sabato , 2 Luglio 2022
Notizie più calde //
Home » Attualità » Inaugurazione ufficiale di Pordenonelegge con la lectio magistralis di Sergio Romano

Inaugurazione ufficiale di Pordenonelegge con la lectio magistralis di Sergio Romano

Ha preso il via oggi la XIV edizione di Pordenonelegge, la festa del libro con gli autori che fino a domenica 22 settembre animerà la città con incontri, presentazioni di libri e dibattiti sul mondo della letteratura e dell’arte. Tanti gli eventi ideati e pensati per gli studenti degli istituti superiori. Questa mattina, presso la Loggia del Municipio, è andata in scena una speciale maratona di letture dedicata alle figure di Giacomo Leopardi e Ettore Majorana, curata dagli studenti del Liceo Leopardi-Majorana in collaborazione con la Compagnia Teatrale Punto e… a Capo. Presso il chiostro della Biblioteca civica si è tenuto l’incontro “Vajont, 50 anni dopo. Amico d’acqua, amico di terra”: una storia semplice, fatta di acqua, di terra, di luci e ombre, illustrata da Sonia Possentini e raccontata da Alfredo Stoppa e Gabriele Clima. Sempre nella Biblioteca civica si è svolto in mattinata un laboratorio sull’importanza del riciclo e del rispetto dell’ambiente con Matteo Gaule e Laura Novello.

Nella prima giornata si è parlato anche di economia. Pietro Alessandrini e Mario Pepe hanno condotto l’incontro dal titolo “Viaggio nell’economia. Per scoprire se, e a che cosa servono, gli economisti”: un viaggio in questa materia per sviscerare concetti come reddito, sviluppo, moneta e crisi finanziaria. Tiziano Vescovi e Chiara Mio hanno tenuto il workshop “Europa-Cina: Cross Cultural Marketing”, volto ad affrontare gli aspetti dell’influenza di culture diverse sulle strategie e sulle decisioni di marketing.

La lectio magistralis di Sergio Romano

Alle 18.30 presso il Teatro Verdi si è tenuta l’inaugurazione ufficiale di Pordenonelegge. Dopo i saluti delle autorità, che hanno rimarcato l’importanza di questa manifestazione ormai radicata nel territorio, largo spazio all’ospite d’onore della serata, Sergio Romano. Lo storico, scrittore, giornalista e diplomatico, noto soprattutto come commentatore per alcune importante testate italiane (La Stampa, Il Corriere della Sera, Limes, Il Mulino), ha inaugurato il suo intervento, dal titolo “La democrazia e i suoi nemici”, con una considerazione sullo stato attuale della democrazie nel mondo. La democrazia, ovunque, non sta passando un bel momento per una serie di fattori. A cominciare dai costi della politica, che negli ultimi anni sono lievitati in maniera esponenziale. A questo si aggiungano i processi legati alla globalizzazione e all’esplosione della finanza, che hanno ridotto di molto la sovranità degli stati nazionali e innescato lo spauracchio del populismo e della demagogia. Nell’era delle nuove tecnologie, infine, i politici sono inevitabilmente asserviti a nuovi codici di comportamento, in cui l’immagine è un elemento indispensabile per raggiungere il potere. Nella democrazia attuale si è allargato sempre più il discrimine tra spirito di servizio pubblico e interesse personale. Il potere democratico è intaccato ovunque dal malcostume, dal malaffare, dalla corruzione, dal conflitto d’interesse. “Gli elettori – ha affermato – si affidano a politici che prendono impegni che vanno oltre le loro capacità, a uomini di governo che fanno promesse irrealizzabili”. Un quadro a tinte fosche, una diagnosi che attesta il precario stato di salute della democrazia. Una via d’uscita è ancora possibile? La causa del male sta nel fallimento storico del sistema politico occidentale. Romano professa un atto d’accusa durissimo verso le classi dirigenti europee, d’ogni partito e passaporto, sempre più inette e incapaci di fronte al grande mutamento in atto. La speranza, per quanto paradossale possa sembrare, rimane nelle mani dell’Europa. Ma è necessario cambiare direzione alla politica europea. Serve un’Europa diversa dall’attuale moribonda Unione Europea.

Vito Digiorgio

About Vito Digiorgio

Giornalista pubblicista iscritto all’Albo dei giornalisti dal 2013. Si è laureato all'Università di Udine con una tesi sulla filologia italiana. Collabora con alcune testate giornalistiche on line.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top