martedì , 27 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » Udinese: solo un assaggio al pandoro veronese

Udinese: solo un assaggio al pandoro veronese

image_pdfimage_print

Niente pandoro intero per l’Udinese nella partita casalinga contro il Chievo. Continua a non aggiornarsi la casella delle vittorie per i bianconeri che incamerano il secondo punto nelle ultime quattro prestazioni decisamente poco brillanti.

Fra i padroni casa rientrano i senatori Domizzi e Pinzi con la coppia offensiva Théréau-Di Natale.

La prima occasione del match è provocata appunto dal capitano che al 16′ prova un tiro a giro che però Bizzarri riesce a neutralizzare. Alla mezz’ora ci prova anche Badu che caduta prova la conclusione ma la palla esce di non molto. Al 39′ si va vivo in modo pericoloso il Chievo, con una bella azione insistita di Paloschi che invita al tiro Pellissier, Danilo salva sulla linea con la palla che arriva a Birsa, ma niente vantaggio ospite perché Karnezis, inoperoso fino ad allora, si rifugia in angolo. Al primo minuto di recupero arriva, a sorpresa, il vantaggio casalingo con Guilherme che da centro area serve Di Natale bravo a superare Bizzarri con un tiro al volo e centrare il 200esimo gol in 400 gare in serie A. La reazione del Friuli è un boato e un’applauso lunghissimo ed affettuoso per un traguardo, come detto da Stramaccioni, che entra nella storia del calcio.

La ripresa si apre con un tiro di Allan ma Bizzarri ci arriva facile. Il Chievo , dal canto suo, ci prova ma senza dare l’impressione di rendersi particolarmente pericoloso. Ci provano Radovanovic di testa, Paloschi che da centro area trova una conclusione che va di poco a lato e Birsa su cui Karnezis si difende in angolo. Al 74′ arriva il meritato pareggio del Chievo con un tiro dalla lunga distanza, da una trentina di metri, di Radovanovic che di infila alla destra di un incolpevole Karnesis. Gli ultimi minuti vedono qualche breve sortita offensiva dei bianconeri prima con Di Natale con una conclusione deviata in angolo e poi con un tiro di Heurtaux al volo decisamente alto.

Arrabbiato Mister Stramaccioni a fine gara per il secondo tempo del match in cui la squadra ha abbassato il baricentro cercando di gestire una gara che non andava gestita con il minimo vantaggio. Rammarico anche per non essere riusciti a festeggiare al meglio il traguardo storico del capitano.

Ora per i bianconeri, che salgono a 18 punti in classica le due trasferte di Milano contro Milan e Inter inframmezzate dalla partita casalinga di Coppa Italia contro il Cesena.

Nella foto la super pagellona match.

Rudi Buset
rudibuset@live.it
@RIPRODUZIONE RISERVATA

About Rudi Buset

Rudi Buset
Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti dal 2013 Diplomato presso l’ITC Einaudi nel 2007, lavora presso una carpenteria leggera artigiana. Impegnato nel sociale e in politica, da anni collabora con diverse realtà del suo territorio con particolare attenzione al mondo dell’associazionismo. Appassionato di tutto ciò che riguarda l’uomo in quanto “animale politico” oltre che allo sport (in primis il calcio).

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top