mercoledì , 29 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » LETTURE DA UN PREMIO NOBEL ALLA FESTA DELLA LETTERATURA E DELLA POESIA 16 marzo ore 18 – Caffè degli Specchi, Trieste
LETTURE DA UN PREMIO NOBEL ALLA FESTA DELLA LETTERATURA E DELLA POESIA  16 marzo ore 18 – Caffè degli Specchi, Trieste

LETTURE DA UN PREMIO NOBEL ALLA FESTA DELLA LETTERATURA E DELLA POESIA 16 marzo ore 18 – Caffè degli Specchi, Trieste

image_pdfimage_print

Ha vinto il premio Nobel per la letteratura per la sua “opera polifonica, un monumento al coraggio e al dolore della contemporaneità”. SaràSvetlana Aleksievic, scrittrice e saggista metà ucraina e metà bielorussa, la protagonista del secondo appuntamento della Festa della Letteratura e della Poesia, in calendario mercoledì 16 marzo alle 18 nella splendida cornice delCaffè degli Specchi. I soci di “Poesia e Solidarietà”, sotto la regia di Gabriella Valera ed Enzo Santese, daranno vita a un percorso di letture dal Premio Nobel dell’anno scorso. Scrittrice tormentata che oscilla fra cronache di guerra e rielaborazione d’autore, di Svetlana Aleksievic verranno proposti

Svetlana Aleksievic

Svetlana Aleksievic

passi dallo sconvolgente romanzo “Ragazzi di Zinco”, che racconta la guerra russo-afghana, in cui la crudezza dei racconti dei giovani russi ritornati in patria, ormai completamente ridotti ai loro terribili ricordi, si alterna alle disperazioni delle madri: “Madre, ti abbiamo riportato tuo figlio”, sono le parole con cui viene riconsegnata la bara di zinco al cui interno c’è il corpo senza vita di un giovane uomo. Ma la disperazione è anche dei padri, che non reggono alla tremenda realtà di dover fare tutto quello che al figlio avrebbe dato gioia, andando a portar fiori sulla sua tomba. C’è anche chi dall’Afghanistan torna vivo, ma diverso dall’uomo che era prima della partenza, prima della guerra. A parte le ferite o le mutilazioni, qualcosa nei loro animi non è più come prima, come uno specchio impossibile da ricomporre. E solo una volta tornati quei giovani uomini si rendono conto che l’inferno vissuto è stato perfettamente inutile. Il romanzo è un intreccio di storie raccontate, che diventa racconto d’autore. La stessa poesia si ritrova nel romanzo “Preghiera per Chernobyl” e “La guerra non ha un volto di donna”, da cui verranno lette alcune pagine. Le letture saranno intervallate da interventi musicali della pianista Antonina Tea Sala su musiche di Chopin.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top