domenica , 11 Aprile 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » XI EDIZIONE, UDINE, 7/10 MAGGIO 2015 FESTIVAL VICINO/LONTANO

XI EDIZIONE, UDINE, 7/10 MAGGIO 2015 FESTIVAL VICINO/LONTANO

image_pdfimage_print

UDINE – A Vicino/Lontano 2015 la giornata di domani, sabato 9 maggio, è innanzitutto dedicata all’XI edizione del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani. Congo, l’emozionante reportage del giornalista belga David Van Reybrouck, edito in Italia da Feltrinelli, ha vinto l’edizione 2015 perché «rappresentazione “decisiva” ed esemplare di quel grande Paese e dell’intero continente africano». L’autore sarà premiato domani dalla presidente di Giuria, Angela Terzani Staude, nella serata-evento del Premio, condotta dall’attore Andrea Gherpelli e incentrata sul dialogo fra Van Reybrouck e la giornalista Loredana Lipperini. Ma ci saranno anche grandi momenti di spettacolo, intercalati dalla lettura di alcuni passi tratti da Congo: perché si può raccontare l’integrazione anche attraverso le coreografie di una crew multirazziale composta da dieci ballerini. Hip hop contro il razzismo, come dimostrerà a Vicino/Lontano il progetto MNAI’S danzando sui passi di  “Africa“, uno dei quadri tematici dello spettacolo “Mnai’s Around“, che coinvolge danzatori di altissimo livello in ambito internazionale.Around” è il primo spettacolo teatrale in cui una storia viene raccontata con il linguaggio hip hop: metafora dell’integrazione, dipana un viaggio a tratti gioioso e doloroso, spesso ironico, sempre spettacolare, esorcizza la “paura del diverso” ed esalta la cultura della conoscenza. «Congo– ha affermato Angela Terzani – è completamente in sintonia con l’approccio di Tiziano al suo mestiere: quello dello studioso, dell’esploratore e del cercatore della “verità”». Sempre domani, dalle 8.30 al Teatro Nuovo Giovanni da Udine il Concorso Scuole Tiziano Terzani 2015 che ha valutato oltre 100 elaborati, sui quali hanno lavorato oltre 1.000 studenti. Sarà Folco Terzani a premiare i vincitori nella cerimonia condotta da Chiara Donada. A seguire la rappresentazione di “Soldatini pieni di piombo. La guerra e i bambini”, una produzione Teatrino del Rifo/prospettivaT di e con Giorgio Monte e Manuel Buttus. A proposito di Tiziano Terzani, domani alle 11.30 a Casa Cavazzini il viaggio fantastico nella biblioteca del grande scrittore e reporter, attraverso le fotografie, gli oggetti e i libri amati: se ne parla nel libro di Àlen Loreti, Tiziano Terzani. Guardare i fiori da un cavallo in corsa (Rizzoli, 2015). Il libro sarà presentato in dialogo con Paolo Pecile.

Con oltre trenta incontri, prosegue domani l’esplorazione di Vicino/Lontano 2015 attraverso Totem e Tabù: a cominciare dalle madri, totem infrangibile per l’uomo d’ogni tempo, ma soggette anch’esse ora alle trasformazioni sociali che hanno investito recentemente il legame familiare. Lo psicoanalista Massimo Recalcati terrà sul tema domani una lectio magistralis (Chiesa di San Francesco, ore 18.30) presentando in prima assoluta a Vicino/Lontano 2015 il nuovo libro Feltrinelli, “La mani sulle madri”. Della ‘povertà’ converseranno domani a Vicino/Lontano 2015 (Chiesa di San Francesco, ore 10) mons. Vincenzo Paglia e l’antropologo Nicola Gasbarro. Lo scarto tra ricchi e poveri è una sfida tra le più serie per il futuro del mondo. Nell’immaginare un mondo nuovo, o almeno diverso, la povertà è una delle soglie da attraversare con audacia, intelligenza e generosità da parte di tutti, credenti e non credenti.  Del totem democrazia, di quanto potrà reggere a confronto con l’avanzare dei fondamentalismi e quindi di “Democrazie in guerra” dialogheranno domani (Chiesa di San Francesco, ore 11,30) Vincenzo Camporini, vice presidente dell’Istituto Affari Internazionali, e il filosofo politico Carlo Galli: è ineludibile una riflessione su una crisi globale di fatto permeata dalla guerra, dal conflitto violento, sia pure per la difesa dei valori sui quali si fonda l’Occidente moderno.  E quanto capitalismo può ancora sopportare la democrazia? Sia nella crisi che nella ripresa, la diseguaglianza sociale non si è ridotta, anzi è aumentata. Nonostante lo choc della Grande Recessione, il capitalismo reale non si è riformato. Dobbiamo adattare la società all’economia, o l’economia alla società? Sempre domani (Chiesa di San Francesco, ore 15.30) a questi interrogativi risponderà con una lezione il socioeconomista e politologo Colin Crouch, professore emerito all’Università di Warwick, introdotto dalla giornalista Roberta Carlini.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top