venerdì , 17 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » Questa sera ROBERT GLASPER con il suo “Experiment” chiude la rassegna #NoteNuove 9 di Euritmica al Teatro PalaMostre di Udine
Questa sera ROBERT GLASPER con il suo “Experiment” chiude la rassegna #NoteNuove 9 di Euritmica al Teatro PalaMostre di Udine

Questa sera ROBERT GLASPER con il suo “Experiment” chiude la rassegna #NoteNuove 9 di Euritmica al Teatro PalaMostre di Udine

image_pdfimage_print

Questa sera, al Teatro Palamostre di Udine, va in scena l’ultimo appuntamento di #NoteNuove 9, la rassegna musicale ideata e realizzata da Euritmica, alla continua ricerca delle tendenze e dei nuovi fenomeni musicali. Uno di questi è sicuramente l’artista che si esibirà sul palco del Palamostre (inizio alle 20:45, biglietti su Vivaticket.it e circuito collegato); si tratta di Robert Glasper, pianista texano, del quale sentiremo molto parlare nei prossimi decenni, un musicista che ha saputo scardinare vincoli e convenzioni musicali, talvolta con irriverenza, riuscendo a a diventare, a poco più di trent’anni, uno degli artisti più influenti della scena neo jazz e hip hop mondiale. A Udine porta il suo straordinario progetto “Experiment”, in quartetto, con tre musicisti sensazionali: Benjamin Casey (voce, vocoder, sax ed effetti), Derrick Hodge (basso), Mark Colemburg (batteria).
Robert-GlasperGlasper è cresciuto musicalmente ispirandosi a Herbie Hancock e Miles Davis, due sperimentatori, due musicisti che non hanno mai smesso di alzare l’asticella della ricerca di qualche centimetro, non accontentandosi mai. Questo è quello che sta cercando di fare oggi Glasper: spingere il jazz verso nuovi paradigmi ed idiomi.
In questa direzione va anche “Everything’s beautiful” il nuovo lavoro di rilettura di Miles Davis, non ancora uscito sul mercato discografico, che il pianista sta realizzando in studio, con la collaborazione di Stevie Wonder e John Scofield (tra gli altri) e del quale circolano su YouTube due singoli: “Ghetto walkin’”, featuring Bilal, una liberissima reinterpretazione della sinuosa e funkeggiante “The Ghetto walk” e “Violets”, una contemporanea versione della struggente “Blue in the green”, dall’album-capolavoro davisiano “Kind of Blu”.
Incredibili anche le sue riletture di David Bowie (Letter to Hermione) e di Stevie Wonder (Jesus children of America), che il pianista non mancherà certo di portare con se nel set udinese, al termine del quale gli artisti incontreranno il pubblico, nel foyer del teatro, per brindare assieme nell’ormai consueto ed apprezzato momento di convivialità #EuritmicaSocial.
Informazioni e prenotazioni biglietti: www.euritmica.it info@euritmica.it o +39 04321744261.

About Dario Furlan

Fotografo free lance e giornalista pubblicista. Segue da anni il panorama musicale internazionale - ma anche locale - con particolare predilezione per quanto riguarda il rock (in tutte le sue derivazioni), il folk ed il blues nonché la musica in lingua friulana. Cultore di "motori e rally", dei quali vanta una conoscenza ultradecennale, è anche atleta nella disciplina ciclistica della mountain bike.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top