martedì , 3 Agosto 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » “Ti auguro un fidanzato come Nanni Moretti” di Livia Ferracchiati per lo SPAZIO GIOVANI del Todi Teatro Festival

“Ti auguro un fidanzato come Nanni Moretti” di Livia Ferracchiati per lo SPAZIO GIOVANI del Todi Teatro Festival

image_pdfimage_print

Per lo SPAZIO GIOVANI del Todi Teatro Festival, Livia Ferracchiati debutta come drammaturga e regista di “Ti auguro un fidanzato come Nanni Moretti”.

“Mela-Rosso-Mela-Verde! Sta in ascolto!”.

Chiara Leoncini e Fabio Paroni, con degna freschezza di un testo vivo e intelligente, offrono dinamiche universali alla platea del Palazzo del Vignola il 26 e il 27 Agosto 2014.

“Io sono diverso da tutti gli altri, che vivono in balia di meccanismi psicologici di cui non sono consapevoli” dichiara Lui, il disegnatore di orsi, innamorato di una donna semplice che, spontaneamente, dichiara “Tu sei tutto ciò che ho sempre temuto che potesse diventare il mio partner”.

Ironia, brio e ritmi raccontano, in modo nuovo e attuale, le dinamiche di coppia. Per più della metà dello spettacolo, sulle piacevoli scene di Chiara Bonomelli, tutto è a favore di pubblico, niente è superfluo.

Si susseguono capitoli del racconto senza mai stancare.

Quadro: “Un capello bianco non fa primavera. – Io sono alle prese con i fornelli. Tu sei seduta al tavolo della cucina”. Poteva essere il compimento, meraviglioso e lineare, di un’idea teatrale bella ed efficace.

Invece, l’autrice ha prevalso sulla regista. Non rinunciando a nulla del testo, lo spettacolo si è seduto.

Detto tutto, il gioco è diventato meno interessante, forse è durato più del dovuto. Anche il finale, tradisce un pizzico di ingenuità, oppure che la regia non ha voluto, o non ha saputo, dare un cambio di ritmo adeguato.

“Se facciamo tre su tre sei la mia anima gemella”.

La centrifuga mentale tra paure e desideri, resta comunque, un’operazione ben riuscita.

Lo spettacolo è appena nato e sull’eccezionalità di testo e attori non si discute.


Anita Laudando

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top