venerdì , 30 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » LA MUSICA RITORNA 21 GIUGNO 2020 – Festa della Musica a Prato Carnico (Udine)
LA MUSICA RITORNA     21 GIUGNO 2020 – Festa della Musica a Prato Carnico (Udine)

LA MUSICA RITORNA 21 GIUGNO 2020 – Festa della Musica a Prato Carnico (Udine)

image_pdfimage_print

Domenica 21 giugno 2020

► h. 17:00: Concerto di Paola Selva “Per terre e per musiche”

► h. 18:30: Concerto di Edoardo De Angelis “Storie da raccontare”

Chiesa Parrocchiale di San Canciano Martire 

Prato Carnico (UD)

 

Domenica 21 giugno con la Festa della Musica a Prato Carnico in Val Pesarina, prende avvio la 3a edizione del Festival dell’Archeologia Pubblica “senzaConfini”, finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e promosso dall’Associazione Culturale CulturArti (A.C.CulturArti) di Udine in partnership con il Comune di Prato Carnico, l’Associazione Turistica Pro Val Pesarina, il Comune di Tavagnacco, il Comune di Torreano, il Comune di Ronchis, il Comune di Auronzo di Cadore (BL), il Comune di Zagarolo (RM), l’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia e l’Associazione scuola per la ceramica di Villa Sulis.

 

L’archeologia pubblica è quell’area di studio che sviluppa il dialogo tra gli archeologi e il grande pubblico, ponendo al centro il ruolo sociale dell’archeologia, per coinvolgere i cittadini nella riscoperta del proprio passato, facendo in modo che la ricerca agisca in modo positivo sull’identità 

e sui valori della comunità locale. Il Festival dell’Archeologia Pubblica “senzaConfini” ha l’obiettivo di stabilire una serie di punti fissi nel campo della partecipazione del pubblico all’universo dell’archeologia, sia nella pratica che nel dibattito teorico. Lo scopo è quello di contribuire alla programmazione di azioni mirate in questo settore, che sfocia nella tutela complessiva del patrimonio culturale attraverso il turismo e l’accoglienza nei siti e musei, con mostre, laboratori didattici, conferenze e molte altre azioni artistiche e culturali.

 

– o –

 

I CONCERTI

 

“Storie da raccontare” – Edoardo De Angelis

Un nuovo appuntamento con il concerto di Edoardo De Angelis “Storie da raccontare”, dopo i successi al Museo Archeologico di Aquileia, al Castello di Miramare a Trieste e al Museo Etrusco di Villa Giulia a Roma. Il programma del concerto sarà aggiornato con l’inserimento di nuove canzoni inedite, che andranno a far parte del prossimo lavoro in studio del cantautore romano.
Nel corso di questo spettacolo proveremo a cucire insieme, con il filo del sentimento, canzone d’autore e archeologia.
Quali sono gli elementi che possono avvicinare il lavoro del cantautore a quello dell’archeologo? Quest’ultimo scava, entra con i suoi strumenti nella terra, per cercare cose, oggetti, memorie che il passato ha sepolto. Chi scrive canzoni sulla vita e sui sentimenti delle persone, sulla loro storia, sulla loro posizione nel mondo, in fondo esercita un mestiere non troppo differente: scava nelle pagine del tempo, negli umori che distinguono un’anima da un’altra anima. Il cantautore, se ascoltato, è come il richiamo di una voce interiore che può aiutare a percepire sottili tracce, pensieri a volte apparentemente perduti, a volte solo accantonati. La canzone d’autore è un setaccio attraverso il quale la sabbia, la terra delle cose e del tempo passano, lasciando piccoli tesori di comprensione e umanità.

 

“Per terre e per musiche” – Paola Selva

Chitarra e archeologia, due mondi apparentemente lontani. Ma ogni chitarrista sa che la testimonianza più antica finora scoperta dell’esistenza della chitarra è un bassorilievo ittita risalente al XIV secolo a.C.; e da lì la chitarra ha percorso una via ben tracciata che l’ha vista presente tra Medio Oriente ed Europa. Ora in tutto il mondo.

Le vie di comunicazione sono sempre state fondamentali per lo scambio culturale e così anche per quello musicale. Paola Selva, con la sua chitarra, ripercorrerà alcune di queste vie, intrecciandole con il suo personale percorso artistico, che nasce dalla volontà di oltrepassare il confine musicale esplorando luoghi, riportando alla luce vissuti, scavando nelle Culture, affrontando strade solcate o anche solo immaginate.

 

L’ingresso a entrambi i concerti è gratuito. Nel rispetto delle normative vigenti e per una migliore organizzazione degli spazi è preferibile inviare un’e-mail di prenotazione all’indirizzo ac.culturarti@yahoo.com, indicando il numero di partecipanti (cognome e nome) e se si tratta di persone conviventi.

About Enrico Liotti

Enrico Liotti
Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top