mercoledì , 29 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » VICINO/LONTANO: PAOLO RUMIZ inaugura “Uno, nessuno, tre milioni”
VICINO/LONTANO: PAOLO RUMIZ inaugura “Uno, nessuno, tre milioni”

VICINO/LONTANO: PAOLO RUMIZ inaugura “Uno, nessuno, tre milioni”

image_pdfimage_print

Gli occhi dei fotografi sulla Balkan Route                                                                            

il 3 maggio alle 18 alla Galleria Tina Modotti di Udine per l’inaugurazione      di ‘Uno, nessuno, tre milioni. Occhi sulla Rotta Balcanica’

Sarà il giornalista e scrittore Paolo Rumiz a inaugurare martedì 3 maggio, alle 18, presso la Galleria Tina Modotti di Udine, la mostra curata dall’Associazione Ospiti in Arrivo e dedicata alla Balkan Route, l’antica via di transito che dalla Grecia conduce nel cuore dell’Europa, oggi teatro di una grave crisi umanitaria e di diritto. A seguire, alle 20, alla libreria La Pecora Nera, il giornalista Fabio Sanfilippo presenterà il progetto Io sono Sheradzade e l’esposizione dei disegni della piccola Sheradzade, una bambina curdo-siriana di otto anni, bloccata sul confine greco-macedone, che sul suo quaderno racconta la guerra, l’attesa, il sogno di un futuro per sé e la sua famiglia. Le due mostre sono legate al festival Vicino/Lontano, il cui tema quest’anno è quello della vulnerabilità. “Uno, nessuno, tre milioni. Occhi sulla Rotta Balcanica” è un percorso attraverso gli scatti di Francesco Malavolta, Giulio Piscitelli, Paolo Youssef e Juan Carlos Marzi, quattro fotografi che hanno documentato la rotta balcanica del viaggio dei migranti, dei luoghi di transito e di quelli di attesa, della sospensione del tempo e dei diritti, della marginalità e dell’esclusione, della ricerca di una quotidianità impossibile.Il mezzo fotografico restituisce ai migranti un volto, un’identità individuale fatta di gesti, sguardi, azioni; ma impone anche una riflessione sul

Giulio Piscitelli

Giulio Piscitelli

mondo in cui viviamo, sui diritti e i valori che consideriamo intoccabili, sulle scelte che siamo chiamati a compiere. Lo spettatore osserva, indaga, percepisce, si rispecchia nell’umanità dell’uno, del nessuno, dei tre milioni. Gli occhi sulla Rotta Balcanica sono quelli del fotografo e del visitatore. Ma sono soprattutto gli occhi del migrante in viaggio, che cerca di aprirsi spazi di parola e di azione laddove i muri gli impongono solo marginalità ed esclusione. Gli spazi suggestivi dell’ex Mercato del Pesce saranno allestiti con l’intento di ricreare gli accampamenti improvvisati ritratti dalle fotografie, quelle “jungle” che diventano i luoghi non-luoghi di un’attesa lunga ed estenuante. La mostra sarà corredata dalle cartografie curate da Ospiti in Arrivo e realizzate da Pietro Ferigo. Parallelamente alla mostra, aperta fino al 15 maggio tutti i giorni dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 21 (sabato 7 e domenica 8 maggio con orario continuato dalle 10.30 alle 21), undici librerie di Udine (Cluf, Einaudi, Feltrinelli, Friuli, Kobo Shop, La Pecora Nera, Martincigh, Moderna,  Odòs, Tarantola ed Ubik) ospiteranno le fotografie di Francesco Malavolta, Giulio Piscitelli, Paolo Youssef, Juan Carlos Marzi, Veronica Andrea Sauchelli e Michele Biasutti e pannelli infografici, allargando il percorso espositivo all’intera città. Presso Kobo Shop, un’installazione sonora permetterà di ascoltare le registrazioni realizzate lungo la rotta balcanica, mentre La Pecora Nera esporrà i disegni di Sheradzade, che dopo Udine andranno a Roma al Maxxi, Museo nazionale delle Arti del XXI secolo. In occasione della mostra, il 7 maggio a partire dalle 14.30 è stato organizzato un Instameet con gli Igers fvg, il circolo fotografico 2.0 del Friuli-Venezia Giulia. L’itinerario prevede una passeggiata in città lungo due diversi itinerari che toccheranno le librerie e alcuni luoghi significativi, con l’accompagnamento dei volontari di Ospiti in Arrivo e di alcuni richiedenti asilo.

About Carlo Liotti

Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top