lunedì , 27 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘Dicono che farà caldo’ di Christian Gallucci Prova aperta al pubblico 11 sett. alle 20.30
TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘Dicono che farà caldo’ di Christian Gallucci Prova aperta al pubblico 11 sett. alle 20.30

TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘Dicono che farà caldo’ di Christian Gallucci Prova aperta al pubblico 11 sett. alle 20.30

image_pdfimage_print

Con il progetto Artefici. Residenze creative Fvg ArtistiAssociati mette in dialogo artisti e compagnie italiani delle arti performative con il territorio attraverso la pratica della residenza artistica e, successivamente, con la restituzione e lo scambio degli artisti con il pubblico.

Ci ritroveremo nuovamente in presenza al Teatro Comunale di Cormons per assistere alla prova aperta del lavoro di Christian Gallucci  ‘Dicono che farà caldo’, dopo le settimane di residenza artistica vissute proprio al teatro del centro collinare. L’appuntamento è fissato per sabato 11 settembre, alle 20.30.

Per quanti interessati l’ingresso sarà gratuito, con prenotazione obbligatoria: sarà necessario compilare il format che troverete sul sito di ArtistiAssociati nella sezione Residenze (https://lsaaonln6dn.typeform.com/to/FgjrFsm5).

Il lavoro di Gallucci, sul palco assieme a Irene Curto, Federica Di Cesare, e Valerio Pietrovita, ci proietta in una storia al limite del reale. Mentre l’ondata di caldo Stacy sta per abbattersi sulla terra, una coppia di anziani trascorre l’ultimo giorno all’interno di una solitaria routine. Lui sta perdendo la memoria, lei riempie i vuoti con storie del passato. Hanno un figlio che non vedono da anni. La loro storia si intreccia a quella di un’annunciatrice che scandisce la giornata attraverso notizie che si fanno sempre più catastrofiche, e a quella di un uomo, chiamato “il commediante”, che attraverso una lunga confessione ci racconta di un mondo in cui ancora ci sono possibilità di sopravvivenza.

Dicono che farà caldo nasce dall’opportunità di parlare della fine delle cose. La prospettiva di una fine collettiva, in particolare di una catastrofe climatica mondiale, si trasforma nell’opportunità di scegliere se lasciare le cose come stanno o se occuparsi seriamente, negli ultimi istanti, delle nostre relazioni, dei nostri sogni e desideri, della nostra umanità.

E. L.

About Enrico Liotti

Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top