lunedì , 26 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » PREMIO TERZANI 2020, TOSCA SARA’ LA COLONNA SONORA DELLA SERATA DI PREMIAZIONE, DOMENICA 27 SETTEMBRE.
PREMIO TERZANI 2020, TOSCA SARA’ LA COLONNA SONORA DELLA SERATA DI PREMIAZIONE, DOMENICA 27 SETTEMBRE.

PREMIO TERZANI 2020, TOSCA SARA’ LA COLONNA SONORA DELLA SERATA DI PREMIAZIONE, DOMENICA 27 SETTEMBRE.

image_pdfimage_print

Sarà la cantante Tosca, interprete eclettica e raffinata, artista poliedrica ed elegante e da sempre affascinata dalle musiche popolari del mondo, a firmare la “colonna sonora” della serata 2020 del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani. Appuntamento domenica 27 settembre, dalle 21, nella ex Chiesa di S. Francesco a Udine, dove si svolgeranno la cerimonia di premiazione e la conversazione con il vincitore, che sarà proclamato dalla presidente di Giuria, Angela Terzani Staude, lunedì 24 agosto, alle 12, nell’ambito di un incontro stampa programmato su piattaforma Zoom. Il nome sarà scelto a partire dalla rosa dei finalisti che include cinque autori internazionali: Behrouz Boochani per Nessun amico se non le montagne. Prigioniero nell’isola di Manus (add editore); Erika Fatland per La frontiera. Viaggio intorno alla Russia (Marsilio); Amin Maalouf per Il naufragio delle civiltà (La nave di Teseo); Francesca Mannocchi per Io Khaled vendo uomini e sono innocente (Einaudi); Ece Temelkuran per Come sfasciare un paese in sette mosse. La via che porta dal populismo alla dittatura (Bollati Boringhieri).

Cantante e attrice, Tosca ha fatto sue le sensibilità e le atmosfere che ogni cultura da lei accostata ha saputo donarle. Quando ti avvicini a un’altra lingua, a un altro suono – afferma Tosca – cerchi te stesso, cerchi l’accoglienza, cerchi di sentirti a casa. E trovi sempre un frammento che ti appartiene”.Il suo ultimo album “Morabeza”, uscito nell’ottobre scorso, è un vero e proprio viaggio musicale intorno alla Terra nel segno della ricerca, dell’ascolto e della passione per le grandi scuole musicali che attraversano senza confini il nostro pianeta. Così, se Tosca passa da un fado portoghese a un canto tradizionale yiddish, da una ballata zingara alla musica d’autore napoletana o romana, anche Tiziano Terzani ha vissuto con una curiosità appassionata e senza confini la sua profonda vocazione di “cittadino del mondo”, con la capacità di trovarsi sempre non solo dove si fa la storia, ma soprattutto dove la storia viene vissuta dalle persone: per indagarla, leggerla e raccontarcela ancora oggi con sguardo lungimirante e attuale.  

“Passione” è anche la parola chiave di questa edizione del festival vicino/lontano – che organizza il Premio Terzani – la cui XVI edizione era in calendario a maggio ed è stata riprogrammata, finalmente “in presenza”, sia pur nel rispetto delle restrizioni imposte dalle normative anti-Covid, dal 25 al 27 settembre a Udine. In programma i consueti incontri e dialoghi con studiosi ed esperti, per cercare di esplorare e comprendere la complessità del nostro tempo. La partecipazione alla serata del Premio Terzani è a ingresso libero dietro prenotazione, sino ad esaurimento dei posti disponibili. La serata sarà trasmessa anche in diretta streaming sul canale YouTube di vicino/lontano e in diretta Facebook

La partecipazione alla serata del Premio Terzani è a ingresso libero dietro prenotazione, sino ad esaurimento dei posti disponibili.

La serata sarà trasmessa anche in diretta streaming sul canale YouTube di vicino/lontano e in diretta Facebook  

Al Premio Terzani Tosca farà tappa in un momento particolare della sua carriera, e della sua vita:reduce da un’acclamata partecipazione al Festival di Sanremo con il brano Ho amato tutto – con il quale si è aggiudicata il premio Giancarlo Bigazzi per la migliore composizione e il sesto posto in classifica – l’artista non nasconde che la pandemia ha profondamente trasformato il suo modo di affrontare la vita: «Mi sento come all’inizio di un nuovo viaggio con davanti una pagina bianca di un nuovo quaderno – spiega– Ho deciso di vivere con ottimismo la ripartenza, di ritrovare empatia con le persone. Non possiamo fare finta che non sia successo nulla, ma è importante anche iniziare a reagire. È bello ritrovarsi, e ho voglia di cantare e suonare». E nel corso di questa difficile estate 2020 Tosca è in tour con il concerto Direzione Morabeza mentre il suo nuovo, atteso spettacolo debutterà a teatro in dicembre. Ad aprile, in piena emergenza sanitaria, Tosca incideva Il canto degli italiani, una rilettura acustica dell’inno d’Italia. Un singolo e un video – scelto tra l’altro per aprire i festeggiamenti del 75° anniversario della Liberazione del 25 aprile – la cui fruizione digitale ha promosso una raccolta fondi per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale per i volontari della Croce Rossa Italiana.

Nota per la sua innata propensione alla ricerca e alla sperimentazione, Tosca ha collaborato negli anni con i più grandi artisti italiani e internazionali, fra i quali: Ivano Fossati, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Chico Buarque, Ivan Lins, Riccardo Cocciante, Lucio Dalla, Renzo Arbore, Renato Zero e Ron con cui vinse il Festival di Sanremo nel 1996.

Già Targa Tenco 1997 nella categoria migliore interprete e nel 2019 per il migliore album a progetto, Toscasi è aggiudicata lo scorso giugno altre due Targhe Tenco – per la miglior canzone singola con Ho amato tutto, presentata all’ultimo festival di Sanremo, e come miglior interprete di canzoni per l’album Morabezaentrando nel novero dei pochissimi artisti che sono riusciti a mettere a segno una doppietta nel premio più prestigioso della musica italiana.

Nel 2019 è stata interprete del brano di Nicola Piovani “L’invenzione di un poeta”, nominato ai David di Donatello 2019 nella categoria “Migliore Canzone Originale”. Ha al suo attivo 9 dischi in studio e 6 live. L’album “Morabeza”, prodotto e arrangiato da Joe Barbieri, contiene canzoni originali e rivisitazioni in chiave attuale di classici della musica dal mondo, cantate in quattro lingue con grandi artisti che Tosca ha incontrato in questo viaggio: Ivan Lins, Arnaldo Antunes, Cyrille Aimée, Luisa Sobral, Lenine, Awa Ly, Vincent Ségal, Lofti Bouchnak, Cèzar Mendes. La sua attività teatrale comprende le appassionate interpretazioni negli spettacoli “La strada di Fellini”, “Il Borghese gentiluomo” di Molière e “Il Grande dittatore” di Chaplin al fianco di Massimo Venturiello, nonché memorabili incursioni nel teatro sociale con “I Monologhi della vagina”, “Italiane” e “Donne come noi”. Il 19 giugno è uscito su tutte le piattaforme digitali Piazza Grande, accompagnato da un video ideato e dipinto a mano dal ‘live painter’ Andrea Spinelli.

E.L.

About Enrico Liotti

Enrico Liotti
Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top