martedì , 26 Ottobre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » INVITO ALLA DANZA 2015 Ven16 ott TRENTA E’ BELLO Dom18 ott FORMIDABILI QUEGLI ANNI
INVITO ALLA DANZA 2015 Ven16 ott TRENTA E’ BELLO Dom18 ott FORMIDABILI QUEGLI ANNI

INVITO ALLA DANZA 2015 Ven16 ott TRENTA E’ BELLO Dom18 ott FORMIDABILI QUEGLI ANNI

image_pdfimage_print

In occasione del suo 25esimo anniversario, il festival Invito alla Danza ha previsto un proseguimento autunnale delle sue attività con due importanti appuntamenti: i progetti  Trenta è bello e Formidabili quegli anni.

trentaTRENTA E’ BELLO
Era il 1996 quando Invito alla Danza inseriva all’interno del suo programma un settore riservato alle giovani proposte per offrire un’opportunità a quei coreografi che incontravano difficoltà nel far conoscere il proprio lavoro. Nasceva così il progetto Trenta è bello, il cui titolo si riferiva all’età dei partecipanti che oscillava appunto intorno ai trent’anni. Autori dello spessore di Michele Pogliani, Milena Zurlo, Dino Verga, Mauro De Candia hanno debuttato ad invito alla Danza come coreografi per poi affermarsi come autori o direttori di compagnia.
Quest’anno il progetto viene ripreso per promuovere ancora una volta coreografi emergenti per la danza di domani. Parteciperanno i giovani coreografi Luca Braccia e Valerio De Vita dell’Accademia Nazionale di Danza, Lorenzo Schiavo  del Centro Professionale Formazione Bartolomei, Federica Galimberti, Mattia De Virgiliis e Francesco Di Luzio, provenienti da un percorso comune di sperimentazione e contaminazione stilistica all’interno del Dance Factory GDO.
L’appuntamento è venerdì 16 ottobre presso il teatro Greco di Roma (Via Ruggero Leoncavallo 16).

FORMIDABILI QUEGLI ANNIanni
Domenica 18 ottobre, sempre al Tetro Greco,  secondo importante appuntamento della stagione autunnale di Invito alla Danza con lo spettacolo Formidabili quegli anni. Il progetto ricostruisce un momento importante della nostra storia della danza: l’arrivo in Italia della Modern Dance Americana, diffusa soprattutto grazie alla Compagnia Teatrodanza Contemporanea di Roma e al Centro Professionale di Danza Contemporanea. Dagli anni ’70 in poi Roma fu fucina di creatività e novità diventando riferimento prioritario per la conoscenza e la diffusione della danza contemporanea nei suoi linguaggi fondamentali: tecnica Graham, Limón, Cunningham. I protagonisti di quei giorni, Elsa Piperno, Joseph Fontano e Nicoletta Giavotto, ricostruiscono alcune delle loro coreografie più significative che hanno cambiato il modo di esprimersi in palcoscenico, sia per l’uso di tecniche diverse, ma anche perché hanno realizzato un punto di incontro espressivo fra i diversi linguaggi teatrali: musica, danza, testo recitato, tecniche audiovisive. Il loro lavoro infatti divenne un importante punto di riferimento per la danza italiana. Il progetto, che ha come obiettivo la salvaguardia di una parte importante della storia della danza, rappresenta altresì un’occasione unica per le nuove generazioni, affinché vengano a conoscenza delle loro radici e possano avvalersi nel loro lavoro futuro di questo eccezionale repertorio con cui confrontarsi.
Interpreti delle performance i danzatori dei bienni e dei trienni contemporanei dell’Accademia Nazionale di Danza.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top