ROMEO & JULIET” by ILYA AVERBUKH 6 ott. Arena di Verona (prima europea) 19-20 ott. Palavela di Torino

ILYA AVERBUKH

Ilya Averbukh, regista dei Mondiali di calcio 2018, produttore ed ex campione mondiale di pattinaggio, il 6 ottobre (ore 20.00) porta all’Arena di Verona in prima europea “Romeo & Juliet”, il più suggestivo musical sul ghiaccio mai realizzatoLo spettacolo sarà poi al Palavela di Torino il 19-20 ottobre (ore 20.00).

Saranno queste le uniche due date in Europa del musical, che nel 2019 farà tappa in USA e Cina.

100 persone, un cast che unisce attori e stelle dello sport tra cui 4 medaglie d’oro olimpiche e 12 campioni del mondo di pattinaggio su ghiaccio, le più avanzate tecnologie ed effetti speciali, allestimenti e coreografie curate nei minimi dettagli: per la rappresentazione di “Romeo & Juliet”, all’interno dell’Arena di Verona verrà allestita una pista di ghiaccio di 1000 metri quadri, mentre quella al Palavela di Torino misurerà 1.250 metri quadri.

Oltre ai Mondiali di Calcio di Russia 2018, Averbukh in passato ha curato le coreografie di importanti manifestazioni sportive internazionali e ha partecipato all’ideazione di oltre 200 progetti artistici in tutto il mondo. “Romeo & Juliet” è il suo ultimo, faraonico musical, che in Russia è stato visto da oltre un milione di persone nel 2017 (record di sempre).

Le date del 6, 19 e 20 ottobre sono uno degli eventi principali del “Russian Seasons”, il progetto culturale internazionale più importante del governo russo, promosso in accordo con il presidente e il primo ministro e organizzato dal governo in collaborazione con il ministero della Cultura, che nel 2018 coinvolge l’Italia con 40 appuntamenti tra arte e musica in grandi città.

“Romeo & Juliet”, prodotto da Ilya Averbukh Productions, è stato realizzato in collaborazione con l’associazione Conoscere Eurasia.

Per allestire il musical, Averbukh ha riunito un cast stellare composto da 100 artisti tra cui atleti iridati e campioni olimpici, cantanti, ballerini, artisti del circo, coreografi, insegnanti.

Maniacale la cura dei particolari, dai vestiti originali cuciti su misura alle coreografie, dagli oggetti di scena ai particolari studiati con minuzia filologica, fino ai sorprendenti effetti speciali.

Le musiche sono di Mozart, Prokofiev, Bach, Mendelssohn, alternate a quelle originali composte da Roman Ignatiev, il maggiore compositore russo per musical.

 

UN CAST DI CAMPIONI

Tra i pattinatori più importanti che compongono il cast di “Romeo & Juliet” troviamo Tatyana Totmianina (che interpreterà Juliet) e Maxim Marinin (Romeo), oro in coppia alle Olimpiadi di Torino 2006, due volte campioni del mondo e cinque volte campioni europei; Roman Kostomarov (che interpeterà Tebaldo), campione olimpico a Torino 2006 nella specialità danza sul ghiaccio, due volte campione del mondo e tre volte campione europeo; Alexei Yagudin, campione olimpico, due volte campione del mondo e tre volte campione europeo; Albena Denkova e Maxim Stavinsky, due volte campioni del mondo di danza su ghiaccio.

 




VERONA: ILYA AVERBUKH, COREOGRAFO DEI MONDIALI DI CALCIO 2018, PORTA IN ARENA IL PIÙ SUGGESTIVO MUSICAL SUL GHIACCIO MAI REALIZZATO

“ROMEO & JULIET” by ILYA AVERBUKH

6 ottobre 2018 – Arena di Verona

 

Prima data in Europa

Una produzione che coinvolge più di 250 persone tra campioni mondiali dello sport, artisti, cantanti, ballerini, coreografi, tecnici e creativi

VERONA: ILYA AVERBUKH, COREOGRAFO DEI MONDIALI DI CALCIO 2018, PORTA IN ARENA IL PIÙ SUGGESTIVO MUSICAL SUL GHIACCIO MAI REALIZZATO

Averbukh ha presentato il progetto oggi in conferenza stampa a Verona

Verona,  18.07.2018 – 250 persone, un cast che unisce attori e stelle dello sport tra cui 6 medaglie d’oro olimpiche e 12 campioni del mondo di pattinaggio su ghiaccio, le più avanzate tecnologie ed effetti speciali, un allestimento curato nei minimi dettagli: “Romeo & Juliet”, il musical su ghiaccio più suggestivo di sempre, diretto dal russo Ilya Averbukh, arriva all’Arena di Verona il 6 ottobre 2018prima data europea.

Averbukh, produttore, coreografo ed ex campione mondiale di pattinaggio, quest’anno ha curato le cerimonie dei Mondiali di Calcio di Russia 2018 e in passato le coreografie di importanti manifestazioni sportive internazionali. Ha partecipato all’ideazione di oltre 200 progetti artistici in tutto il mondo.

Oggi ha presentato in conferenza stampa a Verona il nuovo, faraonico musical, che in Russia è stato visto da oltre un milione di persone nel 2017 (record di sempre) e che, per desiderio di Averbukh, verrà allestito per la prima volta in Europa proprio a Verona, città della coppia di innamorati più famosa al mondo. L’Arena si trasformerà in una enorme pista di pattinaggio con allestimenti e coreografie da mille e una notte.

“Ottobre sarà il mese della Russia” ha sottolineato il sindaco Federico Sboarina, ricordando il tradizionale forum economico euroasiatico che si tiene a Verona in autunno,  a cui quest’anno si aggiunge lo show in Arena. “Verona – ha aggiunto – dimostra di poter avere un ruolo davvero importante nel rafforzare ulteriormente i rapporti tra Italia e Russia. Stiamo lavorando su più fronti, a cominciare da quello culturale, e questo spettacolo ne è la dimostrazione. Sono certo che sarà uno show  magnifico, reso unico dalla magia dell’Arena”.

“Si sta avverando un mio grande sogno, a cui non riesco a credere finchè non sarà realtà: quello di portare questo mito internazionale dell’amore per la prima volta fuori dalla Russia proprio nella città in cui Shakespeare l’ha ambientato – ha sottolineato Ilya Averbukh -. Spero sia di buon auspicio perché questo spettacolo, partendo da Verona, possa girare il mondo”.

“Per noi, come Arena di verona, è un grande onore ospitare questo musical prodotto dal grande Ilya Averbukh, reduce dal successo internazionale delle cerimonie dei Mondiali di Calcio 2018 da lui curate e organizzate” ha puntualizzato l’a.d. di Arena di Verona srl Gianmarco Mazzi.

La data del 6 ottobre è uno degli eventi principali del “Russian Seasons”, il progetto culturale internazionale più importante del governo russo, promosso in accordo con il presidente e il primo ministro e organizzato dal governo in collaborazione con il ministero della Cultura, che nel 2018 coinvolge l’Italia con 40 appuntamenti tra arte e musica in grandi città.

Per allestire il musical, Averbukh ha riunito un cast stellare composto da 100 artisti tra cui atleti iridati e campioni olimpici, cantanti, ballerini, artisti del circo, coreografi, insegnanti.

Maniacale la cura dei particolari, dai vestiti originali cuciti su misura alle coreografie, dagli oggetti di scena ai particolari studiati con minuzia filologica, fino ai sorprendenti effetti speciali.

Le musiche sono di Mozart, Prokofiev, Bach, Mendelssohn, alternate a quelle originali composte da Roman Ignatiev, il maggiore compositore russo per musical.

 Le prevendite per lo spettacolo sono aperte.

 Biglietti:

Poltronissima Gold € 150,00
Poltrona € 85,00
Poltrona di gradinata numerata  € 85,00
Poltronissima di gradinata numerata € 120,00
Gradinata non numerata € 30,00

 Biglietti disponibili sui circuiti Ticketone e Geticket (punti vendita e call center 848002008).

Info e contatti (anche per prenotazioni persone con disabilità):

Verona Box office

Via Pallone, 16
37121 Verona – Italia
Telefono: 045.8011154 – Fax: 045.8011936
E-mail: info@boxofficelive.it

ILYA AVERBUKH

Le produzioni sul ghiaccio di Ilya Averbukh, già campione del mondo e argento olimpico a Salt Lake City, sono ormai un’istituzione in Russia e non solo. Lo sport con lui si trasforma in un musical, il talento sportivo diventa artistico, l’agonismo un gioco di squadra. Il suo magnetismo è capace di riunire in un unico cast “nemici” sportivi che si sono battuti in competizioni mondiali.

Non per nulla Averbukh è oggi uno dei produttori più famosi di Russia: oltre al suo passato da uomo di sport di altissimo livello, ha curato o collaborato alla realizzazione di alcune delle cerimonie sportive più famose, come quella dei Mondiali di calcio 2018, dei Giochi Olimpici di Sochi, dei Camipnati Mondiali di hockey.

Il suo sogno dichiarato era quello di poter allestire questo musical all’Arena di Verona, per “riportare a casa” Giulietta e Romeo (che verranno interpretati dai campioni olimpici Tatiana Totmianina e Maksim Marinin).

LO SPETTACOLO

Lo spettacolo è una vera dichiarazione d’amore all’Italia, più ancora che a William Shakespeare. L’equilibrio della narrazione è condotto dall’inizio alla fine con grande maestria e l’attenzione dello spettatore è rapita da una serie infinita di acrobazie, canzoni, romanticismo e passi di danza sul ghiaccio. Come ha sottolineato Averbukh, “Romeo & Juliet” si dimostra una storia che coinvolge tutti, che permette di dare un ruolo importante a molti grazie a una trama ampia e corale.

La storia messa in scena dal coreografo russo è quella tradizionale, ma ci sono due momenti importanti: il fatto che a raccontarla sia Lorenzo, un monaco, ossia colui che voleva giocare con il destino dando da bere a Giulietta la ben nota pozione: questo ruolo è stato affidato ad Aleksey Tikhonov, ed è l’unico dei pattinatori che parla sul ghiaccio e ha un ruolo da attore. E quando alla fine tutto il cast esce con i vestiti di ogni giorno, e, soprattutto a piedi nudi sul ghiaccio. Un vero momento della verità condiviso con il pubblico.

Per l’allestimento sono state utilizzate le tecnologie sceniche più avanzate, con effetti speciali di ultima generazione (come una pioggia reale che sorprenderà gli spettatori) e un mix perfetto tra elementi storici e modernità, che fanno di questa produzione una delle più imponenti mai realizzate nel suo genere.

“Romeo & Juliet”, prodotto da Ilya Averbukh Productions, è parte del progetto Russian Seasons Italy 2018. Patrocinato dal Comune di Verona, è l’evento conclusivo della Stagione extra Opera Festival 2018 dell’Arena. Media partner è RTL 102.5.

Link video Romeo&Juliet

https://yadi.sk/i/cFF6Ge6B3WLZF6

mabacomunica.it




Luglio e agosto con Brain Zone Music Festival + Notti Magiche a Campo 2018

II° Edizione

19-22 luglio 2018

Brenzone sul Garda (VR)

 

XXIII° Edizione

9-10 agosto 2018

Campo di Brenzone (VR)

Tra luglio e agosto Brenzone sul Garda (VR) farà il pieno di musica dal vivo, con ben due manifestazioni musicali che creeranno stimolanti intersezioni tra cantautorato, funk, jazz, pop d’autore, sonorità etniche.

Simona Molinari

Il primo appuntamento sarà dal 19 al 22 luglio con Brain Zone Music Festival, che raccoglie l’eredità del Brenzone Music Festival nato lo scorso anno: un semplice cambio di nome, dietro al quale si conferma la stessa squadra organizzativa, con la pregiata direzione artistica di Mauro Ottolini. Con ospiti di rilevo come Simona Molinari e Karima, anche il progetto musicale proseguirà sulle rotte già tracciate dalla prima edizione: una maratona di concerti sullo scorcio incantevole del lago di Garda, con musica a ogni ora del giorno in innumerevoli location e anche in forma itinerante. Tutti i concerti del Brain Zone Music Festivalsaranno a ingresso gratuito e apriranno le orecchie su una varietà di generi musicali capaci di coniugare coinvolgente intrattenimento e spessore artistico.

In agosto arriverà invece Notti Magiche a Campo, manifestazione dalla lunga e consolidata storia, che giunge quest’anno alla ventitreesima edizione. Anche qui, le sere del 9 e 10 agosto, canzone d’autore e jazz si coniugheranno in progetti di grande attrattiva incastonati nella scenografia naturale di Campo di Brenzone. Perfetta sintesi dello spirito di Notti Magiche sarà l’incontro al vertice della canzone italiana tra Sergio Caputo e Francesco Baccini, col loro progetto in tema di swing.

 

Sergio Saputo-Francesco Baccini

Brain Zone Music Festival è organizzato dal Comune di Brenzone sul Garda, l’Associazione Pro Loco Brenzone, il CTG Brenzone, la Funivia Malcesine Monte Baldo. Notti Magiche a Campo è a cura esclusivamente del CTG Brenzone.

Il Brain Zone Music Festival dal 19 al 22 luglio conquisterà tutte le frazioni di Brenzone sul Garda, con un programma musicale distribuito nei luoghi più pittoreschi: spiagge, strade, piazzette, trasformate in teatri a cielo aperto. La musica creerà situazioni d’ascolto conviviali e andrà letteralmente incontro agli ascoltatori, con spettacoli itineranti per le strade e anche sulle barche lungo le coste del lago.

Sarà proprio un concerto marciante a dare il via al festival: giovedì 19 luglio l’esuberante Magicaboola Brass Band (nell’immagine in apertura) porterà a spasso dalle ore 18 (con partenza da Castelletto) il suo stile tra New Orleans e il funk. La serata vedrà invece una maratona di concerti in piazza S. Nicolò ad Assenza di Brenzone a partire dalle ore 20:30 ancora con la Magicaboola Brass Band, questa volta stanziale sul palcoscenico. Alle 21:30 i riflettori saranno puntati sul cantautore canadese Bocephus King (che accende la miccia di un intero secolo di musica americana, trablues, gospel, country), poi dalleore 22:30 sul Disperato Circo Musicale, una carovana musical-circense che sprigiona ska, reggae, musical balcanica, funk, latin e punk.

Karima Big Easy Trio

Un’’incredibile sequenza di musica si prospetta per venerdì 20. La Magicaboola Brass Band sarà ancora in pista con un concerto itinerante con partenza alle ore 17 da Assenza di Brenzone, spiaggia Acquafresca. Sempre allaspiaggia Acquafresca,vicino al Circolo Nautico Acquafresca, alle ore 17 si ascolterà Bocephus King, mentre alle ore 18:30 arriverà l’ensemble di Kalifa Kone,che amalgama isuoni del jazz e degli strumenti tradizionali africani, in un intreccio sorprendente e ipnotico. In serata ancora una pluralità di proposte tutte nel segno della voce femminile. In Piazzetta Olivo a Castelletto di Brenzone alle ore 20 si esibirà il quartetto “We Like It Hot” di Vanessa Tagliabue Yorke, che renderà omaggio al jazz primigenio degli anni Venti circondata da musicisti che costituiscono l’elite del jazz italiano: Mauro Ottolini al trombone, Francesco Bearzatti al clarinetto, Paolo Birro al pianoforte. Sempre a Castelletto, in piazza M.M.D. Mantovani la musica inizierà alle ore 21:30 con il trio della cantante e pianista Beatrice Campisi e proseguirà alle 22:30 con l’esibizionedi Karima, che col suo “The Big Easy Trio” abbandona i panni di celebrità sanremese e televisiva per ripercorre le rotte della black music dagli albori del Novecento sino ai nostri giorni. La serata si chiuderà poi con una jam assieme a Bocephus King & Friends.

Alla Magicaboola Brass Band è affidata l’apertura delle giornate di Brain Zone. Sarà così anche sabato 21 luglio, con un concerto itinerante con partenza da Castelletto alle ore 17. Il pomeriggio le possibilità di ascolto si moltiplicano: alle ore 17 a Porto, via Zanardelli,suoneranno i Peluqueria Hernandez, partiti sulle onde di un rock padano-americano e approdati a incroci con l’hip hop. Sempre alle 17 Bocephus King & Friends saranno a Castelletto di Brenzone in piazza M.M.D. Mantovani (li si ritroverà poi alle ore 24 al Pub La Pinta di Magugnano). Al porto di Castelletto di Brenzone (ore 19) si esibirà la Compagnia Duendarte “Aire Flamenco” col suo spettacolo di danza e musica dal vivo. Protagonista principale di questa giornata festivaliera sarà la cantante Simona Molinari che per il suo progetto “Loving Ella”, che ripercorre vita e canzoni di Ella Fitzgerald, ha voluto al proprio fianco come ospite specialeMauro Ottolini.

L’ultima giornata di Brain Zone, domenica 22 luglio, offrirà un riepilogo con gli artisti ‘residenti’ del festival:Bocephus King & Friends saranno a Porto (via Zanardelli) alleore 17:30 e poi ancora a Castelletto di Brenzone in piazza M.M.D. Mantovani alleore 24 per le note di chiusura della manifestazione. La Magicaboola Brass Band parteciperà assieme al Corpo bandistico di Castelletto e alla Sauro’s Band alla benedizione delle barche (aCastelletto di Brenzone, piazza M.M.D. Mantovani,ore 12). Questi gruppi saranno poi tutti impegnati in concerti itineranti sino alle ore 21. Ma l’ultima giornata di Brain Zone prevede anche l’arrivo di nuovi artisti, come il Facing West Duo (Prada Alta, via dei Narcisi 1, ore 15) e il “Dukes of Rhythm Duo” con James Thompson (sax e voce) e Stefano Franco (piano e voce) a Castelletto di Brenzone (porto, ore 19). Momento culminante sarà lo spettacolo in piazza della Chiesa a Castello: dopo un breve set d’apertura alle ore 21:30 con la Magicaboola Brass Band, la scena alle ore 22 passerà a Mauro Ottolini e i suoi Sousaphonix. Gli undici scatenati componenti della band di Ottolini creeranno dal vivo la colonna sonora per il film Seven Chances di Buster Keaton, capolavoro del cinema comico muto che verrà proiettato alle loro spalle.

Mauro Ottolini-Sousaphonix (di Roberto Cifarelli)

Notti Magiche a Campo si terrà nelle sere del 9 e 10 agosto, le notti delle stelle cadenti di San Lorenzo. Coincidenza non casuale, pensata anzi proprio per esaltare la componente suggestiva offerta dall’antico borgo medievale semi-abbandonato di Campo di Brenzone, un angolo di natura fuori dal tempo al quale si accede solo a piedi e dove la musica riverbera in sintonia con l’ambiente.

L’edizione 2018 aggiunge nuovi nomi al già lungo elenco di grandi protagonisti della musica italiana che si sono esibiti a Campo in passato. Giovedì 9 agosto, due big della musica nazionale come Sergio Caputo e Francesco Baccini saranno protagonisti di un sodalizio nato quasi per caso. “The swing brothers”, il progetto che eseguiranno a Campo di Brenzone, è infatti il primo frutto della loro collaborazione. In esso si coglie il piacere di fare musica assieme in maniera ironica e scanzonata, ripercorrendo i reciproci successi, passando a canzoni più recenti, facendo flirtare il pop con lo swing.

Venerdì 10 agosto con il trio della pianista e cantante afroamericana Karen Edwards la musica imboccherà la via del jazz più suadente e brillante, carico di swing e con un tocco di modernità accentuato dalla presenza come special guest del sassofonista Francesco Bearzatti.

PROGRAMMA

Brain Zone Music Festival

giovedì 19 luglio

concerto itinerante con partenza da Castelletto, ore 18-19

Magicaboola Brass Band

Andrea Lagi, Tommaso Iacoviello, Fabrizio Dell’Omodarme, Luca Lencioni, Luca Carducci (tomba), Riccardo Tonello (trombone),

Alessandro Riccucci, Renzo Telloli (sax alto), Francesco Felici (sax tenore), Michele Santinelli, Pietro Petri (sax baritono),

Leonardo Ricci (sousafono), Riccardo Focacci, Francesco Dell’Omo, Giuseppe Sardina, Francesco Giomi, Gianmarco Carlini (percussioni)

Assenza di Brenzone sul Garda, piazza S. Nicolò

ore 20:30: Magicaboola Brass Band

ore 21:30: Bocephus King

Bocephus King (voce, chitarra)

ore 22:30: Disperato Circo Musicale

Giovanni Maffezzoli (voce), Isacco Bernardi, Giordano Sartoretti (tromba), Riccardo Dalle Vedove (trombone), Zeno Merlini (sax), Andrea Vincenzi (chitarra),

Andrea Avanzini (basso), Jacopo Mocci (tastiere), Sirio Bernardi (batteria), Pietro Maffezzoli (percussioni)

venerdì 20 luglio

concerto itinerante con partenza da Assenza di Brenzone, spiaggia Acquafresca,ore 17

Magicaboola Brass Band

Assenza di Brenzone, spiaggia Acquafresca,vicino Circolo Nautico Acquafresca

ore 17: Bocephus King

ore 18:30: Kalifa Kone ensemble

Kalifa Kone (n’goni, tama, balafon), Kadi Coulibaly (voce), Andrea Taravelli, Davide Angelica (chitarra),

Gaetano Alfonsi (batteria), Sekou Dembele (percussioni), Tene Coulibay, Bintou Ouattara (danza)

Castelletto di Brenzone, Piazzetta Olivo, ore 20

VANESSA TAGLIABUE YORKE

“We Like It Hot”

Vanessa Tagliabue Yorke (voce), Mauro Ottolini (trombone), Francesco Bearzatti (clarinetto), Paolo Birro (pianoforte)

Castelletto di Brenzone, piazza M.M.D. Mantovani

ore 21:30:Beatrice Campisi Trio

Beatrice Campisi (voce, pianoforte, ukulele, percussioni), Riccardo Maccabruni (pianoforte, chitarra, fisarmonica), Rino Garzia (basso)

ore 22:30: KARIMA“The Big Easy Trio”

Karima (voce), Mauro Ottolini (sousafono, charleston), Roberto De Nittis (pianoforte, tastiere)

a seguire: jam con Bocephus King & Friends

Bocephus King (voce, chitarra), Mauro Ottolini (trombone), Riccardo Di Vinci (contrabbasso), Gaetano Alfonsi (batteria)

sabato 21 luglio

concerto itinerante con partenza da Castelletto, ore 17

Magicaboola Brass Band

Porto, Via Zanardelli,ore 17

Peluqueria Hernandez

Mauro Marchesi (chitarra), Joyello Triolo (chitarra, voce, theremin), Roberto Zantedeschi (tromba),

Roberto Lanciai (sax), Luca Crispino (contrabbasso), Gigi Sabelli (batteria), Luca Pighi (percussioni)

 

Castelletto di Brenzone, piazza M.M.D. Mantovani,ore 17

Bocephus King & Friends

 

Castelletto di Brenzone, porto, ore 19

Compagnia Duendarte

“Aire Flamenco”

Marta Roverato, Rubén Molina (ballo), José Salguero (voce), Marco Perona (chitarra), Paolo Mappa (percussioni)

Magugnano, piazza Ferrari, ore 22

Simona Molinari & Mauro Ottolini

“Loving Ella”

Simona Molinari (voce), Gian Piero Lo Piccolo (sax, clarinetto), Claudio Filippini (pianoforte), Fabrizio Pierleoni (contrabbasso), Fabio Colella (batteria)

special guest Mauro Ottolini (trombone)

Magugnano, Pub La Pinta, ore 24

jam con Bocephus King & Friends

domenica 22 luglio

Castelletto di Brenzone, piazza M.M.D. Mantovani,ore 12

Benedizione delle barche

Band sulle barche per benedizione da parte del parroco

successivamente tutti itineranti dal tardo mattino fino alle ore 21

Corpo bandistico di Castelletto 

Magicaboola Brass Band

Sauro’s Band

Fiorenzo Martini, Sergio Gonzo, Fabio Baù (tromba), Marco Ronzani (sax soprano), Roberto Beraldo (sax alto), Antonio Gallucci (sax tenore),

Carlo Salin, Edoardo Brunello (sax baritono), Luca Moresco, Mauro Carollo (trombone), Giulio Faedo (batteria)

Prada Alta, via dei Narcisi 1, ore 15

Facing West Duo

Thomas Sinigaglia (fisarmonica), Maria Vicentini (violino)

 

Porto, Via Zanardelli,ore 17:30

Bocephus King & Friends

 

Castelletto di Brenzone, Porto, ore 19

Stefano Franco & James Thompson

“The Dukes of Rhythm Duo”

James Thompson (voce, sax alto, flauto, armonica), Stefano Franco (pianoforte, voce)

Castello, piazza della Chiesa

ore 21:30: Magicaboola Brass Band

ore 22: Mauro Ottolini & Sousaphonix “Buster Keaton Film Project”

Mauro Ottolini (trombone, direzione), Vanessa Tagliabue Yorke (voce), Vincenzo Vasi (voce, theremin, giocattoli, effetti sonori ed effetti stupefacenti),

Paolo Malacarne (tromba), Stefano Menato (sax, flauto, clarinetto), Guido Bombardieri (clarinetto, sax alto), Maria Vicentini (viola),

Enrico Terragnoli (chitarra, banjo, podofono), Roberto De Nittis (pianoforte), Danilo Gallo (basso), Zeno de Rossi (batteria)

Castelletto di Brenzone, piazza M.M.D. Mantovani,ore 24

Bocephus King & Friends

 

Notti Magiche a Campo

giovedì 9 agosto

Campo di Brenzone, ore 21:30

SERGIO CAPUTO & FRANCESCO BACCINI

“The swing brothers”

Sergio Caputo (voce, chitarra), Francesco Baccini (voce, pianoforte)

venerdì 10 agosto

Campo di Brenzone, ore 21:30

KAREN EDWARDS TRIO feat.Francesco Bearzatti

Karen Edwards (pianoforte, voce), Francesco Bearzatti (sax), Riccardo Di Vinci (contrabbasso), Enzo Carpentieri (batteria)

  ***

  Brain Zone Music Festival

  Informazioni:

brenzonemusicfestival@gmail.com

I.A.T. Porto di Brenzone: tel. 045 7420076

Tutti i concerti sono gratuiti

I concerti si terranno anche in caso di maltempo nelle location indicate sul programma

Direttore artistico: Mauro Ottolini

Ufficio Stampa: Daniele Cecchini

cell. 348 2350217

e-mail: dancecchini@hotmail.com

 

Notti Magiche a Campo

  Informazioni:

brenzonemusicfestival@gmail.com

www.brenzone.it

 

Informazioni e prevendite:

I.A.T. di Porto di Brenzone sul Garda

tel. 045 7420076

email: ctgbrenzone@gmail.com

Biglietti:

Sergio Caputo & Francesco Baccini: posto unico 15 euro

Karen Edwards Trio feat. Francesco Bearzatti: posto unico 10 euro

Bambini fino a 8 anni: ingresso gratuito

Bambini da 9 a 12 anni compiuti: 5 euro 5

Si raccomanda di munirsi di torce e di calzature adatte a percorrere una mulattiera. Da Magugnano si sale prima su strada asfaltata poi su mulattiera per circa 15/20 minuti

***

Music Forward




STEFANO BOLLANI , RITMI BRASILIANI IL 11 LUGLIO AL VERONA FOLK DI SOMMACAMPAGNA

Stefano Bollani, genio e ironia al pianoforte, in concerto mercoledì 11 luglio (ore 21.30- Villa Venier) al Verona Folk di Sommacampagna (VR) con il nuovo disco Que Bom, unica data per il Triveneto.

Dopo il grande successo di Carioca del 2007, Bollani torna al suo grande amore per le sonorità brasiliane con il disco uscito a maggio, che sta portando in tour in questi mesi estivi.

Al Verona Folk suoneranno con lui grandi artisti brasiliani come Jorge Helder al contrabbasso, Jurim Moreira alla batteria e Armando Marçal alle percussioni. Musicisti molto amati da Bollani che già avevano preso parte al progetto di Carioca, ai quali si aggiunge per la data veronese un altro percussionista, il giovane e talentuosissimo Thiago da Serrinha.

FOTO Vinicius Giffoni

L’evento è organizzato da Box Office Live in collaborazione con il Comune di Sommacampagna.

Se Carioca rileggeva grandi temi brasiliani, Que Bom, realizzato interamente nel cuore pulsante di Rio, è composto quasi interamente da brani inediti e originali di Bollani che racconta la genesi di questo nuovo, atteso progetto: “Sono da sempre innamorato della musica brasiliana, che utilizza l’armonia del jazz sposandola con ritmi di origine africana. Quelli di Que Bom sono brani che ho scritto un po’ ovunque nel mondo, ma che guardano a quel sincretismo, al suono avvolgente delle percussioni brasiliane, a quella vitalità ed energia uniche”.

Biglietti:

Primo settore numerato 40,00 € – Secondo settore non numerato 30,00 €

In vendita presso Verona Box Office (via Pallone, 16, tel. 0458011154); on line sul sito www.boxofficelive.it e nei circuiti Ticketone e Geticket.

Info:
BOX OFFICE LIVE
Via Pallone, 16 – 37121 Verona
Tel. 045/8011154
comunicazione@boxofficelive.it
info@boxofficelive.it

 




“FESTIVAL DELLA BELLEZZA”: DOMENICA 10 GIU. STEFANO BOLLANI CHIUDE LA V EDIZIONE

Teatro Romano, Verona

Stefano Bollani al Festival della Bellezza per una serata speciale e inedita dedicata agli artisti che hanno fatto la storia della musica.
Domenica 10 giugno, al Teatro Romano di Verona, Bollani chiude la V edizione del Festival dedicato ai Maestri dello Spirito con un’escursione-incursione tra generi musicali, accompagnata dai contrappunti dialoganti di Marco Ongaro: discussioni al pianoforte su mostri sacri e bellezze dissacranti di jazz, classica e canzone.
Nell’alternanza tra suono e narrazione, il talento funambolico del pianista si fonde con l’estro e l’ironia in una sorta di dialogo tra alieni capace di fare dell’eclettismo una specializzazione, alla scoperta del più misterioso degli universi, quello interiore, nelle sue più stravaganti e affascinanti espressioni.

Stefano Bollani
Pianista e compositore, è tra i maggiori jazzisti della scena

Stefano Bollani

internazionale, con uno stile eclettico e ricco di citazioni musicali. Dopo una breve esperienza pop con Jovanotti si afferma come jazzista, collaborando con alcuni dei piu grandi interpreti mondiali, come Lee Konitz, Chick Corea, Pat Metheny, Richard Galliano e Enrico Rava, col quale incide tredici dischi tra cui The Third Man. In ambito classico si esibisce come solista con orchestre sinfoniche quali Gewandhaus di Lipsia e Filarmonica della Scala e con direttori come Zubin Mehta e Riccardo Chailly, con cui incide Rhapsody in Blue e Concerto in Fa di Gershwin vincendo il Disco di Platino. Ironico, spigliato, colto, ama improvvisare con il pubblico e non disdegna originali collaborazioni come con Maurizio
Crozza, Giuseppe Battiston, Lella Costa, e in ambito musicale con cantautori come Chico Buarque e Caetano Veloso e con artisti pop-rock italiani tra cui Irene Grandi.
È protagonista anche di apparizioni televisive, come nel programma Meno siamo meglio stiamo di Renzo Arbore, e autore e conduttore di Sostiene Bollani, con cui porta la musica live sul piccolo schermo.
Nel 2016 è protagonista su Rai 1 di L’importante è avere un piano. Per Radio 3 è ideatore e conduttore della trasmissione Il Dottor Djembe: via dal solito tam tam, con David Riondino.
È autore anche di numerose pubblicazioni, tra cui il romanzo La sindrome di Brontolo e nel 2017 Dialoghi tra alieni.
Tra le produzioni discografiche più recenti: Big Band, Arrivano gli alieni , in cui si cimenta per la prima volta come cantautore, e nel 2018 Que Bom.
Ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti, tra cui il premio New Star Award della rivista giapponese Swing journal, l’Hans Koller European Jazz Prize come migliore musicista europeo, il Los Angeles Excellence Award per la cultura italiana nel mondo; nel 2007 è stato considerato musicista dell’anno dalla rivista americana All about jazz.

Orario: 21.30

Promosso dal Comune di Verona, il Festival della Bellezza è organizzato dall’associazione Idem con la direzione artistica di Alcide Marchioro. Partner sono Cattolica Assicurazioni e Banco Bpm; media partner RAI Radio1, Touring Club Italiano, Spettakolo.it, Fondazione Corriere della Sera, l’Arena.




JOSS STONE – Si terrà al Castello Scaligero di Villafranca (Verona) l’unica data italiana della regina del soul il 15 luglio

Il concerto di Joss Stone del 15 luglio, unica data italiana per la regina del soul mondiale, originariamente programmato all’Arena di Verona, si terrà invece al Castello Scaligero di Villafranca di Verona. Lo spostamento dell’atteso evento è dovuto a motivi organizzativi.
Al fine di limitare ogni possibile disagio, gli spettatori già in possesso del biglietto per il concerto in Arena saranno ricollocati nella nuova venue garantendo il rispetto della numerazione originale. Per chi desiderasse chiedere il rimborso dei biglietti, esso sarà possibile a partire dalle 10.00 di domani, martedì 29 maggio, e entro e non oltre il giorno 15 luglio nel punto dove è stato effettuato l’acquisto. Nel caso di acquisti effettuati sul sito TicketOne.it o tramite call center, il customer service invierà una e-mail ai clienti contenente tutti i dettagli. Eventuali informazioni possono essere richieste all’indirizzo ecomm.customerservice@ticketone.it o al numero 892.101. Nel caso infine di acquisti effettuati sui circuiti esteri Oeticket.com e Eventim.si, rivolgersi ai circuiti stessi.
I biglietti per l’evento nella sua nuova collocazione saranno comunque in vendita sui circuiti Ticketone, Unicredit e sui circuiti esteri Oeticket e Eventim, sempre a partire dalle 10.00 di domani, martedì 29 maggio. Tutte le informazioni, i prezzi e i punti vendita su www.azalea.it e www.eventiverona.it.
Jocelyn Eve Stoker, in arte Joss Stone, cantautrice britannica dalla voce ricca e profonda che la rende unica rispetto alle altre cantanti della sua generazione, nasce a Dover nel 1987. Inizia a cantare fin da piccola, partecipando a soli 14 anni e vincendo il talent show della BBC TV “Star For a Night”. Vola quindi a New York per un’audizione in piena regola. Così, grazie ad alcuni discografici che credono in lei, arriva l’album di debutto “The Soul Sessions” (2003), il quale racchiude cover di canzoni soul che, distaccandosi dagli altri dischi in commercio, suscita da subito l’attenzione dalla critica. La sua prima raccolta di inediti “Mind, Body & Soul” (2005) ottiene uno strepitoso successo vendendo oltre 4 milioni e mezzo di copie, di cui 1 milione negli Stati Uniti dove diventa disco di platino. La successiva nomination per tre Grammy Awards conferma il successo dell’artista e la sua definitiva consacrazione. Nello stesso anno Joss partecipa a diversi show della televisione statunitense e appare sul palco con noti artisti internazionali, tra i quali sono da menzionare James Brown, The Rolling Stones, Elton John, Donna Summer, Stevie Wonder e John Legend. Due anni più tardi viene pubblicato “Introducing Joss Stone” (2007), il primo album che, a detta dell’artista, la rappresenta totalmente. In tutta la sua carriera artistica ha pubblicato 7 album contenenti hit di successo planetario, tra le quali ricordiamo “You Had Me”, “Super Duper Love”, “Right To Be Wrong” e “Fell In Love With A Boy”. Ha venduto oltre 12 milioni di album in tutto il mondo, ottenendo 5 nomination ai Grammy e vincendolo nel 2007 nella categoria “Best R&B Performance”. Ha vinto inoltre due Brit Awards e il suo successo in America ha spalancato le porte per una nuova generazione di cantanti donne soul inglesi, tra cui Amy Winehouse e Duffy. Joss Stone è un’anticonformista, che rifiuta fermamente di adeguarsi all’idea dell’industria, di pop star bella e bionda. L’ultimo disco, “Water For Your Soul” (2015), che si discosta leggermente dalla sua carriera soul racchiudendo influenze reggae, hip-hop e world music, è stato presentato dall’artista come “una miscela delle cose che mi piacciono”. Partita per il lunghissimo “Total World Tour” nel 2014, con il quale si è professata di toccare tutti i paesi del mondo, la super star del soul è stata protagonista di un unico meraviglioso concerto italiano al No Borders Music Festival di Tarvisio (Udine) la scorsa estate.




“FESTIVAL DELLA BELLEZZA”: DOMANI AL TEATRO ROMANO L’OMAGGIO DI IVANO FOSSATI A GIORGIO GABER E AL TEATRO-CANZONE

29 maggio 2018 / Teatro Romano Verona

Ivano Fossati sceglie il Festival della Bellezza di Verona, quest’anno dedicato alla canzone d’autore, per far rivivere il talento e l’originalità di Giorgio Gaber a quindici anni dalla sua scomparsa.
Il 29 maggio al Teatro Romano in Gaber-Fossati. Canzone e Teatro Canzone Fossati schiude il caleidoscopico mondo del Signor G con una riflessione teatrale in cui riunisce i mille talenti dell’autore-cantante-attore nella figura di un unico grande artista, grazie anche ai contrappunti del giornalista e conduttore televisivo Massimo Bernardini e agli emozionanti contributi filmati messi a disposizione dalla Fondazione Gaber.
Il genio di Gaber torna a vivere per una sera attraverso una speciale indagine sul protagonista di una nuova arte che unisce parole ironiche e poetiche, musica e interpretazione teatrale, una forma espressiva che arriva a configurarsi come un genere a sé con l’invenzione del Teatro-Canzone, un unicum che è eccellenza culturale del nostro tempo.
Il connubio Fossati-Gaber è una collaborazione che attraversa il tempo. “Confesso che di Gaber mi piace tutto, le canzoni, il teatro, la generosità, l’ironia, il genio – dichiara Fossati. Sono convinto che sia stato un grande fin dal suo apparire e che non esistano due Gaber, uno legato alle canzoni degli anni Sessanta e un altro successivo, colto, riflessivo, impegnato”.
Per ricordarlo e avvicinare le nuove generazioni al mondo unico di Gaber, Fossati ha restaurato alcuni suoi capolavori secondo le più avanzate tecnologie del suono, “una guida rapida come se dovessimo spiegare il Signor G a un alieno di passaggio sulla Terra”. Ad aprire la raccolta un assoluto inedito del 2002 firmato Gaber-Luporini, Le donne di ora, che Fossati ha scoperto, arrangiato e in cui ha suonato lui stesso i diversi strumenti sulla base ritmica originale.

Durante la serata sarà possibile acquistare il disco. Le donne di ora. Distribuito da Artist First, è in vendita nei negozi e online sul sito Musicfirst.it, in versione CD, LP e LP autografato.

L’evento è un appuntamento del Festival della Bellezza, manifestazione affermatasi tra le più prestigiose italiane con oltre 50.000 presenze, eventi ideati in format teatrale, concerti e spettacoli unici o in anteprima nazionale. Promossa dal Comune di Verona, è organizzata dall’associazione Idem con la direzione artistica di Alcide Marchioro. Partner sono Cattolica Assicurazioni e Banco Bpm; media partner RAI Radio1, Touring Club Italiano, Spettakolo.it, L’Arena, Fondazione Corriere della Sera.

Biglietti: platea € 16 + d.p., gradinata € 12 + d.p.
Disponibili al Verona Box Office e sui circuiti Ticketone e Geticket




domenica 27 MAGGIO 2018 – Teatro Romano FESTIVAL DELLA BELLEZZA” VERONA: PHILIP GLASS INAUGURA DOMANI LA V EDIZIONE

Philip Glass, icona mondiale della musica, il più originale e influente compositore contemporaneo, inaugura domani, domenica 27 maggio, al Teatro Romano di Verona la V edizione del Festival della Bellezza, la manifestazione ispirata a Dante, Mozart e Shakespeare che si conferma tra le più prestigiose del panorama nazionale.
Accompagnato da artisti di rilievo mondiale – il pianista e compositore Dennis Russell Davies e la pianista Maki Namekawa -, nella sua unica data italiana della stagione Glass propone un evento in tema col festival: un concerto con triplo pianoforte di sue celebri composizioni unito a riflessioni sulle sue esperienze artistiche, che hanno segnato la storia della musica e della cultura degli ultimi 50 anni.
Capofila del minimalismo, Philip Glass è l’autore di musica sinfonica e da camera che più ha influenzato l’evoluzione musicale contemporanea, con opere eseguite da alcuni dei maggiori interpreti e orchestre, come Gidon Kremer e i Wiener Philharmoniker o Gustavo Dudamel e la Los Angeles Philharmonic. Molto famose sono anche le sue composizioni per il teatro, in particolare per Samuel Beckett e Robert Wilson, e le colonne sonore in film come The Truman Show, Kundum, The Illusionist, Diario di uno scandalo e The Hours, per le quali ha ricevuto nomination agli Oscar e ai Golden Globe. Ha collaborato con alcuni tra i maggiori artisti contemporanei, tra cui Woody Allen, Martin Scorsese, Allen Ginsberg, Laurie Anderson, Paul Simon; amico di Brian Eno e David Bowie, ha orchestrato alcuni loro pezzi inclusi negli album “Low” e “Heroes”, trasformati poi nella sua prima e quarta sinfonia.

Prima della parte musicale, la serata vedrà un talk introduttivo in cui Glass parlerà delle sue espreienze artistiche:
– la sua intuizione sulla composizione e la percezione del suono, la circolarità delle strutture armoniche e dei frammenti melodici
– l’innovazione e l’influenza nei vari generi musicali, dalla musica sinfonica a quella elettronica
– le collaborazioni con alcuni tra i maggiori artisti della seconda metà del XX secolo, da Samuel Beckett a Allen Ginsberg, Woody Allen, Martin Scorsese, Paul Simon e David Bowie
– rapporto tra immagine e suono, le celebri colonne sonore da Koyaanisqatsi a The Truman Show, Diario di uno scandalo, The Hours
– la Bellezza in musica tra armonia e senso ritmico legata a una percezione emotiva e sensoriale

Festival della Bellezza – 50.000 spettatori per l’edizione 2017
Con questo appuntamento, che segue gli ultimi concerti in Arena di Ennio Morricone, il Festival della Bellezza si dimostra un punto di riferimento per riflessioni sulla bellezza espressa nell’opera di celebri artisti, “maestri dello spirito”, in scenari di grande storia e suggestione come il Teatro Romano, il rinascimentale Giardino Giusti e l’Arena. Promosso dal Comune di Verona e organizzato dall’associazione Idem, il festival nel 2017 è arrivato a 50.000 presenze, con teatri sempre sold out e grandi intellettuali e artisti protagonisti di incontri teatrali, concerti e spettacoli unici o proposti in prima nazionale.

Biglietti: platea € 46 più d.p.; gradinata € 32 più d.p.
Disponibili in anteprima al Verona Box Office e su www.boxoffice.live.it e tra qualche giorno sui circuiti Geticket e Ticketone.

Orario: ore 21.30

Informazioni biglietti: Box Office Verona – 045.8011154 – www.boxofficelive.it
www.internationalmusic.it – 059.644688

Vendita online sui circuiti Ticketone e Geticket

www.festivalbellezza.it




VERONA LEGEND CARS: DAL 4 AL 6 MAGGIO IL SALONE DEDICATO AGLI APPASSIONATI DELL’AUTO

PASSIONE, STORIA E ADRENALINA 

Sono questi gli ingredienti di Verona Legend cars: il Salone dove le tre anime dell’Heritage – belleza, coinvolgimento, energia sportiva- trovano la loro sintesi e vengono declinate assieme. Per gli esperti del Classic, Verona è una conferma, per gli amanti dell’auto e dello sport una scoperta. Un grande mercato Classic con 1350 auto storiche di altissima qualità, parti e componenti di ricambio e accessori dedicati ai collezionisti.

I raduni di Club e registri storici che si tengono direttamente in fiera, al padiglione 6, per condividere l’esperienza con tutti i visitatori.

Un circuito di gara di un chilometro, sotto la supervisione di Aci Verona e in partnership con ACI Storico.

Una pista dove sia campioni del mondo del rally che appassionati di corse daranno il meglio si sé nei due grandi eventi del 2018: il nuovo Trofeo Verona Legend Cars e la seconda edizione de La Sfida dei Campioni.

Tutto ciò fa di Verona Legend Cars un Salone unico nel panorama dell’auto: un’esperienza che parla al cuore degli appassionati da vivere in prima persona.

TORNA LA PARTICOLARITÀ ASSOLUTA DI VERONA LEGEND CARS:
LA COMPETIZIONE DAL VIVO TRA LE PIÙ GRANDI LEGGENDE DEL RALLY MONDIALE.

Domenica 6 maggio, davanti a migliaia di spettatori, i giganti del rally si sfideranno alla guida di auto tra mito e contemporaneità.

Una gara ad inseguimento lungo un circuito di più di un chilometro all’interno del quartiere fieristico.

DATE E ORARI

Venerdì 4 maggio dalle ore 09.00 alle ore 19.00

Sabato 5 maggio dalle ore 09.00 alle ore 20.00

Domenica 6 maggio dalle ore 09.00 alle ore 19.00

Ingresso: Gate San Zeno Viale del Lavoro

Ingresso: Gate Re Teodorico Viale dell’Industria

Tutte le informazioni sulla manifestazione al link http://www.veronalegendcars.com/

Dario Furlan




LUCIO! OMAGGIO A LUCI 02 giugno 2018 Teatro Romano di Verona

Artisti e amici di Lucio Dalla ricordano, in un concerto-omaggio al Festival della Bellezza di Verona con la coproduzione di F&P Group, uno dei grandi protagonisti della canzone d’autore italiana, genio dall’estroso lirismo, che nel 2018 avrebbe compiuto 75 anni.

Il 2 giugno al Teatro Romano serata-evento nell’ambito del Festival, quest’anno dedicato alla canzone d’autore, per celebrare il talento anomalo di un fenomeno della nostra cultura, della musica, della poesia, a sei anni dalla scomparsa.
Padrone di casa Ron, con la partecipazione di grandi artisti e amici di Lucio Dalla.
Dall’evento verrà tratto un programma televisivo.

Oltre la musica, altri artisti e amici di sempre del mondo dello spettacolo e della cultura ripercorreranno i mille volti della carriera di Lucio Dalla cantando le sue canzoni più famose, svelando aneddoti e storie inconsuete.
Per una sera, grazie alla direzione artistica televisiva di Giampiero Solari, note e parole si intrecciano e diventano acquerelli che colorano episodi di vita e rievocano storie personali.

Musicista, poeta, sperimentatore, anticonformista, spregiudicato ma mai fuori luogo, Lucio Dalla è un apolide nella storia della canzone d’autore italiana: amato da generazioni di artisti italiani e internazionali ha saputo appassionare e mettere d’accordo un pubblico molto vario.

Il Festival omaggia un innovatore dell’arte della canzone col suo sorprendente connubio tra musica e versi, maestro nel raccontare in modo mai scontato con ironia graffiante e tenerezza personaggi ed emozioni straordinarie e quotidiane.

Biglietti in vendita dalla mattina del 2 maggio:
platea numerata € 52,00 + d.p., gradinata non numerata € 34,00+ d.p.
Disponibili al Verona Box Office e sui circuiti Ticketone e Geticket (punti vendita e call center 848002008)

Orario: 21.00

Promosso dal Comune di Verona, il Festival è organizzato dall’associazione Idem con la direzione artistica di Alcide Marchioro. Partner sono Cattolica Assicurazioni e Banco Bpm; media partner RAI Radio1, Touring Club Italiano, Spettakolo.it, Fondazione Corriere della Sera, l’Arena.