SABATO 21 FEB.2015 I paesaggi contemporanei del Nord Est a Villa Manin

Sabato 21 febbraio, alle 17.30, nella sala convegni, Pietro Valle, già docente di architettura in varie università europee e americane, presenterà il suo ultimo libro, Alpe Adria senza. Paesaggi contemporanei a Nord Est, editore Maqom Hazè/Beit, Trieste, 2014. Ne discuterà con l’architetto Moreno Baccichet, storico del territorio ed esponente di Legambiente della provincia di Pordenone.

L’incontro di Passariano è uno degli appuntamenti di “Villa Manin Incontri”, una nuova iniziativa, in collaborazione con alcune delle più significative espressioni culturali del territorio, come l’associazione Colonos, il circolo Menocchio, il Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli, e la Banca Popolare FriulAdria – Crédit Agricole, nella quale la Villa si propone come spazio aperto di confronto sui temi della cultura, della lingua, del paesaggio. Il prossimo appuntamento domenica 1° marzo con le poesie di Luigi Bressan.

I paesaggi contemporanei dell’Alpe Adria sono indagati in siti specifici dotati di un nome e di un’identità, e in condizioni diffuse che si ripetono in più contesti. Villa Manin, Lignano, Redipuglia, la Risiera di San Sabba, Torviscosa rivelano così dei lati assolutamente inaspettati, in un’esplorazione aperta di un paesaggio inafferrabile.

 




Domenica 22 febbraio al Teatro Nuovo-UDINE Variations sur pas de deux

Domenica 22 febbraio alle ore 20.45 andrà in scena un imperdibile appuntamento della Stagione di Danza del Teatro Nuovo Giovanni da Udine: Variations sur pas de deux.

Quattro coppie di primi ballerini (Anbeta Toromani e Alessandro Macario, Venus Villa Rolando Sarabia,  Adeline Pastor e Davit Jeyraniyan, Stefania Figliossi Hecktor Budllauniti nell’arte e nella vita, protagonisti acclamati nei teatri e nelle compagnie di tutto il mondo, eseguiranno alcuni dei più famosi pas de deux e gran pas de deux (definiti così per la difficoltà tecnica che li rende affrontabili solo da artisti di particolare levatura tecnica) della storia della danza, pezzi di bravura formale ed espressiva, alternati alle interpretazioni del rapporto tra due corpi e due animi date dai coreografi contemporanei. Si partirà da La Sylphide, capostipite del balletto romantico creato nel 1833 per la leggendaria ballerina Maria Taglioni, in cui viene utilizzato per la prima volta quello che sarà il simbolo per antonomasia del balletto classico, il tutù, passando per il passo a due del Lago dei Cigni del 1877, simbolo dell’amore nella sua forma più idealizzata, Flammes de Paris del 1932 ispirato ai moti rivoluzionari francesi, fino ai passi a due di coreografi contemporanei Toromani Macario 2internazionali come Alberto Mendez coreografo del Balletto Nazionale di Cuba, l’olandese Ben Van Cauwenbergh che fonde classico, moderno, ballo di sala e acrobatico, Alessandra Celentano, giudice di “Amici” che sviluppa un linguaggio neoclassico su musica di Bach, il vigore espressivo del colombiano Roberto Zamorano, fino ai giovanissimi Lear Duraku, Valerio Longo e Enrico Morelli. Un’antologia di danza viva dunque con danzatori dotati di grande tecnica, grinta e musicalità, abili nell’utilizzo del virtuosismo accademico. L’evoluzione del rapporto uomo donna è visibile nei lavori coreografici: mentre nella tradizione classica la potenza dell’uomo è concepita per lo più al servizio della donna, vista come un essere leggiadro, che l’uomo innalza, permettendole, con un contatto delle mani o dei fianchi, di sviluppare evoluzioni ed equilibri, nella danza moderna e contemporanea, il passo a due perde ogni formalismo, diventando uno studio sull’amore concepito come rapporto paritario che viene rappresentato efficacemente dal virtuosismo accademico della coppia di ballerini.

 




Giornata internazionale della guida turistica

La XXVI giornata internazionale della guida turistica, dedicata Giovanni De Sacchis detto il Pordenone, è in programma per domenica 22 febbraio e farà tappa anche in città al Museo civico d’arte. A Palazzo Ricchieri. si terranno due visite guidate alle 16.30 e alle 17.30 in un percorso che consentirà di osservare la pittura rinascimentale del grande innovatore friulano. Nel primo pomeriggio invece, alle 14.30 l’appuntamento con gli appassionati sarà a Pinzano al Tagliamento presso la chiesa di San Martino e successivamente in piazza a Valeriano alle 15.30. L’iniziativa, offerta da Friulguide storica associazione di guide turistiche impegnata nella promozione del territorio, è stata organizzata in collaborazione con le parrocchie interessate e con il patrocinio del comune di Pinzano.




“A Sud dell’Impero: Musiche dal Sud del Mondo”Venerdì 20 Febbraio alle 21.00 presso il Te.Co Teatro di Contrabbando NAPOLI

Venerdì 20 Febbraio alle21.00 presso il Te.Co Teatro di Contrabbando la band napoletana de I Finti Illimani presenta in esclusiva nello spazio di Via Diocleziano 316 la serata-concerto dal titolo “A sud dell’Impero – Musiche dal Sud del Mondo“. Il concerto vedrà insieme realtà musicali accomunate dallo stesso sentire: Blues di fine ottocento, canzoni country di protesta, canzoni cilene, musiche balcaniche, napoletane, pugliesi e composizioni originali, ben contaminate, miscelate e servite calde! Ospiti della serata saranno le Valigie in Viaggio (ViV), gruppo al femminile di origine campana, e Gordon Poole che ha pubblicato recentemente il cd Words&Music prodotto dal basso e registrato nei Finti-Illimani Records. Una serata all’insegna della buona musica, delle storie di ribellione e di lotta.

I Finti-Illimani sono un gruppo musicale napoletano, autofinanziato, no-profit nato nel 2000, nel sottoscala-deposito di ‘O Pappece, storica bottega del commercio equo e solidale di Napoli. Da sempre impegnati in contesti di impegno politico e sociale, negli ultimi hanno spesso suonato a sostegno di realtà schierate politicamente e impegnate civilmente. Il loro repertorio fatto di musiche originali ai confini dei generi, della musica etnica e della nuova canzone cilena, ha dato vita nel 2012 alla pubblicazione dell’album “Quando i Treni Viaggiavano Sicuri”Un viaggio musicale in un treno ideale che percorre gli ultimi quaranta anni di politica internazionale seguendo il filo nero che corre sui binari che collegano le dittature sudamericane alle vicende italiane ed internazionali. Un viaggio tra i due 11 Settembre – l’inizio della dittatura di Pinochet in Cile e l’attacco alle Twin Towers a corollario di undici anni di musica militante, indipendente e socialmente impegnata. Registrato a Napoli e a Santiago de Cuba con la partecipazione di Daniele Sepe, Gordon Poole, Andrea Campese, Romilda Bocchetti e realizzato tramite le produzioni dal basso, edito dalla Marotta&CafieroEditori con la collaborazione del Gridas, gruppo risveglio dal sonno.

  PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA  

 Per Info & Prenotazioni:  teatrodicontrabbando@gmail.com TEL. 3342142550




Sabato 21 febbraio alle 20 all’Antiquarium di Poggio Civitate : “TAM TAM – Teatro&cena al museo”

Sabato 21 febbraio alle 20 all’Antiquarium di Poggio Civitate – Museo Archeologico di Murlo terzo appuntamento del cartellone realizzato grazie alla collaborazione tra Fondazione Musei Senesi, cooperativa Lagodarte e Compagnia teatrale La Lut

“TAM TAM – Teatro&cena al museo”, a Murlo in scena “Dolmezia e il vescovo”

Straligut teatro porta sul palco uno spettacolo all’insegna del divertimento, pensato ad hoc per la sede museale. A seguire “cena etrusca”, con un menù appositamente studiato per l’occasione dallo staff del Libridinoso

 

 

Una serata dedicata agli etruschi per il terzo appuntamento di “TAM TAM – Teatro&cena al museo”, il variegato cartellone che unisce arte, storia, cultura, spettacolo e gusto realizzato grazie dalla Cooperativa Lagodarte e Compagnia teatrale La Lut, in collaborazione con Fondazione Musei Senesi, con il contributo della Regione Toscana e il patrocinio dei Comuni di Asciano, Buonconvento, Murlo, Rapolano Terme e San Giovanni d’Asso.

Sabato 21 febbraio alle 20 all’Antiquarium di Poggio Civitate – Museo Archeologico di Murlo Straligut teatro porta in scena uno spettacolo all’insegna del divertimento, pensato ad hoc per la sede museale: ” Dolmezia e il vescovo”, per la regia di Francesco Pennacchia, liberamente tratto da “X” di Matteo Galiazzo e da “Storie e leggende di Murlo: il passaggio del vescovo” di Luciano Scali. Allo spettacolo segue la “cena etrusca”, con un menù appositamente studiato per l’occasione dallo staff del ristorante “Il Libridinoso”.

Il costo della serata, comprensivo di visita guidata al museo, cena e spettacolo, è di 25 euro (18 euro per i bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni); è necessaria la prenotazione chiamando il numero telefonico 0577 814099 o inviando una mail apoggiocivitate@museisenesi.org.

Il Museo Archeologico di Murlo rappresenta un caso raro nel panorama dell’Etruria Meridionale, ed ospita i reperti della vicina reggia di Poggio Civitate, parzialmente ricostruita in museo (celebre la monumentale scultura maschile con cappello che ornava il tetto della reggia stessa), e testimonianza unica di civiltà viva.

Il programma di “TAM TAM – Teatro&cena al museo” nasce dalla collaborazione con artisti locali e internazionali che hanno raccolto la sfida di trasformare le collezioni dei musei afferenti all’area delle Crete Senesi in testi teatrali. Sarà quindi possibile assistere a produzioni originali, create su misura per lo spazio museale, che diviene un testo già capace di racchiudere trame e protagonisti: le sale e le opere da esse ospitate si trasformano così nei cardini da cui e intorno a cui si sviluppano affascinanti storie che raccontano il passato e il presente e immaginano il futuro. Ad accompagnare questi viaggi tra arte e spettacolo ci saranno i menù preparati per l’occasione da alcuni chef, secondo un tema collegato alla specificità di ogni sede museale e alle locali filiere corte. Il programma completo del cartellone è su http://teatroalmuseo.blogspot.it/

Al progetto si affianca la programmazione di Teatro a Km 0, che vede le compagnie del territorio sul palcoscenico del suggestivo Teatrino Gori Martini di Serre di Rapolano.

Le attività della Fondazione Musei Senesi sono consultabili sul sito internet www.museisenesi.org, seguendo su Facebook Fondazione Musei Senesi o su Twitter @museisenesi

 




“Provincia on the road”::“Villa Nigra e Castello di Miasino priorità per rilanciare il Cusio”

Gli incontri itineranti della Provincia di Novara con gli amministratori dei Comuni del territorio fanno tappa nel Cusio. Mercoledì 25 febbraio una delegazione composta dal presidente Matteo Besozzi, dalla consigliera Laura Noro (turismo e politiche giovanili) e da alcuni tecnici sarà a Miasino e ad Ameno.

“L’incontro verterà soprattutto su iniziative di valorizzazione territoriale e sul turismo, con richieste specifiche riguardo Villa Nigra e il Castello di Miasino, temi particolarmente sentiti dai sindaci che intendiamo ascoltare e il più possibile agevolare”, spiega il presidente della Provincia Matteo Besozzi. Il programma prevede alle ore 10 un incontro a porte chiuse con l’amministrazione comunale di Miasino e con i referenti dell’associazione Asilo bianco; alle 11 è prevista la visita a Villa Nigra, a seguire la delegazione provinciale visiterà il Castello di Miasino, bene confiscato alla Camorra e recentemente sgomberato dopo anni di occupazione e gestione da parte di una società riconducibile all’ex titolare del bene, Pasquale Galasso, uno dei capi storici della Camorra. Alle 12 presso il museo Tornielli di Ameno è previsto un incontro aperto al pubblico al quale saranno presenti i sindaci di Miasino, Giorgio Cadei; Ameno, Roberto Neri; Orta, Giorgio Angeleri e Pettenasco, Mauro Romagnoli.

“Mi fa particolarmente piacere che la visita programmata da tempo a Miasino coincida con un fatto storico importante come lo sgombero del Castello – commenta Besozzi – Una aspetto particolarmente importante riguarderà ora l’utilizzo dell’immobile, la cui destinazione deve essere condivisa e decisa insieme alle amministrazioni locali. In questi primi mesi l’attenzione sul Cusio da parte dell’amministrazione provinciale è stata alta: dall’emergenza alluvione, alla valorizzazione della rete sentieristica, fino ad Expò dove stiamo lavorando per mettere in rete tutta la proposta culturale per promuovere il territorio nel suo complesso. In queste settimane stiamo cercando di dare risposte alle sollecitazioni, come la viabilità verso il Mottarone e la pulizia delle caditoie sulle strade provinciali. La nostra visita ha proprio l’obiettivo di raccogliere le priorità per dare se possibile risposte rapide e concrete”.

 




Le campionesse mondiali dello sci a Tarvisio In questi giorni gli allenamenti in vista dei mondiali

Si stanno allenando in questi giorni sulle piste di Tarvisio alcune delle più blasonate campionesse di sci internazionali in vista delle prossime gare di coppa del mondo che si terranno nel fine settimana a Maribor in Slovenia.

Le squadre nazionali di sci alpino femminile della Svizzera, Norvegia, Svezia assieme alle atlete slovene, tra cui la fuoriclasse Tina Maze, sono impegnate sulla pista C della località della Val Canale. Non è la prima volta che la località montana regionale ospita atleti medagliati. A gennaio al Fis Training Center di Sella Nevea intitolato aGustav Thöni erano transitate alcune campionesse della nazionale austriaca, il mitico Wunderteam, tra le qualiAnna Fenninger, detentrice della coppa del mondo, oro e argento ai mondiali di Beaver Creek in Colorado.

Tina Maze porta al collo due ori e un argento conquistati recentemente sempre ai mondiali di Beaver Creek, le svedesi Lindell  Vikarby e Frida Handotter hanno un bronzo a testa e l’elvetica Lara Gut un argento. Tina Maze, in particolare dispone di un team personale svincolato dalla federazione slovena a capo del quale c’è il goriziano Andrea Massi.

L’assessore alle attività produttive Sergio Bolzonello si dice certo che “la presenza continuativa di questi atleti di primo livello certifica l’ottimo investimento fatto con le piste del FIS center di Sella Nevea, una grande intuizione per la località sia dal punto di vista del prestigio, sia del ritorno economico”. Va infatti messo in evidenza che ogni delegazione paga l’utilizzo degli impianti e anche che questi allenamenti di alto livello si tengono senza alcuna influenza sul flusso turistico, trattandosi di percorsi separati.

Anche la nazionale austriaca maschile ha potuto testare le piste di Sella Nevea, presenza resa ancor più prestigiosa dalla partecipazione del vincitore della massima medaglia sempre in Colorado, Hanns Reichelt.

Una ventina di campionesse, che alloggeranno a Tarvisio fino a fino a venerdì, torneranno poi in regione la prossima settimana prima di partire per Basko in Bulgaria, sede della prossima gara di coppa del mondo.

 




TURISMO SLOW: LEVA STRATEGICA PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

Il turismo è una risorsa importante per stimolare e sviluppare l’economia regionale: questo, in estrema sintesi, il messaggio lanciato oggi, in sala Tiepolo di Palazzo Caiselli a Udine, durante il seminario “Turismo Slow – Strategie di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia”.”Destinazioneslow” è infatti la mission che la Regione Friuli Venezia Giulia si è data per rilanciare il turismo del nostro territorio, uno dei settori in più forte ascesa.

«In un periodo di frenesia e assoluta necessità, almeno in vacanza, di riappropriarsi di una dimensione lenta, è turissmoslowassolutamente evidente che il Friuli Venezia Giulia accontenta tutti: amanti della velocità oppure dei ritmi slow, della contemplazione o del movimento – ha sottolineato Michele Bregant, direttore dell’Agenzia TurismoFVG -. Per questo, la vacanza “lenta”, intesa come concetto trasversale di esperienza turistica, da vivere al mare come in montagna o collina, è uno dei punti principali su cui si focalizza il piano strategico di TurismoFVG, che  sta creando il cluster prodotto SLOW. È  un progetto che mira in particolare all’individuazione e alla progettazione di specifici itinerari in grado di promuovere la fruizione eco-turistica del territorio anche attraverso la mobilità dolce».

Una regione, quindi, in grado di offrire turismi tematici ad alto valore aggiunto, declinati in base ai diversi tipi di turismo e adatti a rispondere alle eterogenee esigenze dei diversi target, capace di cogliere il cambiamento e le trasformazioni che la società subirà nei prossimi anni e al sempre maggior utilizzo delle nuove tecnologie che influenzano la scelta, l’acquisto e la fruizione del prodotto turistico.

«Con il piano regionale del turismo 2014-2018, la Regione FVG ha definito una visione strategica complessiva di sviluppo del settore – ha affermato Antonio Bravo, direttore del servizio Turismo, direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia -. Saranno pertanto necessarie un’adeguata formazione delle risorse umane che operano nel settore, manager esperti in grado di far nascere nuove imprese turistiche ma anche di portare “in linea” quelle esistenti secondo le esigenze del turista. Inoltre diverranno indispensabili la progettazione di nuovi prodotti turistici che pongano l’attenzione sulle reali richieste del turista, il miglioramento dell’esperienza legata al turismo, la creazione di nuovi approcci al marketing del turismo, l’aumento dei livelli di innovazione e l’applicazione di nuove tecnologie. Questa sinergia – ha continuato Bravo – favorirà la qualità dei luoghi, l’attrattività e l’immagine delle destinazioni del territorio del Friuli Venezia Giulia, oltre ad accrescere “infrastrutture dolci”, reti e cluster. Così facendo il turismo potrà fungere da volano per il rilancio dell’economia regionale». Durante l’evento è stata presentata la prima classe del master regionale in “Valorizzazione turistica dei beni ambientali e culturali“, l’innovativo percorso professionalizzante destinato a formare i futuri manager nel settore turistico locale e internazionale.

Si tratta di 15 laureati, di cui 13 under 30, provenienti non solo dal Friuli Venezia Giulia, che dopo un periodo formativo in aula (le lezioni svolte nella sede del Consorzio Friuli Formazione, partner dell’iniziativa, a Udine) avranno l’opportunità di svolgere uno stage formativo della durata di 300 ore in rinomate realtà regionali e internazionali operanti nel settore turistico. «L’intento del master – afferma Francesco Marangon, direttore del master e professore dell’Università di Udine  – è proprio quello di formare, in maniera adeguata attraverso un percorso strutturato, giovani manager del turismo altamente qualificati, in grado di sviluppare, promuovere e valorizzare l’enorme patrimonio ambientale e culturale del Friuli Venezia Giulia,operando all’interno sia di organizzazioni del macrosettore dei viaggi e del turismo, che di istituzioni deputate alla conservazione e valorizzazione delle risorse ambientali e culturali (ad esempio musei, parchi archeologici, aree protette), anche in modo indipendente e professionale (come individui o in forma associata). Visto il grande interesse, stiamo già pensando – ha chiosato Marangon – a una nuova edizione del master».




DISORIENT EXPRESS: il nuovo spettacolo di CINZIA LEONE (10-22 marzo) TEATRO GHIONE- ROMA

Uno spettacolo che racconta la confusione generata da una forma di democrazia virtual-virale alla quale eravamo impreparati: milioni di persone che improvvisamente, grazie alle infinite opportunità di espressione offerte dalla tecnologia e dalla virtualità, parlano, esprimono opinioni e aggiungono informazioni. Siamo disorientati da un vento di contraddizioni che ci spettina tutti i pensieri.. Questo è il perno del racconto plasmato dall’intelligente e diretta ironia di una predicatrice, previsionista e affabulatrice comica che si immedesima – tra battute, gag e copioni tratti dalla nostra vita quotidiana – nella mente confusa di ognuno di noi.
Si intitola DISORIENT EXPRESS, il nuovissimo lavoro di Cinzia Leone scritto a 4 mani con Fabio Mureddu e prodotto da Cristian Di Nardo in scena dal 10 al 22 marzo al Teatro Ghione di Roma.

“Non è la storia di un treno che non sa dove andare – preannuncia l’attrice che dichiara essersi ispirata dai milioni di input che la giungla tecnologica ci offre – “è una fotografia di gruppo in cui ci siamo tutti e tutti abbiamo un’espressione visibilmente disorientata.
Siamo disorientati, sì. Ci aggiriamo nel mondo con l’espressione di nonna nella foto di Natale, scattata dopo che l’hanno rimbambita cercando di farle ricordare i nomi di tutti e trentasei i nipoti.
E come può non essere disorientata un’umanità travolta ogni minuto da un cambiamento?
Come possiamo essere sicuri di noi stessi e della realtà che ci circonda se ad ogni notizia sentita in televisione possiamo trovare contemporaneamente la smentita su Internet?
Come possiamo accontentarci anche solo di un lavoro qualunque, in un momento in cui, qualunque sia il lavoro non ti pagano e il massimo che puoi farci è mettertelo nel … curriculum?
Come possiamo rilassarci con lo zapping, se, anche potendo scegliere tra centinai di canali, troviamo ovunque la stessa cosa: gente che canta o che cucina?”

Per raccontare tutto questo in una sola rappresentazione, che la vede interagire sul palco insieme allo stesso Mureddu e ad una serie di proiezioni, Cinzia affronta i contenuti provando ad aggiornarli in tempo reale, esattamente come avviene nei programmi in diretta, come se ci fosse una redazione costantemente connessa al mondo esterno in tutte le sue inaspettate varianti.

“Credetemi sulla parola, la realtà vista così è destabilizzante e comica allo stesso tempo perché i cambiamenti e le contraddizioni continue la rendono invisibile. E’ per questo che siamo disorientati, proprio come treni che viaggiano senza un binario e che non sanno dove andare…”

DISORIENT EXPRESS, come di consueto al Teatro Ghione, avrà una replica speciale per le persone non vedenti ed ipovedenti domenica 22 marzo; un’iniziativa in collaborazione con Isiviù Cultura Accessibile. Maggiori info su http://www.teatroghione.it/accessibilita

 




Anastacia e Il Volo domani, in prima serata (ore 21:15), su Rai1ospiti d’onore della Carrà venerdì 20 feb.2015

IL VOLO – SABATO 11 LUGLIO – TRIESTE, PIAZZA UNITÀ D’ITALIA

ANASTACIA – DOMENICA 26 LUGLIO – TARVISIO, PIAZZA UNITÀ

Biglietti in vendita online su Ticketone.it e nei punti vendita autorizzati

 Il mondo è pieno di cantanti che sanno farsi ascoltare, scrivere una canzone godibile e proporre un sound accattivante. Ma ci sono veramente pochissimi artisti che possiedono quel tono assolutamente inconfondibile che riconoscerai all’istante, senza alcuna ombra di dubbio. Quella voce che ti cattura, che ti fa venire i brividi: piena di anima, vibrante, quel tipo di voce che solo le vere star possiedono…In questa esclusiva categoria rientrano Anastacia, la popstar americana che con oltre 30 milioni di dischi venduti in tutto il mondo è una delle cantanti più apprezzate degli ultimi 20 anni, e Il Volo, i tre giovani tenori stelle del pop lirico che anastaciahanno incantato il mondo e ora, dopo la vittoria al Festival di Sanremo, si apprestano a conquistare definitivamente anche il pubblico italiano. Anastacia e Il Volodomani, in prima serata (ore 21:15), su Rai1saranno gli ospiti d’onore della prima puntata in diretta di Forte forte forte, il nuovo programma televisivo ideato da Raffaella Carrà. 

Entrambi saranno anche due dei protagonisti più attesi dell’estate live in Friuli Venezia Giulia: sabato 11 luglio la bellissima Piazza Unità d’Italia di Trieste si trasformerà in un enorme teatro a cielo aperto per accogliere i tre giovani tenori, mentre la regina del pop è attesa per domenica 26 luglio a Tarvisio al No Borders Music Festival. E domani, venerdì 20 febbraio, alle ore 10:00 prenderanno il via online su Ticketone.it e nei punti vendita autorizzati anche le prevendite per gli altri attesissimi show della rassegna estiva “Live in Trieste”. La prima grande star in cartellone è Paolo Nutini, icona musicale consacrata in tutto il mondo grazie all’eleganza, alla profondità e alla limpidezza del suo talento che sarà a Trieste il prossimo 23 giugno. Venerdì 3 luglio tornerà invece a casa, nella “sua” Trieste Angelo Pintus il comico che ha battuto ogni record nel 2014 grazie allo spettacolo “50 Sfumature di… Pintus”, con oltre 150 repliche e 220 mila spettatori paganti. Il 10 luglio toccherà invece a Fedez, uno dei cantautori italiani più acclamati degli ultimi anni, mentre la rassegna si concluderà sabato 11 luglio proprio con il concerto de Il Volo.

Tutti gli eventi sono inseriti anche nel pacchetto “Music&Live”, realizzato dall’Agenzia TurismoFVG, che permette a chi soggiorna in regione di ricevere i biglietti del concerto a un prezzo eccezionale.

PER INFO: Azalea Promotion – www.azalea.it – tel. (+39) 0431 510393