lunedì , 2 Agosto 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » Una sfida possibilie: intervista a Naren Shaam, fondatore di GoEuro

Una sfida possibilie: intervista a Naren Shaam, fondatore di GoEuro

image_pdfimage_print

Il numero di start up che si stanno facendo largo nel mercato europeo, oggi, sono innumerevoli, ma quelle che ricevono grandi investimenti, no. Una in particolare quest´anno ha ricevuto ben due ingenti investimenti. Questa start up é una piattaforma online che combina e compara diversi mezzi di trasporto: aerei, treni e autobus. Per avere maggiori informazioni a riguardo abbiamo intervistato Naren Shaam fondatore e CEO di GoEuro. Naren è nato in India e si è formato negli Stati Uniti presso l’Università di Harvard; successivamente ha lavorato a New York nei servizi finanziari per aziende quali Deloitte e Touche. Nel 2012 si è trasferito a Berlino per realizzare un sogno: GoEuro.

 

Dove hai preso l’ispirazione per iniziare questa avventura?

Mi definisco un viaggiatore. Amo viaggiare con lo “zaino in spalla”. Nel 2010 mentre percorrevo l’Europa, spostandomi con autobus e treni, mi resi conto della quantitá di tempo sprecato nelle prenotazioni e per cercare di combinare piú mezzi di trasporto per raggiungere le mie destinazioni. Durante quel viaggio decisi che avrei cercato una soluzione a questo problema. Due anni dopo mi sono trasferito a Berlino e ho fondato GoEuro.

Si puó denifire “una sfida” avviare un´azienda come la tua?

Sì, sicuramente ha rappresentato una sfida. Ci sono cose in cui le grandi aziende riescono meglio e per altre una startup come la nostra può fornire una nuova visione. Abbiamo deciso di lavorare con queste grandi imprese e offrire una tecnologia che combini il tutto.

 

Quali sono i motivi che ti hanno spinto a fondare GoEuro a Berlino?

Ho studiato negli Stati Uniti, il mio primo istinto e’ stato cercare persone e investitori per sviluppare la mia idea nella Silicon Valley, in un paese che conosco, ma in poco tempo mi sono reso conto che lavorare da remoto non era possibile. Il mio focus e’ ed e’ sempre stato l’Europa. La scelta e’ caduta quindi su Berlino per varie ragioni a partire dalla mia predisposizione generale per questa citta’ e le numerosissime culture che accoglie. Berlino è inoltre la citta’ dove si concentra il maggior numero di Startup in Europa e con esse tutti i professionisti che le stanno intorno: programmatori, esperti di marketing, talenti internazionali. Il nostro ufficio si trova nel quartire di Prenzlauer Berg e i nostri vicini sono altre Startup. La mia seconda scelta sarebbe stata senza dubbio Londra.

 

GoEuro ha ricevuto da poco due grandi investimenti, l’idea piace e anche come viene realizzata. Puoi svelarci quali sono gli altri mercati europei sui quali volete spingervi?

Stiamo lavorando per riuscire a coprire anche il mercato italiano, inoltre siamo alla ricerca di persone qualificate che ci aiutino a raggiungere il nostro obiettivo.

 

Quale consiglio daresti a chi ha intenzione di realizzare una sua idea e fondare una Startup?

Credere nella propria idea, innanzi tutto, perche’ nulla e’ impossibile. La motivazione gioca un ruolo fondamentale, a questa va associata una buona idea: un’idea innovativa che risponda ai bisogni del mercato di riferimento, proponendo una soluzione. Trovare gli investitiori con un’idea vincente e un progetto dettagliato e’ il passo successivo da compiere al quale seguono la scelta della citta’ come base della Startup e dei primi collaboratori, persone entusiaste e preparate disposte a investire gran parte del loro tempo in un sogno.

E.L.

About Enrico Liotti

Enrico Liotti
Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top