sabato , 27 Novembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » “PREMIO DARTS 2013 – PER UNA NUOVA DRAMMATURGIA”

“PREMIO DARTS 2013 – PER UNA NUOVA DRAMMATURGIA”

image_pdfimage_print

 SABATO 9 NOVEMBRE, ALLE ORE 20.30, AL TOTI LA CERIMONIA DI PREMIAZIONE E LE LETTURE SCENICHE DEI TESTI VINCITORI.

Sono Giulia Lombezzi di Milano, con “Ora di pranzo” per la sezione drammaturgia e Valentina Rapetti di Roma, per la traduzione dall’inglese di “A est di Berlino di Hannah Moscovitch, i vincitori della prima edizione del “PREMIO DARTS 2013 – Per Una Nuova Drammaturgia e Traduzione”.

La conferma ufficiale è stata data oggi (giovedì 7 novembre) nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nella sala giunta del Comune di Trieste, alla quale sono intervenuti tra gli altri l’assessore all’Educazione, Scuola, Università e Ricerca Antonella Grim, il prof. Paolo Quazzolo dell’Università di Trieste e, per il Consorzio Scenico (un gruppo di professionisti del teatro under 35), Lorenzo Zuffi, Sara Beinat, Massimiliano Borghesi, Roberta Colacino, Paola Saitta, Lara Komar e Omar Scala.

Ideato e organizzato dal Consorzio Scenico –ha spiegato Lorenzo Zuffi- il “PREMIO DARTS” (Drammaturgia, Arte, Trieste) si rivolge ad autori, drammaturghi e traduttori under 35 e vuole essere un contributo allo sviluppo e alla valorizzazione della drammaturgia contemporanea, per “puntare sui cosiddetti giovani per il rinnovamento della scena del teatro italiano”. Alla sua prima edizione hanno partecipato 64 drammaturghi con 94 opere e 21 traduttori con 27 lavori di traduzione.

“Con questa iniziativa –ha detto l’assessore Antonella Grim- i Poli di Aggregazione Giovanile iniziano una collaborazione proficua con il Consorzio Scenico, con l’obiettivo di lavorare insieme e di accompagnare la creatività, favorendo lo sviluppo e la crescita di attività teatrali, a tutto beneficio dei ragazzi e dei giovani delle nostre scuole”. “Questo premio –ha aggiunto il prof. Quazzolo- è una bella vetrina per tutti quei giovani drammaturghi che possono farsi vedere e conoscere e spero che questi testi possano arrivare alla loro destinazione definitiva, che è il palcoscenico”.

La giuria del premio è presieduta da Masolino D’Amico, critico teatrale, traduttore, sceneggiatore, docente universitario e scrittore italiano ed è composta, oltre che dal prof. Paolo Quazzolo, anche da Ivaldo Verdelli, direttore organizzativo del Teatro Stabile di Verona.

La serata di premiazione della prima edizione del “PREMIO DARTS” si terrà sabato 9 novembre, con inizio alle ore 20.30, al Teatro del Polo di Aggregazione Giovanile del Toti, in via del Castello 1 e sarà un appuntamento ad ingresso libero e aperto alla cittadinanza, fino ad esaurimento dei posti. La serata si aprirà con la lettura scenica, da parte degli attori del Consorzio Scenico, di alcuni estratti dei testi vincitori. Quindi a Giulia Lombezzi e a Valentina Rapetti saranno consegnati i premi (500 euro in denaro e la pubblicazione dei rispettivi testi a cura della casa editrice Asterios). Seguirà anche un “After Party”, dalle ore 22.00, nell’antico Caffè San Marco di via Battisti 18.

Un breve profilo delle vincitrici. Giulia Lombezzi: Durante le scuole superiori scopre piuttosto casualmente l’esistenza del teatro ed immediatamente se ne innamora. Nel 2009 si diploma alla Scuola di Teatro Arsenale di Milano. Da attrice incontra maestri e registi che arricchiscono e radicano questo amore, come Kuniaki Ida, Pascal Arbeille, Lazzaro Calcagno. Si cimenta anche in traduzioni, revisioni e riduzioni di testi per il teatro. “Ora di pranzo” è la sua prima drammaturgia originale.

Valentina Rapetti: cultrice della materia (Lingua e Letteratura Inglese) presso il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Straniere dell’Università degli Studi Roma Tre, dove tiene seminari di letteratura e traduzione teatrale. Si occupa della scoperta, della traduzione e della diffusione teatrale e editoriale di testi di drammaturgia contemporanea anglofona. Tra gli autori tradotti e pubblicati: Anne Enright, Marina Carr (Gremese, 2010; Editoria&Spettacolo, 2011), Netta Syrett, Morris Panych (Gremese, 2010), Gary Kirkham, Joan MacLeod, Chimamanda Ngozi Adichie. Lavora come interprete per la Fondazione Romaeuropa nell’ambito del progetto Appena Fatto! di Romaeuropa Festival. Le sue sessioni di interpretariato con Akram Khan, Bill T. Jones, Sasha Waltz, William Kentridge e altri sono state trasmesse su Rai Radio Tre in programmi dedicati al teatro e su Radio3 Scienza. Traduce serie televisive, cortometraggi e documentari destinati al doppiaggio. Prima di stabilirsi a Roma, ha vissuto, studiato e lavorato a Manchester, Dublino e Toronto.

          Il “PREMIO DARTS” è stato realizzato da Consorzio Scenico, con la collaborazione del Comune di Trieste, di Asterios editore, e della Libreria San Marco, senza alcun contributo economico da parte di Enti pubblici o privati.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top