mercoledì , 22 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » Pink Over,Trittico Show lo scorso fine settimana di secena alla Sala Tripcovich
Pink Over,Trittico Show lo scorso fine settimana di secena alla Sala Tripcovich

Pink Over,Trittico Show lo scorso fine settimana di secena alla Sala Tripcovich

image_pdfimage_print

Venerdi 11 e sabato 12 marzo ci  si è potuti calare,alla sala Tripcovich di Trieste, in una full immersion nel periodo del massimo splendore della storica formazione musicale i “Pink Floyd”,durante la fine degli anni ’70.Erano di scena infatti i Pink Over,cover band “Made in Trieste” del noto gruppo Britannico,composta da Federico Mreule(Chitarra e voce) Dario De Grassi (Tastiere e organi) Michele Zabucchi (Chitarra e Voce) Samuele Orlando (Tastiere e voce) Alessandro Conte (Batteria) Francesco Cainero (Basso) Stefano Ropele (Percussioni acustiche e programmate),e dalle coriste Elena Vinci,Alexia Pillepich ed Elisa Ritossa.Hanno proposto il “Trittico Show” dove ripercorrevano i capolavori di Roger Waters & Co.Nella serata di sabato ho potuto assistere a una vero e proprio Flash Back dell’album “The Wall”.Oltre 2 ore di concerto,nel quale la Band eseguiva alla perfezione i brani del mitico album del 1979 con il supporto di uno schermo che mandava in onda i relativi video clips,in un clima che davvero ricordava quegli indimenticabili momenti.

imageThe Wall -Il Muro- ha un significato ben piu’ ampio delle sole note musicali;significava abbattere i muri delle cosiddette convenzioni sociali,dell’educazione scolastica vista come un imposizione dall’alto,dell’urgente bisogno di essere “moralmente e politicamente corretti”,di salvare le apparenze.I due martelli, simbolo di quell’album ,era un invito ad abbattere questo “Muro” ( quindi ragionare con la propria testa ) che ,come appare nei video clips,diventa circolare fino ad imprigionarci totalmente. Nel 1979,in pieno periodo di contestazioni sociali in tutto il modo,il messaggio di questo LP fu molto forte verso i giovani,diventando in svariate occasioni uno slogan-BREAKING THE WALL!-.

Sono passati 37 anni ma credo che il messaggio sia ancora piu’ che attuale,in un momento in cui oltre  i muri in senso lato ,stanno sorgendo anche tanti  muri in senso stretto.Oggigiorno i giovani e la gente in generale è racchiusa da barriere di tutti i tipi,fomentata da una buona parte dei Mass  Media che non fanno altro che da portavoce delle Grosse Potenze economiche spesso nascoste sotto ideali politici,culturali e credi religiosi.Si ha quasi paura di abbattere queste barriere,poichè è opinione comune che uscirne fuori vuol dire abbondonare la “Normalità” ed essere considerati alla stregua di reietti.I nostri nonni e antenati hanno combattuto durante il secolo scorso guerre sanguinose provocate da terribili dittature con il sogno di un Mondo Migliore e in nome della Democrazia.

Quest’ultima parola,infatti è molto in uso ultimamente,probabilmente usata ,anzi”abusata” dagli Organi di Potere per poter fare i loro interessi comodamente e “legalmente”,ma spesso non si capisce il vero significato che deriva dal Greco Antico e vuol dire “Governo del Popolo”. I risultati di anni di lotte e di proteste non hanno sortito gli effetti sperati alla luce di quanto sta succedendo attualmente nel mondo,pertanto credo che si dovrebbe,ancora,pensare e cantare col cuore e con la mente “BREAKING THE WALL!”

Andrea Forliano

About Andrea Forliano

Nato a Bari il 22/05/1978,vive a Trieste,di formazione umanistica sta completando il corso di laurea in Storia indirizzo contemporaneo,è da sempre appassionato di storia,viaggi,letteratura,politica internazionale e in costante ricerca di conoscere nuove culture.Inoltre segue l'attualità,il calcio,il cinema e il teatro

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top