venerdì , 3 Aprile 2020
Notizie più calde //
Home » Attualità » Solo il 25 febbraio TANGO FATAL di Guillermo Berzins e la suacompagnia al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia-TRIESTE
Solo il 25 febbraio TANGO FATAL di Guillermo Berzins e la suacompagnia al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia-TRIESTE

Solo il 25 febbraio TANGO FATAL di Guillermo Berzins e la suacompagnia al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia-TRIESTE

image_pdfimage_print

Assistere a Tango Fatalsignifica lasciarsi trasportare nella dimensione sensuale del tango, attraverso le suggestioni musicali di uneccellente orchestra dal vivo lOrchestra Corazon de Tangodella violinista Oksana Peceny Dolenc e attraverso le coreografie splendidamente interpretate da una compagnia affiatata ed emozionante, guidata da Guillermo Berzins.

Lappuntamento è per martedì 25 febbraio alle 20. 20 alla Sala Assicurazioni Generali dove Tango Fatalva in scena per il cartellone Danza del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Berzins è un ballerino e coreografo argentino di fama internazionale, di notevole preparazione tecnica e di grande carisma, la cui storia è particolarmente legata alla città di Trieste, dove, trasferendosi da Buenos Aires, ha scelto di porre uno dei punti fermi della sua attività: ammirare sul palcoscenico del Politeama Rossetti il suo spettacolo, è dunque ancor più significativo. Tango Fatalnasce proprio da una sua idea artistica: è uno spettacolo molto emozionante che in unambientazione astratta, quasi sospesa nel tempo, fa rinascere e vivere sul palcoscenico le seducenti e misteriose atmosfere di Buenos Aires. Il pubblico avrà la sensazione di attraversare diverse epoche, espresse attraverso numerosi stili di ballo, e conoscerà le note poetiche e struggenti dei tanghi più celebri di tutti i tempi, alternati a coreografie contemporanee e anche a momenti che rimandano invece al folklore argentino. Ecco allora il ballo fra uomini che si sfidano con il coltello, come accadeva nel porto di Buenos Aires, La Boca, quando gli emigranti inizialmente non erano ancora in compagnia delle loro famiglie, ed ecco il compadrito tratteggiato come il personaggio chiave del mondo del tangoE dopo poco, si intravvedono le prime coppie mentre si stringono nel canyengue, un modo di ballare antico in cui del tango si riconoscono alcuni fondamenti, poi fantasiosamente sviluppati. E si passa inoltre attraverso il folklore argentino dall’energia contagiosa, con i virtuosismi incredibili che igauchos sapevano produrre usando bombos e boleadorasGuillermo Berzins costruisce su questo un numero ammirevole, in perfetto equilibrio fra tradizione e modernitàMolto ricca e composita è infatti la materia della danza e della cultura argentina da cui il tango prende vita, per svilupparsi nelle meravigliose forme che gli appassionati oggi conoscono e danzano in tutto il mondo: lo stile milonguero, ad esempio, nato per danzare nelle affollatissime sale popolari di Buenos Aires, dove le coppie si muovevano davvero in poco spazio e il loro abbraccio è rimasto dunque stretto ed i movimenti sembrano piccoli, come un sussurro fra innamoratiOppure il più sontuoso stile salon, sviluppatosi nelle ricche e grandi sale da ballo delle epoche successive, fatto allora di movimenti ampi, figure sensuali e magnetizzanti. Fino ad arrivare alle coreografie contemporanee, adatte alle musiche complesse di Astor Piazzolla o a quelle ancor più ipnotiche e sincopate del tango nuevo.  Tango Fatalpropone al pubblico un simile percorso, sullonda di musiche avvolgenti e trascinanti e lasciandosi calamitare dagli splendidi passi e dalle coreografie eseguite da quattro splendide coppie di danzatori capeggiati dal primo ballerino Guillermo Berzins che danzerà assieme a Marijana Tanasković, artista di precisione tecnica e di notevole intensità interpretativa. Danzatore di classe e di notevole presenza scenica, Guillermo Berzins nasce a Buenos Aires ed entra nel mondo della danza a soli 6 anni detà. Oggi è riconosciuto a livello mondiale come maestro, ballerino e coreografo di Tango Argentino, nonché come organizzatore di grandi manifestazioni legate alla danzaÈ Membro del Consiglio Internazionale della Danza (CID UNESCO) e dellAssociazione argentina di Maestri, Ballerini e Coreografi di Tango Argentino (AMBCTA).  Ballerino di classe impeccabile, vanta anni di esperienza sul palcoscenico. La sua imponente presenza scenica, unita allemozione che trasmette, lo distingue in ogni contesto. Maestro naturale,dotato di grandi qualità nellinsegnare con chiarezza, ha sviluppato la propria metodologia GB TANGO approfondendo aspetti psicologici e pedagogici attraverso una continua ricerca. Praticalinsegnamento da oltre quindici anni.  Firma coreografie sia di Tango che di Folklore Argentino ed ha maturato unampia esperienza realizzando numerosi lavori coreografici e dirigendo compagnie internazionali. Attualmente svolge esibizioni, lezioni e seminari in tutto il mondo, e si è distinto in diversi festival, produzioni teatrali, televisive e cinematografiche oltre a ricoprire il ruolo di giudice in vari campionati internazionali di danza. A Trieste il Maestro Berzins dirige la GB Tango Academy, scuola da lui fondata. Allo Stabile regionale lo spettacolo va in scena alla Sala Assicurazioni Generali alle ore 20.30 solo il 25 febbraio. Per biglietti e prenotazioni si suggerisce di rivolgersi alla Biglietteria del Politeama Rossetti agli altri consueti punti vendita, o via internet sul sito www.ilrossetti.it. Informazioni anche al numero del Teatro 040.3593511.

TANGO FATAL

direzione artistica Guillermo Berzins

ballerini Guillermo Berzins & Marijana Tanasković,

  Martin Acosta Sponda & Marcella Monaco,

 Saša Živković & Diletta Milocco,

 Costanza Gruber & Alessandro Cavallaro 

musiche dal vivo con lOrchestra “Corazón de Tango:

 Oksana Peceny Dolenc (violino),

   Aleksander Zivko (pianoforte),

 Andraz Frece (bandoneon),

 Matic Dolenc (chitarra),

 Marko Tursic (contrabasso)

produzione Tango Company

a cura di Associazione Rudolf Nureyev – Luigi Pignotti

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top