sabato , 27 Novembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » REMO ANZOVINO annunciati due prestigiosi show a Firenze e Verona con Uri Caine per il nuovo tour al via l’11 aprile da Udine

REMO ANZOVINO annunciati due prestigiosi show a Firenze e Verona con Uri Caine per il nuovo tour al via l’11 aprile da Udine

image_pdfimage_print

Considerato da critica e pubblico uno dei massimi esponenti della musica strumentale italiana, Remo Anzovino, avvocato penalista pordenonese, anche con l’ultimo album “Vivo”, che ha ottenuto solo recensioni trionfali in Italia e all’estero, si è confermato tra i più originali e innovativi pianisti compositori in circolazione.  A Firenze il 22 giugno un esclusivo concerto con l’Orchestra dell’Università di Firenze diretta da Marco Papeschi, a Verona nell’importante cornice del Teatro Romano il 25 giugno con Uri Caine nell’ambito del Verona Jazz Festival (Glenn Miller Orchestra, Dee Dee Bridgewater e Raphael Gualazzi gli altri nomi in cartellone), sono stati annunciati oggi due prestigiose date del “Vivo in Tour”, la nuova tournee, che dopo il grande successo ottenuto della passata stagione nei principali teatri italiani e il recente trionfo ottenuto al Palazzo delle Esposizioni di Roma per il concerto in onore del grande Lelio Luttazzi, porterà Anzovino in concerto nelle principali città e nelle principali rassegne della penisola italiana. Il tour che l’8 giugno farà tappa anche al Festival Etica-Mente, che il giorno prima ospiterà il nuovo spettacolo su Fabrizio De Andrè, “Le Cattive Strade”, con Andrea Scanzi e Giulio Casale, prenderà il via dal suo Friuli Venezia Giulia venerdì 11 aprile al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, dove Anzovino si esibirà accompagnato dalla sua band (Vincenzo Vasi al theremin, glockenspiel, basso, campionatore e voce; Alberto Milani alla chitarra elettrica e Marco Anzovino alle percussioni e chitarra acustica) che vede anche il nuovo inserimento dell’eclettica polistrumentista Valeria Sturba. Sul palco a Udine anche il Coro Polifonico di Ruda per l’esecuzione della struggente “Suite for Vajont (9 ottobre 1963)”. I biglietti sono ancora in vendita online su Ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati. Info su www.azalea.it  “Vivo”, speciale cofanetto con il primo live della carriera di Anzovino, registrato lo scorso aprile con la sua band (Vincenzo Vasi al theremin, glockenspiel, basso, campionatore e voce; Alberto Milani alla chitarra elettrica e Marco Anzovino alle percussioni e chitarra acustica) all’Auditorium Parco della Musica di Roma, il tempio della musica italiana, e il dvd dello storico “Concerto della Memoria” sulla Diga del Vajont, racconta il percorso artistico di questo musicista che sa unire la qualità alla capacità di arrivare a tutti con una melodia che entra dritta nel cuore e non ne esce più. Come un personale marchio di fabbrica. Album dopo album, concerto dopo concerto, Anzovino si è rivelato non solo un eccezionale autore di melodie, di cui han fatto man bassa le più importanti trasmissioni televisive di qualità (Ballarò, Otto e Mezzo, etc.) e i più importanti brand commerciali (Alitalia, Bulgari, etc.), ma anche un notevole performer live. Difatti, “Vivo” è arricchito dal video integrale dello straordinario “Concerto della Memoria” che Anzovino ha tenuto lo scorso 15 settembre sulla diga del Vajont, nella sua  regione, in occasione del 50esimo anniversario della più grande tragedia evitabile della storia italiana, onore che gli è stato riservato per “Suite for Vajont (9 ottobre 1963)”, composizione  riconosciuta dalla Fondazione Vajont (Comuni di Longarone, Erto e Casso, Castellavazzo e Vajont) come musica ufficiale del ricordo del Vajont ed è stata insignita in Campidoglio il 7 ottobre scorso, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il Premio Anima 2013 sezione musica “per il contributo significativo dato al senso dell’etica e della responsabilità nel nostro Paese”.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top