venerdì , 30 Luglio 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » LA GRANDE GUERRA A PIEDI DA LONDRA A TRIESTE DIVENTA UN FILM

LA GRANDE GUERRA A PIEDI DA LONDRA A TRIESTE DIVENTA UN FILM

image_pdfimage_print

IN ANTEPRIMA IL PROGETTO VERRÀ ILLUSTRATO AGLI ADDETTI AI LAVORI AL VENICE FILM MARKET, ALL’INTERNO DELLA 71° MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA, CHE HA PRESO IL VIA IERI

Foto regista Luca Severi_ Ibiscus Media

Foto regista Luca Severi_ Ibiscus Media

Il 2014 è l’anno del centenario della Grande Guerra. Nella moltitudine di eventi e manifestazioni per celebrare l’anniversario, un progetto assolutamente originale – seguito da diversi media nazionali, internazionali e anche dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con la struttura di missione per gli anniversari di interesse nazionale attraverso i propri canali online – è quello del giovane giornalista freelance Nicolò Giraldi, laureato in storia moderna, partito a piedi da Londra il 10 maggio scorso e arrivato a Trieste il 9 luglio, dopo due mesi di cammino lungo l’Europa, attraverso i luoghi e la memoria del primo grande conflitto mondiale.

GIRO NELLA STORIA_ Nicolò sulla prima linea italiana_Trincerone_ Monte Zugna

GIRO NELLA STORIA_ Nicolò sulla prima linea italiana_Trincerone_ Monte Zugna

Negli oltre 60 giorni di viaggio a piedi sono state raccolte da Nicolò centinaia di testimonianze, tra scatti fotografici, filmati e interviste, che ora diventeranno un libro e un film, a cura del regista Luca Severi. Originario di Castelfranco Veneto, il giovane regista e produttore, classe 1986, ha alle spalle un’intensa carriera internazionale, sviluppata tra Berlino, Roma e Los Angeles, dove attualmente vive e lavora. In Italia ha collaborato per FilmAuro, come regista dei contenuti promozionali e del documentario di backstage del film “Colpi di Fortuna”, mentre negli Stati Uniti per la casa di produzione californiana Ibiscus Media realizzando “Yorick’s Speech” con Michele Placido, presentato nel 2013 alla Mostra del Cinema di Venezia e proprio in questi giorni Severi è ritornato in Italia per illustrare agli addetti ai lavori in assoluta anteprima il progetto al Venice Film Market, che ha preso il via proprio ieri nell’ambito della 71esima Mostra del Cinema di Venezia.

GIRO NELLA STORIA_ Rievocazione soldati a Virton in Belgio

GIRO NELLA STORIA_ Rievocazione soldati a Virton in Belgio

Un progetto coraggioso e sincero, di assoluto spessore storico e di valenza cinematografica. Questo è il pensiero che ha spinto Luca Severi ad affrontare il progetto Giro Nella Storia: un viaggio nella storia, ma anche nel cuore delle persone e nella mente di un viaggiatore solitario, un’operazione ambiziosa alla quale il regista di Castelfranco ha deciso di contribuire con le sue competenze, convinto che possa divenire un prodotto di successo internazionale, ideato e diretto da un team di giovani professionisti.

Le difficoltà di raccolta d’informazioni, incontrate dal protagonista Nicolò Giraldi, gli ostacoli burocratici dettati da una reticenza nel rilasciare dichiarazioni, ma anche una grande solidarietà e ospitalità da parte dell’esercito di volontari che ogni giorno lavorano al mantenimento della memoria, saranno dunque convogliati in un film sincero e veritiero che possa raccontare questa esperienza indimenticabile e formativa, durata per oltre 60 giorni.

Se è vero che la storia della Prima guerra mondiale la conosciamo un po’ tutti, è altrettanto vero che la memoria nei cittadini europei oggi, a cent’anni di distanza, è una memoria che si lega alla conoscenza e alla comprensione del conflitto nelle sue immagini simbolo (fronte occidentale di Remarque, le poesie di Ungaretti, il Lusitania che affonda, Trento e Trieste, il massacro di Ypres, la guerra sottomarina tedesca e la rivoluzione d’ottobre, il treno di Lenin, la disfatta di Caporetto, tanto per citarne alcuni), mentre l’obiettivo principale di Giro Nella Storia è quello di raccontare la storia dal punto di vista di quelle persone che ogni giorno rivivono in prima persona la grande guerra: chi lavora nei musei, chi fa la guida nei cimiteri e nei sentieri lungo il fronte occidentale, studiosi e ricercatori di diversi paesi e diverse culture, gli ultimi testimoni ovvero quelli che “possiedono” le storie raccontate dai loro genitori e tantissimi altri. Durante il viaggio sono state proprio queste persone la sorpresa più piacevole: centinaia d’appassionati (la maggior parte lo fa come volontario) che con assoluta dedizione e rispetto tengono viva la memoria quotidianamente, permettendo anche alle nuove generazioni di comprendere chi siamo oggi e come si è creato l’attuale assetto geo-politico.

About Enrico Liotti

Enrico Liotti
Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top