venerdì , 17 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Sport » Altri sport » SANTI E VRAJIC CONQUISTANO L’UNESCO CITIES MARATHON
SANTI E VRAJIC CONQUISTANO L’UNESCO CITIES MARATHON

SANTI E VRAJIC CONQUISTANO L’UNESCO CITIES MARATHON

image_pdfimage_print
Il podio maschile

Il podio maschile

L’Unesco Cities Marathon che non t’aspetti incorona il quarantatreenne modenese Antonio Santi, al primo successo sui 42 chilometri dopo 21 maratone corse in carriera. La gara da Cividale del Friuli ad Aquileia si è conclusa con una sorpresa: l’etiope Damte Taye Kuashu aveva tagliato per primo il traguardo, ma è stato squalificato perché non era

Antonio Santi

Antonio Santi

iscritto alla maratona e avrebbe dovuto limitarsi a correre la prima frazione della staffetta. Santi ha chiuso in 2h28’11”, diventando il terzo italiano (su quattro edizioni della maratona friulana) ad imporsi sul traguardo di Aquileia, dopo Ruggero Pertile (2013) e Massimo Leonardi (2014). “Ho deciso di partecipare all’ultimo momento, perché sono reduce da un infortunio – ha spiegato Santi -. Non avevo particolari aspettative per questa gara. Ho corso in progressione e solo all’arrivo mi sono reso conto di essere il vincitore”. Alle spalle di Santi, il keniano Julius Kipkurgat Too (2h32’14”), al debutto sulla distanza, punito da una prima parte di gara troppo veloce (1h08’25” di passaggio alla mezza). Terzo, in 2h36’36”, il pordenonese dell’Atletica Aviano Matteo Redolfi, che ha conquistato il titolo friulano assoluto e dedicato la gara alla memoria di Giovanni Bressan, il maratoneta trevigiano (tesserato per l’Atletica Aviano) travolto in allenamento da un’auto a metà febbraio. Senza storia la gara femminile, vinta, in 2h51’14”, dalla croata Marija Vrajic, che ha così bissato il successo ottenuto tre settimane fa alla Treviso Marathon, ottenendo la prima vittoria in Piazza capitolo dopo un quarto e un

Marija Vrajic

Marija Vrajic

secondo posto. Argento per la connazionale Ingrid Nikolesic (2h58’28”), terza la lituana dell’Atletica Buja, Alionka Kornijenko (3h04’13”). Quarta la bresciana Monica Baccanelli, una delle ambasciatrici dei siti Unesco, coinvolti dal sindaco di Aquileia, Gabriele Spanghero.  In apertura di mattinata, vittorie per Lorenzo Perec (Basket e non solo) e Francesca Porcellato (Apre Olmedo) tra le handbike. Particolarmente soddisfatta la fuoriclasse veneta, al debutto stagionale sulla strada che la porterà ai Giochi di Rio, la sua decima Paralimpiade. “Sono carica d’allenamento, ma le sensazioni sono state positive. Ho chiuso in 1h11’ (1h11’43” il tempo ufficiale, ndr): meglio unescodell’anno scorso, pur correndo gran parte della gara da sola. Ora vado in ritiro in Abruzzo, poi mi attendono le prime gare di Coppa Europa, tutte in Italia”. L’Unesco Cities Marathon è stata un’autentica festa della corsa in un territorio ricco di storia e cultura. Sul traguardo di Aquileia c’era anche la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, che ha elogiato l’impegno degli organizzatori. Applausi pure per i sindaci delle città del terremoto arrivati con la fascia tricolore per ricordare il disastroso sisma di quarant’anni fa. Poi il gruppo di Laura Bassi che ha coinvolto alcuni atleti normodotati facendogli percorrere su una sedia a rotelle l’ultimo tratto della maratona; i triatleti e gli Special Olympics, per la prima volta ospiti dell’Unesco Cities Marathon; i tanti amici di @uxilia Onlus che hanno accompagnato il cammino degli organizzatori della maratona, portando anche ad Aquileia l’ingegnere della Nasa, James Van Laak; lo scienziato Mauro Ferrari, giunto al traguardo della sua quarta Unesco Cities Marathon appena oltre le 5 ore. Gli ultimi cento metri il professor Ferrari li ha fatti in

_Larrivo-del-prof.-Ferrari-con-Laura-Bassi

_Larrivo-del-prof.-Ferrari-con-Laura-Bassi

carrozzina con l’aiuto di Laura Bassi. “Sono stati più duri gli ultimi cento metri che i primi 42 chilometri – ha detto Ferrari, una volta tagliato il traguardo, atteso anche dai quattro reduci dall’Afghanistan arrivati con lui da Houston per gareggiare tra i diversamente abili -. Come mi succede nella vita di tutti i giorni, nelle difficoltà penso a Laura. Questa volta Laura mi ha spinto anche fisicamente”.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top