sabato , 27 Novembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » No Borders Music Festival: la musica come forma di cultura e mezzo di comunicazione

No Borders Music Festival: la musica come forma di cultura e mezzo di comunicazione

image_pdfimage_print

Tarvisio / Sella Nevea (Udine) – 1°/29 agosto 2014. Poco più di tre settimane all’inizio di quella che ormai da tempo è riconosciuta quale manifestazione di spicco fra le più importanti rassegne musicali che popolano il Nord-Est d’Italia.

Il No Borders Music Festival, organizzato dal Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, Sella Nevea e Passo Pramollo in collaborazione con Azalea Promotion, giunge quest’anno alla sua 19° edizione e non rinuncia a perseguire il suo consueto ed ambizioso obiettivo: valorizzare la musica come forma di cultura e mezzo di comunicazione, comprensibile ed accessibile a tutti, al di là dei confini etnici, linguistici, sociali e geografici caratteristici dei territori multiculturali come il Tarvisiano.

nbmf1Dopo alcuni anni in cui il festival ha fatto da contenitore di esperienze musicali prevalentemente rock e folk, il programma previsto per il 2014 cambia rotta, dirigendosi verso sonorità un po’ più raffinate, che spazieranno dal soul al jazz, dalla musica d’autore a quella classica, incorporando anche il pop.

I suggestivi scenari naturali posti al confine tra Friuli-Venezia Giulia, Austria e Slovenia – nello specifico: Piazza Unità (Tarvisio), il Rifugio Gilberti (Sella Nevea) e il Santuario del Monte Lussari (Tarvisio) – ospiteranno quindi diversi grandi nomi del panorama musicale italiano e internazionale.

Lo show d’apertura, venerdì 1° agosto, toccherà a Raphael Gualazzi, giovane e talentuoso artigiano della musica, che accompagnato da un nutrito gruppo di musicisti di origine francese si lancerà in un concerto dinamico e multisfaccettato dall’inconfondibile sound internazionale, in cui troveranno spazio soul e blues, con frequenti incursioni nel gospel e nel jazz.

La sera dopo sul palco ci sarà Arisa – in compagnia dello GnuQuartet – a riproporre, arrangiati in una nuova veste ma con la simpatia e la leggerezza di sempre, i suoi brani più noti.

Domenica 3 invece la kermesse abbandonerà momentaneamente gli artisti nostrani, lasciando la scena all’attesissima festa per il 35° compleanno della celebre band britannica Incognito.

Sarà poi la volta – nel primo pomeriggio di domenica 10, presso il suggestivo Rifugio Gilberti – del pianista Remo Anzovino, considerato da pubblico e critica tra i più originali ed innovativi compositori attualmente in circolazione.

La manifestazione chiuderà, venerdì 29 agosto, con la straordinaria esibizione classica del Coro del Friuli-Venezia Giulia, diretto dal Maestro Cristiano Dell’Oste, e dell’Orchestra Barocca Senza Confini, impegnati nel riproporre una selezione delle Cantate di Bach.

Ulteriori informazioni e dettagli relativamente agli eventi in programma sono disponibili all’indirizzo www.nobordersmusicfestival.com

 

Ilaria Pingue

About Ilaria Pingue

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top