giovedì , 2 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » IL 13 MAGGIO – ATERBALLETTO chiude con due coreografie la stagione DANZA del TEATRO ROSSETTI

IL 13 MAGGIO – ATERBALLETTO chiude con due coreografie la stagione DANZA del TEATRO ROSSETTI

image_pdfimage_print

Aterballetto chiude il cartellone Danza dello Stabile regionale con due coreografie: workwithinwork dellamericano William Forsythe e Rossini Cards di Mauro Bigonzetti. Unica serata martedì 13 maggio alle 20.30.

 Attraversa la danza contemporanea dal 1998 al 2004 la serata che – martedì 13 maggio alle 20.30 – Aterballetto propone a conclusione della ricca stagione Danza di quest’anno al Teatro Stabile regionale: un itinerario che avviene attraverso il linguaggio coreografico dell’americano William Forsythe e di Mauro Bigonzetti.Il primo è autore di workwithinwork su musiche di Luciano Berio, del secondo invece verrà proposto il delicato e vitale Rossini Cards su melodie rossiniane.Un dittico di sicuro fascino, che metterà in evidenza le qualità dei danzatori di Aterballetto, una delle formazioni più quotate a livello nazionale.Fondata nel 1979, Aterballetto è infatti compagnia di produzione e distribuzione, la prima realtà stabile di balletto in Italia che sia nata al di fuori delle Fondazioni liriche. Dopo Amedeo Amodio, che l’ha diretta per quasi 18 anni, dal 1997 al 2007 la direzione artistica è stata affidata a Mauro Bigonzetti, affermato coreografo internazionale che ha saputo rinnovare 2013 A Anceschi-1053 (2)l’identità artistica della Compagnia assicurandole un profilo internazionale. Successivamente e fino al 2012 Mauro Bigonzetti ha assunto il ruolo di Coreografo principale dell’ensemble, mentre ora ne è direttore artistico Cristina Bozzolini (che è stata prima ballerina del Maggio Musicale Fiorentino).

Aterballetto ha assunto il profilo di compagnia di balletto contemporaneo e mantiene come elemento fondante della propria identità artistica l’impegno a sostenere e sviluppare l’arte della coreografia e il linguaggio assoluto della danza, intesa come dinamica e forma nello spazio, incarnazione di risonanze espressive ed estetiche, dialettica con la musica.In questo ambito di intenzioni si inserisce la scelta delle due coreografie proposte a Trieste, città in cui la compagnia è già stata apprezzata: l’ultima volta nel 2010 con Romeo and Juliet su musiche di Sergej Prokofiev e le coreografie di Bigonzetti.  workwithinwork di Forsythe che aprirà la serata, consiste inizialmente in un flusso quasi incessante di movimenti che  si trasforma in una corrente vorticosa mossa dai ritmi incalzanti dei Duetti per due violini, vol. 1 (1979-83) di Luciano Berio. I ballerini, liberi da logiche convenzionali, sono impegnati in estrapolazioni apparentemente infinite da tecniche classiche, e alternano caleidoscopici assieme a duetti che rappresentano il cuore pulsante dell’opera. Duetti che esprimono diverse tensioni, che danno corpo a opposti moti dello spirito: al confronto acceso fa due danzatori che si rincorrono con potente atletismo, può succedere ad esempio l’immagine di uno struggente arabesque in cui una ballerina viene sollevata nel corso di un delicato pas de deux.

Rossini Cards, come suggerisce il titolo, è una sequenza di “cartoline” ispirate dalla musica di Rossini, giocate sul suo ritmo incalzante e preciso: movimento, energia si liberano senza la preoccupazione di  tenere conto di una evoluzione logica o drammaturgica, come tante scene di vita che si affiancano in un colorato mosaico. Un C2013 A.Anceschi-0187dionisiaco momento di espressività, gioia del movimento e della danza in cui i componenti di Aterballetto sembrano librarsi con spensierata leggerezza, ma che – soprattutto agli occhi più esperti – apparirà in tutta la sua complessità tecnica.  Nel dittico, danzeranno Noemi Arcangeli, Saul Daniele Ardillo, Damiano Artale, Hektor Budlla, Alessandro Calvani, Martina Forioso, Johanna Hwang, Philippe Kratz, Marietta Kro, Ina Lesnakovski, Valerio Longo, Ivana Mastroviti, Riccardo Occhilupo, Giulio Pighini, Roberto Tedesco, Laura Nicole Viganò, Serena Vinzio, Chiara Viscido. Per workwithinwork la coreografia è di William Forsythe su musica di Luciano Berio, in particolare i Duetti per due violini, vol. 1 (1979-83). La scenografia e le luci sono firmate dallo stesso William Forsythe mentre i costumi sono di Stephen Galloway. Curano la messa in scena Francesca Caroti e Allison Brown. La produzione è firmata da Fondazione Nazionale della Danza.

 Lo spettacolo è in scena alla Sala Assicurazioni Generali soltanto martedì 113 maggio alle ore 20.30, nell’ambito dell’abbonamento Danza del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

 Biglietti ancora disponibili presso i punti vendita e i circuiti consueti dello Stabile regionale e sul sito del teatro www.ilrossetti.it.

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top