi e desiderosi di conoscere e approfondire il gusto del Franciacorta, declinato nelle sue diverse tipologie.

Come di consueto dalle ore 16.00, i banchi d’assaggio saranno accessibili per la stampa e gli operatori, con la possibilità di partecipare al seminario dedicato a diverse annate della tipologia più esclusiva, il Satèn. A partire dalle 18.00 invece, l’apertura al pubblico e il seminario di degustazione dedicato alle diverse tipologie di Franciacorta.

FESTIVAL FRANCIACORTA A TRIESTE

Dalle 16.00 alle 18.00 – Ingresso riservato a stampa e operatori, con banchi d’assaggio. (E’ consentito un solo ingresso gratuito per singola attività commerciale). Accredito online operatori: http://franciacorta.eventbrite.it

 

Alle 16.30 – Seminario di degustazione “Interpretazioni di un’annata”. Degustazione guidata di cinque Franciacorta Satèn. Registrazione: http://franciacorta.eventbrite.it

Dalle 18.00 alle 21.00 – Apertura al pubblico. I biglietti sono disponibili in prevendita sul sito http://franciacorta.eventbrite.it al costo di € 20,00. Biglietto d’ingresso ridotto per soci AIS, FISAR, Fondazione Italiana Sommelier, ONAV, Slow Food € 15,00.

Alle 18.30 – Seminario di degustazione “Indovina chi”. Degustazione alla scoperta delle diverse tipologie di Franciacorta. Registrazione: http://franciacorta.eventbrite.it

 

Le 24 cantine presenti: ALBERELLE DI DABENI LUCA ZAFFERINO • BARONE PIZZINI • BELLAVISTA • BERLUCCHI GUIDO • BERSI SERLINI • CA’ DEL BOSCO • CA D’OR •CANTINA CHIARA ZILIANI • CASTELLO DI GUSSAGO LA SANTISSIMA • CASTELFAGLIA MONOGRAM • CONTADI CASTALDI • CORTE AURA • FERGHETTINA • LA MONTINA • LANTIERI DE PARATICO • LO SPARVIERE • MARCHESI ANTINORI TENUTA MONTENISA • MIRABELLA •  QUADRA • RICCI CURBASTRO • RONCO CALINO • SANTA LUCIA • UBERTI • VILLA FRANCIACORTA




MARTEDÌ 26 E MERCOLEDÌ 28 FEBBRAIO, LA GREEN WEEK ARRIVA A TREVISO

LO STABILIMENTO SNAM DI ISTRANA E AMORIM CORK ITALIA DI CONEGLIANO TRA LE 30 “FABBRICHE DELLA SOSTENIBILITÀ”

Grande attesa per le iniziative che vedranno la provincia di Treviso protagonista , nell’ambito della Green Week, la settimana della Green Economy che da martedì 26 febbraio a domenica 3 marzo attraverserà Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Lombardia e Trentino per scoprire e raccontare ben 30 “Fabbriche della sostenibilità”, aziende che hanno scelto, anche come leva competitiva,di adottare processi o realizzare prodotti ecosostenibili. In programma, un convegno ospitato da Fondazione Francesco Fabbri sui nuovi modelli di sviluppo della montagna e le visite a due importanti aziende del territorio: martedì 26 febbraio aprirà le sue portelo stabilimento Snam di Istrana, mentre mercoledì 27 febbraio sarà la volta di Amorim Cork Italia di Conegliano.

****************************************************************COME PARTECIPARE ALLA GREEN WEEK

Il programma completo della Green Week è disponibile online sul sito www.greenweekfestival.it. Tutti gli eventi della Green Week sono a ingresso libero: per avere garanzia di posto a sedere in sala, è consigliata la registrazione online sul sito seguendo le indicazioni in calce a ciascun evento. Il sito internet della manifestazione è anche punto di riferimento per aggiornamenti in progress. È già molto attivala comunità di Facebook e di Twitter, disponibile al profilo @GreenWeekItalia; hashtag ufficiale della manifestazione #greenweek19. *****************************************************************

Le iniziative della Green Week nella provincia di Treviso saranno inaugurate martedì 26 febbraio a Pieve di Soligo,dove Fondazione Francesco Fabbri ospiterà il convegno “Nuovi modelli di sviluppo per la montagna. La tragedia degli alberi abbattuti e le idee per un nuovo sviluppo”. Dopo i saluti di Viviana Carlet, coordinatrice Fondazione Francesco Fabbri, e Stefano Soldan, sindaco di Pieve di Soligo, e l’introduzione di Roberto Masiero, docente di Storia dell’architettura all’Università IUAV di Venezia,si alterneranno gli interventi di Benedetta Castiglioni, docente di Geografia dell’Università di Padova, Federico Della Puppa, dottore di ricerca in Economia Montana e dell’Ambiente all’Università IUAV di Venezia, Andrea Ferrazzi, direttore Confindustria Dolomiti e coordinatore nazionale Confindustria Montagna, e Gianmaria Sommavilla, direttore unità organizzativa forestale est della Regione Veneto.

Sempre nella giornata di martedì 26 febbraio, il tour delle fabbriche green partirà da Istrana, dove SNAM presenterà l’impianto di compressione costruito nel 1975. Il gruppo da oltre 75 anni realizza e gestisce infrastrutture sostenibili e tecnologiche avanzate che garantiscono la sicurezza energetica, prima in Europa per estensione della rete di trasporto (oltre 32.500 km in Italia, circa 40.000 con le partecipate internazionali) e capacità di stoccaggio di gas naturale gestisce il primo impianto di gas naturale liquefatto realizzato in Italia ed è azionista del principale terminale del Paese. “Per noi la Green Week è una nuova occasione di aprire i propri impianti ai territori, facendo conoscere le proprie attività agli studenti e rafforzando il legame con le università italiane, puntando sulla formazione e sulla divulgazione dei temi legati alla transizione energetica”, sottolinea Massimo Derchi, Chief Industrial Assets Officer di Snam.
L’impianto trevigiano, per la sua collocazione geografica, ha sempre rivestito un ruolo di importanza strategica come porta verso il Nord: effettua infatti la ricompressione del gas naturale lungo i gasdotti paralleli di importazione dalla Russia: si tratta di fatto di uno degli snodi cruciali della rete di Snam e del distretto nord orientale del gruppo, che sovrintende alla gestione della rete gas italiana nelle regioni del nordest ed impiega complessivamente circa 160 persone. In sostanza l’impianto di Istrana effettua la ricompressione del gas naturale lungo i gasdotti paralleli di importazione dalla Russia. L’impianto, come le altre 12 infrastrutture analoghe in esercizio in tutta Italia, ha la funzione di imprimere al gas naturale la pressione necessaria a farlo viaggiare nella rete dei gasdotti, svolgendo un ruolo fondamentale nell’assicurare a famiglie e imprese le forniture energetiche di cui hanno bisogno per riscaldare le case e alimentare le industrie, nel rispetto dell’ambiente e del territorio.”Sono in corso importanti investimenti per mantenere l’impianto all’avanguardia dal punto di vista ambientale. In particolare, è prevista la sostituzione di 2 turbocompressori con macchine più efficienti e a emissioni inferiori, oltre all’installazione di sistemi di movimentazione valvole con attuazione elettrica, che consentiranno di azzerare le emissioni di gas non combusti in atmosfera. Inoltre, sempre in ottica di efficientamento energetico, verrà realizzato un impianto di trigenerazione per la produzione di energia elettrica e di acqua calda e fredda per i servizi dell’impianto e saranno installati corpi illuminanti a led per l’area esterna. L’investimento ammonta a circa 50 milioni”, racconta Derchi.

Più in generale nel 2017 le spese di Snam rivolte alla tutela dell’ambiente, dalla protezione dell’aria, del clima, del suolo e del sottosuolo alla difesa della biodiversità e alla gestione dei rifiuti, sono state superiori a 120 milioni di euro. Nell’ambito del proprio piano strategico al 2022, l’azienda ha varato un progetto (“Snamtec”) focalizzato su tecnologia, innovazione, sostenibilità e transizione energetica, sostenuto da 850 milioni di euro di investimenti; di questi, circa 600 milioni saranno destinati a iniziative di efficienza energetica, gas rinnovabile (biometano) e riduzione delle emissioni.
Il giorno successivo, mercoledì 27 febbraio, aprirà le sue porte Amorim Cork Italia, filiale italiana del Gruppo Amorim, la prima azienda del mondo per il riciclo dei tappi in sughero, ottenendo così dal prodotto rilavorato materiale per l’edilizia, la coibentazione, l’abbigliamento, la meccanica e l’aeronautica spaziale.
La sostenibilità ambientale riveste una particolare importanza per Amorim Cork Italia, approdata nel nostro Paese nel 1999 per produrre tappi di sughero in un territorio a vocazione vinicola. Infatti, l’interesse primario dell’azienda è quello di rispettare e tutelare le foreste che forniscono la materia prima, premessa che si traduce in quello che l’ad Carlos Santos chiama “approccio trasversale” alla sostenibilità, ovvero un’attenzione all’impatto ambientale che si estende lungo tutto il ciclo produttivo. Alla scoperta non solo di un’azienda, ma anche dell’intero mondo della lavorazione del tappo in sughero – dalla pianta al prodotto finito: potrebbe definirsi così una visita alla Amorim Cork Italia di Conegliano, filiale italiana del gruppo portoghese Amorim, già da quattro generazioni attivo nel settore e che oggi lavora un terzo della produzione mondiale di sughero. Il gruppo è approdato nel nostro Paese nel 1999 per produrre direttamente tappi di sughero in un territorio a vocazione vinicola, ed oggi copre il 25% del mercato nazionale del settore.
A TRENTO IL FESTIVAL DELLA GREEN ECONOMY

Da venerdì 1 a domenica 3 marzo Trento sarà la capitale della Green Week con il Festival della Green Economy, che radunerà imprenditori, esperti e operatori per un confronto sullo sviluppo sostenibile.   

L’ottava edizione della manifestazione diffusa sulla sostenibilità e la green economy, promossa da ItalyPost assieme a Fondazione Symbola, Buone Notizie del Corriere della Sera, Provincia autonoma di Trento, Comune di Trento, Università di Trento, Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Edmund Mach, MUSE – Museo delle Scienze, Trentino Sviluppo, Comune di Rovereto, e curata da Goodnet – Territori in Rete, con la partnership di Scania, APT Valsugana Lagorai, Porto di Venezia, UNIC – Concerie Italiane, Autostrada del Brennero, Mubre e Trentino Progetti, la partecipazione di Melinda e BIT Spa Credito Cooperativo, con Egea come editorial partner, Fondazione Francesco Fabbri e Progetto Manifattura come content partner, Lattebusche, Loison, Lurisia come partner tecnici e con la collaborazione della Commissione Europea, vedrà quest’anno una serie di importanti novità.   



AL VIA DOMENICA 24 FEBBRAIO ALLE ORE 11 IN PIAZZA UNITA’ CON LA CONSEGNA DELLE CHIAVI DELLA CITTA’ E L’ACCOMPAGNAMENTO DELLA VECIA TRIESTE IL CARNEVALE DI TRIESTE 2019, GIUNTO ALLA 28ESIMA EDIZIONE.

            Il Corso Mascherato di Martedì Grasso, il 5 marzo, come ogni anno assegnerà il Palio di Trieste. Nel 2019 sono otto i rioni in lizza.

Grandi presenze di bambini per le sfilate rionali con gli alunni delle scuole e gli iscritti ai Ricreatori che si terranno a Servola, San Giovanni, Roiano, Borgo San Sergio, Barriera Vecchia e Valmaura.

A Servola, musica ogni sera nei locali del rione dopo il successo delle più bone jota, fasoi e luganighe, gnochi de pan, la miglior calandraca e le più bone polpete col sugo, al Circolo Falisca nel 2019 si premierà el più bon pasticcio in qualsiasi salsa de Servola. Per i bambini sabato mattina e domenica pomeriggio tornano la musica e l’animazione in piazza Unità. A grande richiesta, anche quest’anno al termine del Corso mascherato, la presenza sul palco delle premiazioni di piazza Unità d’Italia del gruppo “Aperitivo Silenzioso” che eseguirà alcuni brani con il linguaggio dei segni a favore dei non udenti.

Domenica 24 febbraio alle ore 11, in piazza Unità d’Italia, il via con la consegna delle chiavi al Re e alla Regina del Carnevale.

            Mentre in Porto Vecchio nel nuovo spazio messo a disposizione dal Comune per l’allestimento e il ricovero dei carri allegorici ancora si sta lavorando con grande impegno alla loro realizzazione e a quella dei costumi per la tradizionale sfilata di Martedì grasso, in programma il 5 marzo 2019, Trieste sta per tuffarsi di nuovo nel festoso clima di Carnevale, pronta a ospitare la 28esima edizione del Corso Mascherato che assegnerà l’ambito Palio di Trieste detenuto da Valmaura. E, grazie al sostegno del Comune di Trieste, co-organizzatore dell’evento, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e alla collaborazione di Trieste Trasporti, anche quest’anno sarà un’edizione ricca di novità, sorprese e divertimento.

            Si comincia, come detto, già domani, domenica 24 febbraio, quando, alle 11.00, in piazza Unità d’Italia, arriveranno il Re e la Regina del Carnevale, espressione del rione di Valmaura che, nel corso della tradizionale cerimonia, riceveranno le chiavi della Città da parte dell’Amministrazione comunale accompagnati dalla ShowBand Vecia Trieste, dal 2016 banda ufficiale del Carnevale di Trieste.

            Anche a questa edizione, che arriva dopo il grandissimo successo dell’Eurocarnevale, sono stati invitati gruppi di maschere anche dal Carnevale Muggesano, quello Carsico e dai Carnevali della regione.

            Il segreto del successo del Carnevale di Trieste – come ribadito dalla presidente del Comitato di Coordinamento per il Carnevale di Trieste e del Palio cittadino, Sabrina Iogna Prat e da quello onorario, Roberto de Gioia – è che si tratta di un Carnevale per tutti, grandi e piccini, singoli e gruppi. Tutti quanti avranno come sempre infatti l’opportunità di iscriversi gratuitamente e prendere parte alla sfilata cittadina concorrendo all’assegnazione dei premi riservati alle maschere più belle secondo quella che rimane la principale caratteristica del Carnevale di Trieste.

            Da giovedì 28 febbraio a lunedì 4 marzo per le iscrizioni gratuite – riservate ai gruppi e alle maschere singole (sia adulti che bambini) – e per tutte le informazioni del caso sarà attivo l’Infopoint Trieste allestito in piazza dell’Unità d’Italia 4b (piano stradale del Municipio) ogni giorno dalle 16 alle 19 (sabato 2 marzo anche dalle 11 alle 13).

            Quello di Trieste è da sempre il Carnevale dei più piccoli e anche quest’anno saranno soprattutto i bambini delle scuole, degli asili nido e dei Ricreatori comunali i veri protagonisti della festa. Il Carnevale si festeggerà infatti come sempre anche nei nidi, nelle scuole dell’infanzia e nei ricreatori del Comune di Trieste con la partecipazione di tutti i bambini iscritti di varie età secondo un nutrito programma (vedi allegato).

            Corsi mascherati e sfilate rionali con protagonisti anche gli alunni degli asini nido, delle scuole e i bambini dei Ricreatori comunali sono in programma come ogni anno per un’intera settimana a Servola, San Giovanni, Roiano, Borgo San Sergio, Barriera Vecchia e Valmaura. A grande richiesta tornano anche la Musica e l’animazione in piazza per i più piccoli in piazza Unità sabato 2 marzo, dalle ore 14 e domenica 3 marzo, dalle ore 10.

            Saranno otto quest’anno – con il ritorno di Borgo San Sergio – i rioni che si contenderanno il “Palio di Trieste” 2019 (detentore,  Valmaura). Eccoli in ordine di sfilata:  Valmaura, Cittàvecchia San Giusto, Servola, Roiano, Barriera Vecchia, Rozzol,  San Giovanni  e Borgo San Sergio.

            Questi i temi rionali del 2019: Valmaura – “Teste oltre le nuvole”; Cittàvecchia San Giusto – “Alice nel nostro paese delle meraviglie”; Servola – “Xe tutto un circo anche a Servola”; Roiano – “Ma che freddo fa”; Barriera Vecchia – “A tutta birra”; Rozzol – “Old Far West”, San Giovanni – “San Giovanni sogna “; e Borgo San Sergio – “Sfilata libera”.

            Il percorso del Corso mascherato sarà lo stesso dell’anno passato, dimostratosi nel corso degli anni il più congeniale oltre che suggestivo. La sfilata, presentata dallo speaker Maurizio Testi di Radio Punto Zero, da piazza Oberdan si snoderà lungo via Carducci, via Reti, via Imbriani e Corso Italia per sfociare in piazza dell’Unità d’Italia, dove si concluderà e dove, in attesa del verdetto e, al termine delle premiazioni, si scatenerà il ballo con dj.

            L’animazione in Piazza Unità d’Italia durante il Corso Mascherato del 5 marzo e prima e dopo le premiazioni verrà curata anche quest’anno dallo Showman triestino Mauro Manni, che sarà affiancato dallo Staff del c’era una volta e dall’ospite speciale Angela Mangiavillano, speaker di Rdt Radio Station.

            E anche quest’anno al Carnevale di Trieste ci sarà spazio per l’impegno sociale.
A precedere le premiazioni, sarà infatti l’esibizione del gruppo “Aperitivo silenzioso” con Barbara Cova e Francesca Lisjak (presidente ENS Ente Nazionale Sordi FVG), che assieme agli amici della LIS, interpreteranno alcuni brani con la lingua dei segni, unendo così al divertimento l’impegno sociale. L’incontro è pubblico, aperto a tutti ed è un appuntamento durante il quale Barbara e Francesca “canteranno” con le mani, nella lingua dei segni, brani molto noti, accompagnate da un video sul quale scorreranno le parole del testo, per poter seguire parola e segno corrispondente.

            A Servola, la culla del Carnevale Triestino, per tutta la settimana, com’è tradizione secolare, rimarranno aperte trattorie, osterie, bar, pizzerie, circoli e osmize per offrire ospitalità e ristoro con sottofondo musicale a condizioni speciali alle maschere e mascherine.

Non mancherà, forte del successo delle passate edizioni, il tradizionale concorso per le migliori specialità culinarie: dopo la più bona jota servolana, i più boni fasoi e luganighe, i più boni gnocchi de pan, la miglior “Calandraca” e le più bone “Polpette col sugo”, quest’anno al Circolo Falisca, la sera di lunedì 4 marzo si premierà el più bon pasticio coi qualsiasi sugo (consegna entro le ore 17.30).

            Alla Pizzeria Arcobaleno è in corso infine una mostra di 20 opere sul tema del Carnevale dell’artista Lodovico Zabotto a cura del gruppo Amici Amèbe dal titolo “Sorrisi in maschera”.

            Per tutte le informazioni e gli aggiornamenti in tempo reale sul Carnevale 2019, sono attivi anche quest’anno il sito internet, online all’indirizzo www.carnevaletrieste.it, dove reperire tutte le informazioni e il gruppo facebook ufficiale Il Carnevale di Trieste, con foto e notizie sempre aggiornate.

            Si entrerà nel vivo dei festeggiamenti giovedì 28 febbraio con la Sfilata delle scuole del rione di San Giovanni con partenza alle ore 10.00 (in caso di maltempo, la sfilata si svolgerà all’interno delle scuole) e arrivo al Centro Commerciale II Giulia dove alle 10.30 seguiranno animazione, giochi e musica. In serata, alle ore 18, al teatro di via San Cilino 99/1 si terrà il concerto, a ingresso libero, di Umberto Lupi e Deborah Duse dal titolo “A San Giovanni canta Trieste”.

Sfilata delle scuole materne ed elementari di Trieste anche a Servola, alle ore 10.30.

Sempre a Servola, alle ore 15.30, si snoderà il consueto e immancabile “Corso delle Serve”, una delle più antiche tradizioni carnascialesche che da sempre si tiene sul colle triestino, denominato non a caso il “Paese del Carnevale”. Accompagnato dalla Banda Refolo, partirà dal Ricreatorio Gentilli e si richiama alla consuetudine delle balie che portavano a spasso i figli dei signorotti, qui “cullati” su esilaranti carrozzine.

            Venerdì 1 marzo in Barriera Vecchia, alle ore 10.00, con partenza dalla scuola Gaspardis di via Donadoni e con l’accompagnamento della Banda Refolo e la ShowBand Vecia Trieste (da quattro edizioni la banda ufficiale del Carnevale di Trieste) si terrà la tradizionale sfilata delle scuole del rione che, dopo un passaggio all’interno dell’Itis, si concluderà con una festa nell’oratorio San Vincenzo de’ Paoli.

            Sempre venerdì, alle 10.00, nel rione di Borgo San Sergio prenderà il via la sfilata rionale che si concluderà con una festa nel campetto dell’oratorio che vedrà la presenza del personaggio del momento: Uolter, la boba de Borgo, impersonata da Flavio Furian.

            Nel pomeriggio di venerdì, alle ore 16.30, a Servola sfileranno i Ricreatori comunali, con partenza e festa finale con tutti i Ricreatori al Ricreatorio Gentilli. Il consiglio degli organizzatori è di procurarsi un qualsiasi costume di Carnevale e osare con la fantasia: cappellini, occhiali, luci natalizie, palloncini a led per la sfilata serale. L’animazione sarà curata da Mauro Manni e dalle 18 si ballerà con il dj Enzo Zippo. Il ritrovo è fissato alle 16.30, presso il Ricreatorio Gentilli, con partenza della Sfilata luminosa alle ore 17.00.

Ma come sempre, oltre a quello di Servola anche altri rioni cittadini presenteranno tradizioni consolidate: Roiano, sabato, alle ore 15.00, proporrà il suo 21° Corso Mascherato a tema libero con accompagnamento della Filarmonica Santa Barbara e sosta in Piazza Tra i Rivi. Al termine, premiazioni del Concorso mascherato a tema libero festa finale accompagnata dai percussionisti Drum Squad con dolci e cioccolata calda presso il Centro Giovanile di via dei Moreri.  A chiudere in bellezza, alle 20, il concerto dei Funkimage.

            Appuntamento per i bambini anche in piazza Unità d’Italia, dalle ore 14.00, con Musica e animazione.

            Domenica 3 marzo, alle ore 15.30, a Servola, si svolgerà il Corso Mascherato rionale aperto a tutti con maschere e carri e l’accompagnamento della Banda Refolo. In mattinata, Musica e animazione per i bambini dalle ore 10 in Piazza Unità.

            Lunedì 4 marzo al Circolo “Falisca” si svolgerà il concorso con iscrizione gratuita per el più bon pasticcio con qualsiasi sugo de Servola e al termine, dopo le premiazioni, musica dal vivo.

Valmaura, dalle 16, sfilata rionale con l’allietamento della Guggefafraia e festa finale con gara di torte al Circolo del Giovane di via degli Inchiostri.

            E si arriva così al momento più atteso, martedì 5 marzo con il 28° Corso mascherato valido per il “Palio di Trieste”, concorso a cui partecipano principalmente i rioni di Trieste, ma che è aperto a tutti e che prenderà il via alle ore 14.00 da Piazza Oberdan. La sfilata sarà accompagnata dallo speaker Maurizio Testi, da otto anni voce ufficiale del Carnevale di Trieste.

            La registrazione della sfilata andrà in onda su Tele Antenna (Canale 647 del digitale terrestre) il sabato successivo alle ore 21 e la domenica alle 19.30 e alle 23.

            Sul sito www.radiopuntozero.it sarà possibile assistere alla diretta streaming del Corso Mascherato grazie alla webcam collocata presso la sede dell’emittente in Corso Italia.

            Al termine, si farà festa in piazza con la musica del dj Mauro Manni e l’animazione affidata allo Staff del C’era una volta; sul palco saliranno poi tutte le bande per esibirsi a rotazione.

            In serata, la festa su sposterà nei locali di Servola dove poi, alle 24, si terrà la Veglia funebre per il povero Cornelio.

            Ultimo spettacolare atto del Carnevale, il Mercoledì delle Ceneri con il rituale Funerale che si terrà a Servola, dove il Corteo funebre accompagnato – per la prima volta – dalla Banda Niu Orlians partirà alle 15.30 con moglie, amante e figli addolorati per concludersi con il consueto e pittoresco Rogo.

Il Carnevale di Trieste si tiene in co-organizzazione con il Comune di Trieste, con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e grazie alla collaborazione di Trieste Trasporti.

PROGRAMMA CARNEVALE 2019

Domenica 24 febbraio

Piazza Unità Ore 11. 00 Apertura del Carnevale 2019 con la consegna delle chiavi della Città a Re e Regina  e l’accompagnamento della ShowBand Vecia Trieste

Martedì 26 febbraio

San Giovanni Ore 16.30 Laboratorio di allestimento dei costumi in via Giulia 39b

Giovedì 28 febbraio

Servola Ore 10.30 “Sfilata delle scuole” con gli alunni delle scuole elementari e materne

Servola Ore 15.30 “Corso delle Serve” con partenza dal Ricreatorio Gentilli e sfilata per le vie del rione delle Balie e dei Bambini accompagnati dalla Banda Refolo

San Giovanni Ore 10.00 Sfilatina in maschera della scuola dell’infanzia dal plesso Filzi Grego – Istituto Comprensivo San Giovanni con arrivo al Centro Commerciale II Giulia dove alle 10.30 seguiranno animazione, giochi e musica

San Giovanni Ore 10.00 Animazione e intrattenimento di giocoleria, con ristoro caldo, bibite e crostoli in Piazzale Gioberti

San Giovanni  Ore 10.00 Sfilatina in maschera delle Scuole dell’Infanzia comunali “Il giardino dei Sogni” e “Nuvola Olga/Oblak Niko”


San Giovanni
   Ore 18.00 “A San Giovanni canta Trieste” Evento musicale con Umberto Lupi e Deborah Duse al Teatro di via San Cilino 99/1. Ingresso gratuito

Venerdì 1 marzo

Barriera Vecchia Ore 10.00 Sfilata rionale di Barriera Vecchia con la Banda Refolo e la Banda Vecia Trieste

Borgo San Sergio Ore 10.00 Sfilata rionale con partenza e premiazioni e festa finale nel campetto dell’oratorio con ospite d’onore UOLTER, la boba de Borgo

Servola  Ore 16.30 Sfilata Luminosa dei Ricreatori comunali con partenza dal Ricreatorio Gentilli

Sabato 2 marzo

Piazza Unità Nel pomeriggio Musica e animazione per i bambini

Roiano Ore 15.00 Sfilata rionale accompagnata dalla Filarmonica di Santa Barbara con ritrovo alle ore 14.30 nell’oratorio di via dei Moreri, 22 e festa in piazza tra i Rivi

Roiano Ore 16.00 Premiazione del 21° Concorso mascherato a tema libero e festa accompagnata dai percussionisti Drum Squad con dolci e cioccolata per tutti nell’oratorio di via dei Moreri, 22

Roiano Ore 20.00 Esibizione dei Funkimage nel teatro dell’oratorio

Domenica 3 marzo

Piazza Unità Al mattino Musica e animazione per i bambini

Servola Ore 15.30 Corso mascherato servolano con partenza dal Ricreatorio Gentilli

Lunedì 4 marzo

Valmaura Ore 16.00 Sfilata rionale con ritrovo alle ore 15.30 presso Bar Moreno e festa finale alla Casa del giovane di via degli Inchiostri con la partecipazione della banda GUGGEFAFRAIA e gara di torte

San Giovanni Ore 11.00 Laboratorio di allestimento dei costumi in via Giulia 39b

Martedì 5 marzo

Centro cittadino Ore 14.00

“28° CORSO MASCHERATO”

per le vie del centro per l’assegnazione del Palio di Trieste con partenza da piazza Oberdan e arrivo in Piazza Unità

Piazza Unità Ore 16.00 Premiazioni, musica e animazione con lo Showman Mauro Manni e lo Staff del C’era una volta ospite Angela Mangiavillano, speaker di Rdt Radio Station ed esibizione del gruppo “Aperitivo Silenzioso” che intrepreterà alcuni brani con il linguaggio dei segni

Servola Ore 24.00 Veglia funebre al povero Cornelio

Mercoledì 6 marzo


Servola Ore 15.30 Funerale del Carnevale per le vie del rione con la Banda Niu Orlians

 

 CARNEVALE 2019 RICREATORI COMUNALI

 

Parteciperanno alla sfilata di Carnevale di Servola di venerdì  1 marzo 11 ricreatori:

Anna Frank, Cobolli, De Amicis, Gentilli, Lucchini, Nordio, Padovan, Pitteri, Ricceri, Sis Collodi e Stuparich.

Il ricreatorio Brunner parteciperà alla sfilata del rione di Roiano sabato 2 marzo e il ricreatorio Fonda Savio parteciperà al Carnevale carsico in programma anche sabato 2 marzo.

A partire dall’inizio di febbraio, in tutti i ricreatori si svolgono dei laboratori per la realizzazione dei costumi e delle decorazioni di Carnevale.

Questi invece gli appuntamenti delle varie feste che vedranno la partecipazione degli iscritti e  si svolgeranno presso le nostre strutture :

ANNA FRANK 21 febbraio festa per i più grandi ore 17.00,  28 febbraio festa per tutti ore 16.30
BRUNNER 27 febbraio festa
COBOLLI 25 febbraio  palla base in maschera, 28 febbraio pallavolo in maschera,

5 marzo  festa dalle 10.00 alle 12.00

DE AMICIS 28 febbraio festa
FONDA SAVIO 2 marzo festa a fine sfilata
GENTILLI 28 febbraio festa delle scuole dell’infanzia e primarie del rione, 1 marzo  sfilata  e a fine sfilata festa con tutti i ricreatori partecipanti
LUCCHINI 28 febbraio festa
NORDIO 28 febbraio festa
PADOVAN 28 febbraio festa
PITTERI 28 febbraio festa
RICCERI 28 febbraio festa e 1 marzo festa per i ragazzi che frequentano le scuole medie
SIS COLLODI 28 febbraio festa
STUPARICH Laboratori di giocoleria e acrobalance al martedì, 28 febbraio festa e 8 marzo escope room cosmica

Si ricorda che dal 4 al 6 marzo i ricreatori comunali sono aperti al mattino, come durante il periodo estivo.

Andrea Forliano




Ortogiardino alla Fiera di Pordenone dal 2 al 10 marzo

L’8^ edizione del Festival Dei Giardini sarà l’evento di punta con realizzazioni d’autore sul tema “NONvuoti – GREY TO GREEN” in fiera e in città.

Ortogiardino 2019 festeggia 40 primavere con tante sorprese per gli appassionati del verde domestico e della vita all’aria aperta

Tutto pronto per la 40^ edizione di Ortogiardino, Salone della floricoltura, orticoltura, vivaismo in programma alla Fiera di Pordenone dal 2 al 10 marzo; E’ questa la manifestazione con più visitatori in assoluto nel calendario di Pordenone Fiere, attesissima dagli amanti del verde domestico che in fiera possono trovare idee e consigli per rinnovare terrazzi e giardini in vista dell’arrivo della bella stagione. 25.000 mq di aree coperte si trasformano durante i nove giorni di manifestazione in una spettacolare festa della natura dove grandi allestimenti a giardino si alternano a circa 300 stand commerciali curati da vivai, floricoltori, rivenditori di bulbi e sementi, concimi, attrezzature per il giardinaggio, mobili per esterni, pronti a soddisfare il desiderio di shopping verde dei visitatori.

Ortogiardino è anche un appuntamento segnato nei calendari di tanti operatori professionali: architetti paesaggisti, vivaisti, agronomi e progettisti del verde pubblico che trovano tra le proposte del Festival dei Giardini spunti innovativi e stimoli per la propria attività.

L’evento mette a confronto le migliori idee nella progettazione di giardini su un tema che varia ad ogni edizione: il tema del Festival dei Giardini 2019, è “NONvuoti – GREY TO GREEN”. I 12 progetti selezionati dalla commissione tecnica secondo criteri che valorizzanol’abilità tecnica e la conoscenza delle piante, la progettualità, la maturità e l’estro dei progettisti nel creare aree relax e benessere esterne, sono realizzati e visitabili all’interno di Ortogiardino e in Piazza XX Settembre a Pordenone dove anche quest’anno sarà costruita un’area verde dedicata alla città.

Il successo di Ortogiardino è legato anche al ricco programma di eventi collaterali che fanno da contorno ai giardini e ai fiori. Quest’anno, in occasione del 40° compleanno della manifestazione, molte novità attendono i visitatori: rinnovato e ampliato il Salone dei Saporisi sposta al padiglione 9 (ingresso nord del quartiere fieristico) con tante specialità enogastronomiche tipiche da tutta Italia. A completare l’area dedicata allo shopping agroalimentare ci sarà al padiglione 8 il Mercato a Km 0 di Campagna Amica a cura di Coldiretti con aziende agricole di eccellenza della provincia di Pordenone che in fiera presentano i loro prodotti freschissimi: formaggi, confetture, marmellate e molto altro ancora.

Un nuovo evento invece attende i visitatori al padiglione 1 (ingresso sud): si tratta dell’Emporio Verde: un’originale mostra di arredi e decori per giardini e terrazzi realizzati da artigiani e piccole aziende. Vengono lanciate da qui le tendenze della prossima primavera estate: i colori, gli stili, gli accessori a cavallo tra moda e design. Regina incontrastata di Ortogiardino è anche quest’anno l’orchidea, protagonista della storica mostra mercato a lei dedicata “Pordenone orchidea”. Allestimenti spettacolari realizzati con pareti verdi di ultima generazione, incontri culturali ed enogastronomici fanno da cornice all’esposizione di diverse e raffinate specie internazionali all’interno di un suggestivo ecosistema con oltre 150 diverse tipologie di orchidee.

Ortogiardino, Fiera di Pordenone dal 2 al 10 marzo 2019

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 14.00 alle 19.00. Sabato e Domenica dalle 9.30 alle 19.30

www.ortogiardinopordenone.it




Al via la stagione 2019 della Grotta Nuova di Villanova

Domenica 3 marzo l’apertura al pubblico e il primo evento

Al via la stagione 2019 della Grotta Nuova di Villanova

Le Grotte di Villanova riaprono al pubblico con un calendario ricco d’iniziative e tante novità. Visite guidate, eventi a tema, musica dal vivo e gli immancabili centri estivi saranno soltanto alcuni degli appuntamenti in programma per i prossimi mesi. La stagione 2019 della Grotta Nuova di Villanova e dell’Alta Val Torre che la circonda, un luogo immerso nella natura incontaminata, sarà inaugurata domenica 3 marzo. Ad attendere i visitatori ci sarà un’interessante novità. «Quest’anno – spiega il presidente del Gruppo Esploratori e Lavoratori Grotte di Villanova (Gelgv), Mauro Pinosa – le nostre guide hanno iniziato a riqualificare la vecchia reception, accanto all’ingresso della Grotta Nuova, per creare un nuovo spazio dedicato ai visitatori e alle attività didattiche. La struttura è stata svuotata e arredata al fine di accogliere una mostra introduttiva alla visita turistica, dedicata al carsismo del massiccio del Bernadia e alla storia delle esplorazioni delle cavità di Villanova. Ci sarà anche un’area per i laboratori rivolti alle scuole, per poter sperimentare e conoscere i principi della geologia e del fenomeno carsico. Inoltre, è stata allestita una piccola biblioteca per la consultazione e l’approfondimento, a disposizione degli interessati». Domenica 3 marzo riaprirà, come detto, la stagione turistica 2019 delle Grotte di Villanova e anche l’ufficio IAT, dove i turisti potranno trovare materiale informativo su tutta la regione. Alle 9 (con ritrovo alla reception alle 8.30) si comincerà con “In grotta con l’esperto”, un percorso guidato con la partecipazione di un professionista in educazione scientifica, che sarà a disposizione dei visitatori per rispondere alle domande sulla geologia della grotta e sul mondo ipogeo in generale. L’escursione durerà 2 ore. Per informazioni e prenotazioni scrivere a tizcaver@gmail.com o chiamare il numero 347-8830590. Sono già in calendario anche gli appuntamenti per gli appassionati di meditazioni. «Ormai da una decina d’anni – spiega la guida Tiziana Angotzi – la Grotta Nuova fa da scenario a molte discipline olistiche, per regalare ai partecipanti, neofiti e non, momenti di benessere all’interno di un ambiente incontaminato. Domenica 24 marzo, alle 18.30, appuntamento con “Scent of Deep”, una serata-meditazione dedicata al suono del Gong e ai profumi d’incensi, resine e legni, in un contesto accogliente e sicuro come il grembo materno della grotta. La meditazione sarà condotta da Stefano Dalan». Per informazioni e prenotazioni: tizcaver@gmail.comstefano@altronde.it oppure il sito www.altronde.it. I referenti del Gelv fanno sapere che sono già tante le visite didattiche prenotate dalle scuole di ogni ordine e grado. Gli studenti possono prenotare la visita anche al di fuori dei normali orari di apertura. Per quanto riguarda le convenzioni con altre attrattive turistiche e associazioni, c’è una novità: sta per nascere una nuova collaborazione con la sezione gemonese dell’Associazione Nazionale Carabinieri. I tesserati avranno diritto a una riduzione sul biglietto d’ingresso alle Grotte. La Grotta Nuova sarà visitabile, nel mese di marzo, nei giorni festivi, dalle 10 alle 12 e dalle 13.30 alle 18, con partenza dell’ultima visita alle 17.30. La visita guidata ha una durata di 1 ora e 20 minuti circa. Per ulteriori informazioni contattare il numero 389-4488965 oppure l’Ufficio IAT Grotte di Villanova negli orari di apertura (0432-787915 oppure 320-4554597), visitare il sito www.grottedivillanova.it oppure la pagina Facebook delle Grotte di Villanova.




Palazzo Coronini – Gorizia sarà aperto sabato e domenica e sarà visitabile domenica con ingresso gratuitot

Palazzo Coronini sarà aperto sabato e domenica e sarà visitabile domenica con ingresso gratuito, nell’ambito delle “Domeniche d’inverno al museo in Friuli Venezia Giulia”, iniziativa promossa dalla Regione, in collaborazione con Erpac e con le due Camere di Commercio regionali. La storica dimora di viale XX Settembre a Gorizia sarà aperta dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18. Protagonista dell’Opera della settimana uno dei più grandi artisti goriziani del Novecento: Tullio Crali. Sarà esposto il dipinto, intitolato “Vento sulle ultime nevi”, che raffigura uno scorcio della Val di Susa con il monte Seguret. Datato 1947, fu esposto a Gorizia in quello stesso anno nella “Mostra della Montagna” allestita dal 12 al 27 aprile a Palazzo Attems. Fu in quell’occasione che il conte Guglielmo Coronini lo vide e decise di acquistarlo.