BRUGNERA :Blues in Villa accoglie sul suo palco il leggendario Robert Cray 6 LUGLIO 2015

Basterebbero i numeri a parlare per lui: 5 Grammy Awards, 15 nominations, milioni di album venduti e migliaia di concerti da tutto esaurito…è con grandissimo piacere che Blues in Villa accoglie sul suo palco il leggendario Robert Cray.
Già conosciuto come uno dei migliori chitarristi della sua generazione, Rolling Stone Magazine
reputa Robert Cray un reinventore del blues, dopo l’uscita dell’album Strong Persuader nel 1986.
Da allora Cray ha proseguito il suo percorso con la registrazione di 15 album in studio che sono entrati nelle classifiche Billboard e ha composto o suonato con chiunque – da  Eric Clapton a Stevie Ray Vaughan, da Bonnie Raitt a John Lee Hooker. Inserito recentemente nella Blues Hall of Fame all’età di 57 anni, è una delle più giovani leggende viventi ad aver ricevuto questo prestigioso privilegio, e non ha alcuna intenzione di fermarsi: Robert Cray è talmente impegnato ad avanzare in questo meraviglioso viaggio da pubblicare il suo 17esimo album in studio, uscito nell’aprile 2014, per poi lanciarsi immediatamente in un altro tour mondiale.

opening act Marco Pandolfi : Se c’è una persona in Italia capace di incarnare lo spirito del Blues e rappresentarlo nel mondo, questa persona è Marco Pandolfi. Armonicista, cantante e chitarrista, da più di vent’anni lavora con artisti di calibro internazionale partecipando ai maggiori Blues Festival, spesso come special guest, suonando in club più che prestigiosi e meritandosi
gli elogi da parte di riviste e radio di settore in tutto il mondo.

www.marcopandolfi.com

 BIGLIETTI   Ingresso in serata: € 30,00   Ingresso in Prevendita: € 25,00+d.p.

Paul Weller

Paul Weller

All’appuntamento di lunedì seguirà poi mercoledì 8 luglio, a  chiudere in bellezza questa edizione di Blues In Villa sarà l’energia del vero ispiratore del Mod Revival: PAUL WELLER.  Il suo rapporto con la musica inizia prestissimo, e fonda ancora teenager il gruppo chiave del movimento Mod Revival, i The  Jam, che uniscono l’estetica, la cura per i dettagli e le tradizionali abitudini del movimento Modernista degli anni ‘60 alla forza del rock e
del punk inglese, ispirandosi a band come The Who, the Clash e Sex  Pistols: in quanto figura centrale del movimento, verrà soprannominato The Modfather.
A soli 24 anni decide di sciogliere i Jam per intraprendere una nuova avventura musicale con gli Style Council, che progetto che abbandonerà in seguito per rimettersi nuovamente in gioco dedicandosi all’eccezionale carriera solista che lo ha poi portato a divenire uno tra i più eminenti autori della sua generazione, un punto di riferimento non solo in ambito musicale. In questo tour
Weller avrà modo di presentare dal vivo il nuovo album Saturn’s Pattern, distante da quella “musica psichedelica moderna” che aveva caratterizzato il suo precedente “Sonik Kicks” e che rappresenta quindi il continuo sviluppo artistico di una figura in costante cammino
evolutivo




Partono domani le visite guidate sulle tracce della Grande Guerra in Friuli Venezia Giulia

In un anno importante per la commemorazione del centenario della Grande Guerra in Friuli Venezia Giulia, TurismoFVG propone un ricco calendario di visite guidate gratuite per conoscere le tracce che il conflitto ha lasciato in regione e i luoghi cruciali di questo doloroso evento. Le visite guidate partono domani e dureranno fino a dicembre 2015, portando i turisti, ma anche cittadini regionali interessati all’argomento, attraverso itinerari che si snodano all’interno di diversi contesti naturali, dall’Altopiano carsico che circonda Trieste, fino alle cime delle Alpi al confine con l’Austria. I partecipanti potranno così osservare con i propri occhi i campi di battaglia e i luoghi dove vissero i soldati in prima linea e di rivivere, attraverso la narrazione di guide specializzate, storie e curiosità della Grande Guerra. Ad esclusione di alcune uscite di trekking, gli itinerari sono adatti a chiunque, si svolgono in mezzo alla natura e coprono l’intero territorio regionale. Inoltre, per chi lo desidera, sono disponibili anche le visite guidate tematizzate sul tema del primo conflitto mondiale nelle città di Udine, Gorizia e Trieste. Tutte le visite guidate Grande Guerra sono gratuite: per partecipare è necessaria la prenotazione secondo le modalità indicate per ogni singola visita  sul sito http://www.turismofvg.it/




Notevole l’incremento di pubblico e di consumazioni ad Aria di Friuli Venezia Giulia, tempo di bilanci

“Un successo che va aldilà delle più rosee aspettative, un’ottima riuscita in termini di ritorno d’immagine, affluenza, qualità della proposta. Possiamo a buon diritto affermare di aver raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati, cioè strutturare un grande evento che coniugasse enogastronomia e cultura, ampliando la storica edizione di Aria di Festa e promuovere il territorio regionale, focalizzando l’attenzione sulla fascia centrale coinvolgendo altri territori”.

 

E’ quanto ha sottolineato il responsabile regionale del progetto Expo Agostino Maio che, chiusa l’”edizione 0” di Aria di Friuli Venezia Giulia, traccia un primo bilancio della manifestazione.

 

4 DIE_2607

Il concerto di Bob Dylan

“Il risultato più soddisfacente – dichiara Maio – è l’aver conquistato una massa di turisti inedita, visitatori che, nelle precedenti edizioni della pur consolidata Aria di Festa, si recavano esclusivamente in giornata per l’aspetto enogastronomico dell’evento: quest’anno, invece, sono stati letteralmente saturati gli alberghi da San Daniele a Udine. Abbiamo fatto crescere una manifestazione che quest’anno, con numeri sempre maggiori, è stata capace di calamitare turisti dall’Austria e da tutto il Nord Est grazie all’innesto di un programma di spettacoli e cultura di primissimo livello”.

I numeri raggiunti sono testimonianza che solo l’unione fa davvero la forza: +21% dei consumi con oltre 2.200.000 di fette di prosciutto tagliate nei 12 stand gestiti dal Consorzio e nelle 11 aziende aperte, oltre 20 mila persone in totale presenti ai concerti di Lodovica Comello, Vinicio Capossela, Bob Dylan e Caparezza; in 4 mila e 500 hanno assistito agli incontri culturali nelle piazze principali. Il numero di coloro che hanno partecipato ad una visita guidata nei prosciuttifici aperti, invece, è stato di 10 mila e più di mille alle degustazioni.

“E’ stata sicuramente un’edizione straordinaria di Aria di Festa sotto diversi punti di vista: non solo per i più che positivi risultati di presenze e di pubblico che abbiamo registrato nei 4 giorni – dichiara Mario Cichetti, direttore generale del Consorzio del Prosciutto di San Daniele –, ma soprattutto perché ha definito un nuovo modello di promozione turistica del territorio e dell’agroalimentare regionali, avendo messo in campo un efficiente ed affiatato team composto dalla Regione, con Turismo FVG e il Consorzio del prosciutto di San Daniele”.

san daniele“Al di là del forte impegno che tutti gli enti in questione hanno sostenuto – conclude Cicchetti -, si è sperimentato un nuovo modello di progettazione ed esecuzione dei grandi eventi regionali che ha dato i risultati positivi che sono sotto gli occhi di tutti. Solo la promozione in chiave sinergica di turismo, arte e cultura abbinati al nostro prodotto ha consentito di fare di San Daniele una cittadina unica e inimitabile anche nel panorama nazionale”.

Nell’anno dell’Esposizione Universale 2015, nell’ambito del progetto ‘Dall’Expo ai Territori’ promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Conferenza delle Regioni, Aria di Festa, storica Festa del Prosciutto di San Daniele del Friuli viene designata, come portabandiera dell’intera regione, per farne conoscere da vicino le eccellenze agroalimentari, culturali e artistiche. Un impegno ambizioso che per raggiungere alte vette di pubblico, gradimento e successo toccate da questa edizione appena conclusa, necessitava dello sforzo economico e umano di tutti gli attori coinvolti.

I PROGETTI

 

I dieci itinerari nei 12 comuni hanno raccolto un buon successo, pur trattandosi di una edizione zero. Alcune navette erano molto più affollate di altre: Aquileia, Corno e Spilimbergo – S. Giorgio – Valvasone Arzene hanno avuto davvero successo. C’è stata maggior affluenza la domenica, rispetto ai tour del sabato e, facendo una media, c’erano una più di trenta persone a navetta.

 

Gratis ... la musica di Caparezza!!!

Gratis … la musica di Caparezza!!!

Il progetto giovani: una sorta di Erasmus interregionale, con oltre quaranta band musicali e altrettanti fotografi e videomaker, tutti rigorosamente giovani (18-30 anni), provenienti da tutta Italia, che hanno animato le piazze, scattato fotografie, realizzato video e coinvolto bambini.

 

Il coinvolgimento degli istituti alberghieri regionali: quasi una cinquantina di ragazzi provenienti dagli istituti alberghieri regionali (Stringher di Udine, Flora di Pordenone e Linussio di Tolmezzo) hanno prestato servizio e assistenza ai banchi di mescita e degustazione della manifestazione, oltre che a dare informazioni turistiche ai visitatori

 

Il progetto volontari: circa una trentina di persone volontarie (provenienti da tutta la regione) hanno supportato le attività del Consorzio del Prosciutto di San Daniele e di TurismoFVG.

 

In collaborazione con ERSA, è stato realizzato il progetto vino: ampio spazio dedicato al vino con la creazione delle Vie del Vino dove si potevano assaggiare numerosi vini regionali abbinati ai prodotti regionali tradizionali, tra i quali il formaggio Montasio, la trota, le erbe del FVG, il Figo Moro.

 

SPETTACOLI E AUTORIRiccardo Muti

Il cartellone di musica e spettacoli è stato realizzato grazie alla collaborazione con Collisioni, ideatori dell’omonimo festival a Barolo in Piemonte. Gli autori e i loro interventi hanno fatto registrare il tutto esaurito: Paolo Crepet, Stefano Accorsi con i colleghi attori, Vinicio Capossela, Katia Ricciarelli, Roberto Saviano, Alessandro Baricco, Gad Lerner, Piergiorgio Odifreddi, Philippe Daverio, Valerio Massimo Manfredi, Carla Fracci, Niccolò Ammaniti e Ale&Franz hanno coinvolto migliaia di persone.

Successo anche per i concerti: Lodovica Comello, Vinicio Capossela, Bob Dylan, che era il nome di spicco, e Caparezza, che è stato l’evento di maggiore afflusso, sono stati seguiti in tutto da oltre 20 mila persone.

 




“Continuano al Museo di guerra per la pace “Diego de Henriquez venerdì 3 e sabato 4 luglio alle 21 le repliche di A Sarajevo il 28 giugno

 Continuano – venerdì 3 e sabato 4 luglio con inizio alle ore 21 – al Museo di guerra per la pace “Diego de Henriquez” le repliche dello spettacolo A Sarajevo il 28 giugno di Gilberto Forti con Gianfranco Saletta, Fulvio Falzarano, Maria Grazia Plos e Maurizio Zacchigna, realizzato in collaborazione fra il Comune di Trieste ed il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, e inserito fra le manifestazioni estive organizzate dal Comune. È un’occasione ricca di suggestioni per visitare questo singolare Museo, ed incontrarvi la Storia: quella dell’assassinio dell’Arciduca Francesco Ferdinando e di sua moglie Sofia, evento da cui scaturì poi la prima guerra mondiale. L’attentato di Sarajevo viene rivissuto attraverso le testimonianze di alcuni personaggi coevi, magistralmente interpretati dagli attori, che ci fanno conoscere la Storia attraverso occhi diversi. Affascinante anche la costruzione dinamica dello spettacolo, che prevede che sia il pubblico a muoversi fra le sale del museo, incontrando i diversi protagonisti e soffermandosi ad ascoltare i loro monologhi. La serata è impreziosita dalle musiche – di Johann Strauß figlio e Franz Schubert – eseguite dal vivo dal Quartetto Iris e dalla possibilità per tutti i possessori di biglietto, di visitare, a partire dalle 20 e fino all’inizio dello spettacolo, il Museo “Diego de Henriquez”. Biglietti a 7 euro con riduzioni per gli abbonati al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, gli Under 25 e gli Over 65: si acquistano nei punti vendita consueti dello Stabile regionale, in internet e al Museo stesso nelle sere di spettacolo. La biglietteria del Politeama Rossetti segue l’orario d’apertura estivo, da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle 14. Si può contattare la biglietteria tramite il centralino del Teatro al numero 040-3593511




Summer Love 2.0: l’aperitivo che non ti aspetti!

Domenica 5 luglio dalle 18.30 nella terrazza panoramica del ristorante

San Michele di Fagagna

Una serata all’insegna della buona musica (con il dj set di Paolo Barbato) e delle migliori bollicine accompagnate da stuzzicanti fingerfoods pensati per l’occasione. Il tutto in una cornice naturale unica

FAGAGNA – Summer Love 2.0: un luogo magico, al riparo da occhi indiscreti. Un panorama mozzafiato dove lo sguardo si può allungare attraversando la città per arrivare fino al mare. Le migliori bollicine accompagnate da stuzzicanti fingerfoods pensati per l’occasione. L’appuntamento è fissato per il 5 luglio alla terrazza panoramica del ristorante San Michele di Fagagna (via Castello di Fagagna, 33), dalle 18.30. Special guest della serata Paolo Barbato che con la sua musica renderà ancora più speciale questo aperitivo, l’atmosfera e la compagnia giusta faranno il resto. In caso di maltempo l’evento si terrà al coperto. Info e tavoli: 0432.810466.

Summer_Love_2.0L’evento è stato organizzato “EventS” in collaborazione con Gruppo Autostar e Cumini Easy.

Sponsor della serata: Sun Udine, Revi Bollicina, Vintage Concept, Maravee.




PORDENONE :VENERDI’ 3 LUGLIO 2015 ore 20.45 Saletta Degan, Pordenone ANDREA STROZZI “VIVERE BASSO, PENSARE ALTO…. O SARA’ CRISI VERA”

La rassegna 2015 di Terraè, ecoNOmia, continua e, dopo aver appreso la necessità di cambiare e integrare i parametri per definire il benessere della società con Luciano CANOVA e Tommaso LUZZATI, con il prossimo appuntamento avremo un esempio di chi dimettondosi dal posto fisso ha intrapreso un percorso di cambiamento.
Andrea Strozzi fondatore di LLHT.org, bioeconomista e scrittore che ci racconterà della sua esperienza, nato a Modena nel 1974. dopo una laurea in Statistica Economica a Bologna nel 1998, ha lavorato per quindici anni nella governance di grandi Gruppi Bancari, occupandosi di sviluppo HR, performance management, analisi di scenario, modelli di business, pianificazione strategica, M&A. Nel frattempo si sposa e acquisisce una vecchia stalla da ristrutturare, adiacente a campi e boschi. Per tre anni passa ogni ora di ferie sui ponteggi e nel 2006 completa la costruzione della propria casa; è l’anno II a.LB. (avanti Lehman-Brothers) e i suoi pensieri-guida sono già sostenibilità e resilienza, intuendo che le dinamiche socioeconomiche degli anni successivi avrebbero imposto l’urgenza di un’azione bassa, guidata però da un pensiero alto. Nel 2012 avvia Low Living High Thinking, un think-net che, promuovendo uno stile di vita metaconsumistico, discute e provoca su Bioeconomia e Decrescita, usando appunto la lingua e gli argomenti della controparte. Poiché ogni vero cambiamento ha sempre tre ingredienti – sogno, consapevolezza e linguaggio – nel 2014 smette di essere quello che fa e comincia a fare quello che è: da un calcio al posto fisso e riparte da zero, per dedicarsi a ciò in cui crede. Nel 2015 esce per TerraNuova Edizioni il suo primo libro: Vivere Basso, Pensare Alto …o sarà Crisi vera.

Moderatore della serata Enrico Chiari, pordenonese, il quale collabora al blog LLHT.org ed sta avviando il proprio percorso al cambiamento.

L’evento è gratuito ed a ingresso libero. Segue buffet a concolusione della serata.

Questo evento di Terraè 2015 è realizzato con il contributo di BCC Pordenonese, in collaborazione con l’Amministrazione Provinciale di Pordenone e con il patrocinio del Comune di Pordenone.

Maggiori informazioni sulla conferenza  e sul relatore sono consultabili sul  sito web www.terra-e.it



L.INK, PREMIO LUCHETTA INCONTRA IL SEGRETO DEI MARO’, TONI CAPUOZZO PRESENTA IL NUOVO LIBRO

Uscirà martedì 7 luglio per Mursia il nuovo libro di Toni Capuozzo, “Il segreto dei Marò”: un volume che riprende il filo dell’inchiesta avviata nei mesi scorsi dal reporter intorno a un caso internazionale che da anni tiene in scacco il governo e la diplomazia italiana. «Finalmente la richiesta di arbitrato potrà favorire una svolta –  ha spiegato Capuozzo a margine di LINK Festival – premio Luchetta 2015, dove interverrà questa sera su “Isis, attacco all’Europa” –

Toni Capuozzo

Toni Capuozzo

Meglio sarebbe stato, però, andare all’arbitrato con i Marò in Italia» – aggiunge. Il governo italiano, guidato da Monti all’epoca dei fatti e concentrato solo sulle questioni del deficit nazionale, aveva affrontato la questione con inspiegabile docilità, chiedendo solo una condizione privilegiata di detenzione.  Speravano di chiudere velocemente a tarallucci e vino, e in questi anni,  poi, la causa dei Marò è stata sacrificata a un malinteso senso del quieto vivere con gestioni poco brillanti. Il segreto dei Marò è sotto gli occhi di tutti, ed è la loro  innocenza. Lo dimostrano i fatti e i riscontri incrociati acquisiti in questi mesi».

A Trieste Capuozzo ha anche commentato le recrudescenze terroristiche degli ultimi giorni: «Ramadan di sangue? Strage annunciata – ha spiegato Capuozzo –  Il portavoce dello Stato islamico aveva allertato il mondo e questi annunci vengono raccolti da cellule in sonno e lupi solitari. E’ tremendamente facile attaccare  i bagnanti di una spiaggia, basta avere persone disposte a uccidere e a morire per questo.  L’Isis ha già segnato una vittoria, in questa estate 2015: ci fa sentire tutti nel mirino,  ha eroso i margini di praticabilità dei nostri spostamenti. Prima di prenotare una vacanza sul Mar Rosso, chi non ci pensa due volte oggi?».


L.ink 2015, ingresso libero




2 Luglio a L’Isola del Cinema: Roma incontra Fanny Ardant

Appuntamento speciale il 2 Luglio a L’Isola del Cinema 2015: ospite d’eccezione la splendida Fanny Ardant che incontrerà (ore 21.00), alla presenza del regista Ettore Scola Mario Sesti. Un’occasione per conoscere questa interprete e per introdurre la proiezione de La Famiglia (ita/fr – 1985) di Scola. Il film, nominato nel 1987 alla Palma d’Oro, ha visto protagonisti, oltre al talento di Fanny Ardant, Vittorio Gassmann, Stefania Sandrelli, Massimo e Carlo Dapporto, Ottavia Piccolo, Philippe Noiret e Sergio Castellitto. L’ingresso sarà gratuito, fino ad esaurimento posti.

Italia e Francia: protagoniste indiscusse di questa edizione de L’Isola del Cinema che, ai 120 anni dalla prima proiezione pubblica dei Fratelli Lumière, è dedicata appunto al genio di questi grandi inventori di immagini. Un omaggio in linea peraltro il 2015 che, secondo l’Unesco, è l'”Anno Internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla luce”.

L’ISOLA DEL CINEMA | L’ILE LUMIERE

L’Isola del Cinema |L’Ile Lumière giunta alla sua XXI° edizione

isoladelcinemaRoma, Isola Tiberina | 19 giugno – 6 settembre 2015

E Luce Fu! Con la velocità della luce sono passati già vent’anni da quando L’Isola Tiberina, uno dei luoghi più suggestivi della città di Roma, è stata illuminata dalla magnificenza del cinema con la riscoperta della grande bellezza della settima arte. L’Isola del Cinema festeggia un importante traguardo con un titolo emblematico, L’Ile Lumère, che facendo riferimento ai mitici omonimi Fratelli nel 120esimo anniversario dalla prima proiezione di una pellicola, tende a celebrare il cinema con un programma ricco di film ed eventi speciali: 80 serate, 200 film, 3 sale cinematografiche, concorsi, terrazze sul fiume. Il meglio del cinema italiano ed internazionale con anteprime e tanti ospiti da giugno a settembre.

L’Isola del Cinema è stata riconosciuta da Roma Capitale “Festival di particolare interesse per la vita culturale della Città”. Il 2015 è anche l’Anno Internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla luce, come da proclama dell’UNESCO dal quale L’Isola del Cinema ha ottenuto il prestigioso Patrocinio.

Fra le iniziative ospitate dal Festival ne ricordiamo solo alcune.

A cominciare dal progetto di Luce Cinecittà di un Museo diffuso della storia audiovisiva d’Italia di cui L’Isola Tiberina diventa il fulcro più prezioso. 4 le mostre sull’Isola dedicate rispettivamente a Fanny Ardant, Laura Betti, Anita Ekberg e Gillo Pontecorvo.

Su L’Isola transiterà anche la Festa del Cinema di Roma con l’iniziativa CityFest che si snoderà lungo i quasi tre mesi di programmazione con masterclass e anteprime.

Centrale il ruolo del Documentario, connesso al cinema delle origiAppuntamento speciale il 2 Luglio a L’Isola del Cinema 2015: ospite d’eccezione la splendida Fanny Ardant che incontrerà (ore 21.00), alla presenza del regista Ettore Scola Mario Sesti. Un’occasione per conoscere questa interprete e per introdurre la proiezione de La Famiglia (ita/fr – 1985) di Scola.famiglia_vittorio_gassman_ettore_scola_017_jpg_kkda Il film, nominato nel 1987 alla Palma d’Oro, ha visto protagonisti, oltre al talento di Fanny Ardant, Vittorio Gassmann, Stefania Sandrelli, Massimo e Carlo Dapporto, Ottavia Piccolo, Philippe Noiret e Sergio Castellitto. L’ingresso sarà gratuito, fino ad esaurimento posti.

Italia e Francia: protagoniste indiscusse di questa edizione de L’Isola del Cinema che, ai 120 anni dalla prima proiezione pubblica dei Fratelli Lumière, è dedicata appunto al genio di questi grandi inventori di immagini. Un omaggio in linea peraltro il 2015 che, secondo l’Unesco, è l'”Anno Internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla luce”.

Verrà inoltre dato spazio ad una serie di documentari frutto del talento delle migliori menti tra le giovani leve, proprio a testimoniare che, nonostante le enormi difficoltà delle distribuzioni, l’interesse per il cosiddetto “cinema del reale” rimane ancora alto nel nostro Paese. In linea con l’Expo 2015, il programma culturale sarà arricchito da pacchetti speciali per avvicinare il pubblico alle proposte enogastronomiche che caratterizzeranno questa estate sull’Isola Tiberina, un’offerta composita tanto da essere presente nel sito Very Bello del Mibact, il portale della cultura in Expo.

Il 2 Luglio sarà proiettato il film  “La Famiglia” di Ettore Scola uno dei più grandi registi della storia del Cinema, nominato nel 1987 alla Palma d’Oro, ed interpretato da un’attrice di enorme talento, un’icona: Fanny Ardant. Il regista e l’interprete, illumineranno la serata con la loro presenza!

vergine-giurata-prima-clip-e-sinossi-ufficiale-dell-opera-prima-di-laura-bispuri-218119-440x16Inoltre saranno presentate alcune delle più recenti produzioni come lo straordinario Vergine Giurata di Laura Bispuri, passato al recente Festival di Berlino che ha raccolto premi in tutto il mondo.Diverse sono le attività che propone L’Isola del Cinema, come il Cinelab con le proiezioni di pellicole della nouvelle vague italiana che spopola nelle sezioni di Festival quali Roma e Torino.

Quest’anno in particolare, per celebrare i 120 anni di Cinema, prende vita il progetto “IL CINEMA INVENTATO” – il film degli amanti della pellicola. Il Cinema Inventato è un film collettivo nel quale ogni partecipante riceverà 120 metri di pellicola super 16mm e realizzerà un cortometraggio con una tecnica simile a quella usata in occasione dell’invenzione della settima arte. Gli autori invitati a partecipare a questa opera collettiva saranno quindici, tra i quali, Valerio Mastandrea,  Claudio Noce, Paola Randi,  Aureliano Amadei, Davide Marengo, Claudio Giovannesi,   Libero De Rienzo.

Ovviamente non mancherà il grande Cinema, quest’anno condiviso con dieci straordinarie cinematografie dal mondo: Festival Isola Mondo, come ogni anno, propone una scelta dalla produzione cinematografica internazionale inedita. In questa estate del 2015, L’Isola tornerà ad ospitare Paesi la cui presenza e conoscenza è da tempo consolidata, a cominciare dall’Australia, la Francia, il Giappone ed Israele, si proseguirà con collaborazioni più recenti mostrando una finestra sul cinema catalano e sulla sorprendente produzione bulgara contemporanea.

Appuntamento da non perdere il Nordic Film Fest Summer che mostrerà gratuitamente una selezione dei migliori film scelti dall’edizione del Nordic Film Fest 2015 dello scorso aprile,FI_They-Have-Escaped2 provenienti dalla Norvegia, Danimarca, Svezia e Finlandia.

Forte la presenza degli appuntamenti targati Francia sostenuti da RENAULT, uno dei Main Partner de L’Isola del Cinema. Da segnalare il 6 Luglio, che aprirà il ciclo delle serate dedicate ai film francesi. Grazie a L’Institut Français Italia saranno presentati quattro film, capitanati, il 6 Luglio, appunto, da l’anteprima romana di L’Art de la Fugue alla presenza del regista Brice Cauvin che, prima della proiezione, terrà un incontro con gli studenti e con il pubblico.

Questa collaborazione costituisce il lancio di un sodalizio importante tra L’Isola Tiberina e L’Ile de la Citè, che fa parte del più ampio progetto de “Le Isole d’Europa” che a partire dal 2016, saranno unite da un ponte culturale che farà dialogare idealmente le loro due cinematografie.

Un ricco e composito calendario pensato per soddisfare e coinvolgere ogni appassionato di Arte e Cultura: il Salotto Letterario e Culturale, l’Isola dei Poeti, le Performance di Teatro, il cinema in lingua originale, gli incontri con i protagonisti,– il cinema in ospedale in collaborazione con il Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina, la rassegna dei film a supporto e come arte-terapia per tutti quei pazienti che soggiornano in nosocomio -la solidarietà con il sostegno della Comunità di Sant’Egidio, il contributo della Cultura ebraica alla Settima Arte, in cooperazione con il Centro di Cultura Ebraica di Roma e il Pitigliani.

E poi l’attenzione al mondo della musica con l’istituzione del Premio Gillo Pontecorvo dedicato al rapporto dei rapporti, quello tra cinema e musica … immagini e suono.

E le sorprese non finiscono qui: dopo il successo delle edizioni precedenti, L’Isola del Cinema, in collaborazione con Maiora Film e con il Patrocinio di Assessorato Scuola, Sport, Politiche Giovanili e la Partecipazione di Biblioteche di Roma, presenta la quarta edizione di Mamma Roma e i Suoi Quartieri, il concorso di cortometraggi rivolto ai giovani appassionati di cinema che vogliono avvicinarsi per la prima volta al mondo dell’audiovisivo con la regia di un cortometraggio. In palio un premio in denaro pari a € 1.000 messo a disposizione dalle Biblioteche di Roma!

Le opere dovranno mettere in luce i Quartieri di Roma, luoghi di narrazione e storici crocevia di realtà culturali veramente tra le più diversificate nel mondo, fonti inesauribili di ispirazione per cineasti come Pasolini, Fellini, De Sica, Monicelli e molti altri italiani e stranieri.

A partire dal 28 Giugno, ogni domenica,  L’Isola del cinema presenta il Concorso Groupama Assicurazioni – Opere Prime e seconde, sostenuto dal Main Partner Groupama: una selezione delle migliori opere dell’ultima stagione cinematografica nazionale. Al miglior film, idelittidelbarlumedecretato da una giuria di esperti del mondo del Cinema, verrà consegnato il Premio Groupama Assicurazioni Opere Prime e Seconde; la consegna del Premio avverrà il 29 Luglio nell’Arena Groupama.

E così, uno degli eventi storici dell’Estate Romana diventerà un luogo interattivo, rafforzato anche dalla collaborazione con Sky che presenterà sull’Isola alcune serie tv in assoluta anteprima come la seconda stagione di Master of Sex e I Delitti del Barlume, oltre che ad altre tra le più attese dal pubblico come: Mozart in the Jungle, 1992; un luogo in cui sarà possibile incontrare protagonisti italiani ed internazionali del mondo del cinema, dell’arte e della cultura.




Il Premio Giacomo Casanova 2015 sarà un omaggio al Friuli Venezia Giulia

Verrà assegnato il 3 luglio al Castello di Spessa di Capriva del Friuli (Go)

Dopo la letteratura, il cinema, la lirica, il teatro il Premio Giacomo Casanova – giunto alla sua tredicesima edizione – sarà quest’anno un omaggio al Friuli Venezia Giulia e sarà assegnato ad un personaggio che ne ha portato nel mondo l’immagine e i valori.

Promosso dall’Associazione culturale Amici di Giacomo Casanova, dall’Az. Castello di Spessa e dalla Banca Popolare di Cividale, verrà assegnato il 3 luglio al Castello di Spessa di Capriva del Friuli, che dal 2003 fa da cornice al Premio dedicato a Giacomo Casanova, che vi soggiornò nel 1773, e ne apprezzò grandemente i vini, definendoli di “qualità eccellente”. E proprio con una Magnum Casanova Pinot Nero (prezioso vino che il Castello di Spessa ha dedicato al suo illustre ospite) sarà simbolicamente premiato il vincitore, alla presenza del Gotha dell’enologia e dell’imprenditoria friulana.

 

La serata sarà aperta dal concerto “Si colmi il calice di vino eletto”, piacevole excursus fra arie da opere e operette sul tema del vino, del cibo e delle donne, con musiche di Mozart, Verdi, Rossini, Donizetti, Strauss eseguite dai solisti dell’Ente Arena di Verona, del Teatro di Firenze e del Verdi di Trieste. Interpreti i soprano Francesca Moretti e Ondina Altran, il tenore Salvatore Moretti, il baritono Nicolò Ceriani accompagnati al pianoforte da Gianni Del Zotto    e al violino da Federica Vacchi.

 

In omaggio al Collio ed ai suoi vini, la serata sarà intervallata da una brillante e piacevole Conversazione enoica: moderata da una delle principali firme del giornalismo enologico italiano Daniele Cernilli, vi prenderanno parte, con il vincitore del Casanova 2015, il giornalistaBruno Pizzul e Marco Simonit fondatore dei Preparatori d’Uva e della Scuola Italiana di Potatura della Vite.

 

Per informazioni – Castello di Spessa

Tel/Fax: + 39 0481.808124 – www.castellodispessa.itinfo@castellodispessa.it

 

Castello di Spessa Resort – Legato a nobili casate e illustri ospiti come Giacomo Casanova, il Castello di Spessa si trova nel cuore del Collio Goriziano, a Capriva del Friuli. Le sue origini risalgono al 1200. Ospita oggi 15 eleganti suites arredate con mobili del’700 e’ 800 italiano e mitteleuropeo e, scavata nella collina sottostante, la più antica e scenografica cantina del Collio, dove invecchiano i pregiati vini della tenuta. Dal restauro di una vecchia cascina ai piedi del maniero è stata ricavata la Tavernetta al Castello, con un rinomato Ristorante Gourmand e 10 camere dall’atmosfera country chic. La Club House è ospitata in un antico rustico, con ampio dehors e un’ombreggiata terrazza che dà sul giardino e su un Campo da golf a 18 buche: nel suo ristorante, l’Hosteria del Castello (aperta anche a chi non gioca a golf), la cucina rincorre la stagionalità e ricalca i sapori del territorio, con ottima selezione di affettati e formaggi friulani.

Dai vigneti del Resort nella Doc Collio e nella Doc Isonzo provengono i pregiati vini Castello di Spessa.




ANGELO PINTUS, nella sua città natale, Trieste, venerdì 3 luglio, in Piazza Unità.

 I biglietti sono ancora in vendita nei punti autorizzati e lo saranno anche alla cassa di Piazza Unità venerdì a partire dalle 19.00

Dalla tv al teatro, passando per il cinema, fino all’ultimo traguardo, quello della conduzione della nuova edizione del Karaoke. Non conosce sosta il successo di Angelo Pintus, capace di inanellare una serie lunghissima di record negli ultimi due anni, risultati che lo hanno consacrato come attore, comico e personaggio televisivo fra i più amati d’Italia. Con queste premesse Pintus si prepara a ripartire ancora una volta con il suo spettacolo dei record “50 Sfumature di … Pintus”, proprio dalla sua Trieste, in quella che sarà la sua grande serata di ritorno a casa, per una magica notte di risate, venerdì 3 luglio in Piazza Unità d’Italia (inizio alle 21.30).

Lo spettacolo si inserisce nella rassegna “Live in Trieste”, contenitore di concerti e grandi eventi dell’estate, organizzata da Zenit srl, in collaborazione con il Comune di Trieste, la Regione Friuli Venezia Giulia e l’Agenzia TurismoFVG. I biglietti per lo spettacolo di Pintus sono ancora in vendita sul circuito Ticketone e lo saranno anche alla cassa di Piazza Unità venerdì a partire dalle 19.00. Per informazioni www.azalea.it

Che Angelo Pintus fosse una star dell’arte comica si era già capito dalle sue apparizioni sempre seguitissime al programma Colorado di Italia 1. Quello che ancora mancava era la conquista del pubblico con un suo show live. Lo scorso dicembre, dopo aver conquistato i teatri di tutta Italia è arrivata una ulteriore conferma in questo senso, con lo show da tutto esaurito al Forum di Milano, spettacolo poi trasmesso in tv e capace di incollare allo schermo oltre 2,3 milioni di persone. Solo uno degli ultimi trionfi, considerando che il suo “50 Sfumature di… Pintus” è stato lo spettacolo comico più visto di tutto il 2014, con più di 150 repliche e oltre 220 mila spettatori paganti, trend che si è confermato nelle date di questa primavera.

Un successo che trova difficilmente pari quello ottenuto da Angelo Pintus, protagonista anche al cinema, nelle pellicole “Tutto Molto Bello” di Paolo Ruffini, e nel cinepanettone di Neri Parenti, dal titolo “Ma Tu Di Che Segno Sei?”. Da marzo e fino a fine maggio poi, Pintus ha accettato un’altra importante sfida, riportando in auge il programma cult degli anni ’90, Karaoke, girando le piazze d’Italia a caccia di “talenti” e singolari personaggi. Sfida vinta anche quest’ultima, grazie alla simpatia e alla sua capacità di tenere il palco, degna dei più grandi one man show.Pintus, classe 1975, triestino di nascita, ripartirà dalla sua città venerdì con lo spettacolo nel quale esprime tutto il suo talento di grande intrattenitore, sia comico che musicale. In questo show la comicità è dappertutto, nei politici che litigano, nelle parodie di alcuni programmi televisivi e nelle pubblicità. Oltre al suo talento comico, Pintus si distingue come grande imitatore, che non perdona niente a personaggi come Valentino Rossi, Berlusconi, Mourinho, Belen, Balotelli, Ibrahimovic, Antonio Banderas e molti altri. Sul palco Pintus propone tutti i personaggi che lo hanno reso celebre, ma soprattutto improvvisa, gioca con il pubblico e si ricollega all’attualità, rendendo unica ogni serata. Uno spettacolo adatto a tutti che diverte bambini, giovani e meno giovani, grazie alla freschezza e alla semplicità che l’artista dimostra, emozionandosi e divertendosi assieme al suo pubblico. Fra i prossimi appuntamenti della rassegna “Live in Trieste”, i grandi concerti delle star Fedez, venerdì 10 luglio, e Il Volo, sabato 11 luglio.

Biglietti in vendita, informazioni su www.azalea.it .