venerdì , 22 Ottobre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » I vincitori del Premio Alberto Farassino a confronto con Ivan Cotroneo e il desiderio di Scrivere per il Cinema.
I vincitori del Premio Alberto Farassino a confronto con Ivan Cotroneo e il desiderio di Scrivere per il Cinema.

I vincitori del Premio Alberto Farassino a confronto con Ivan Cotroneo e il desiderio di Scrivere per il Cinema.

image_pdfimage_print

Le Premiazioni di Scrivere di cinema Premio Alberto Farassino sono ormai un appuntamento fisso nel fitto

i vincitori di SdC 2015 e i giurati a.de grandis e m. gervasini_foto elisa caldana

i vincitori di SdC 2015 e i giurati a.de grandis e m. gervasini_foto elisa caldana

calendario di pordenonelegge, come ormai rodata è la formula con testimonial. La scelta quest’anno è caduta su Ivan Cotroneo, sceneggiatore e regista che prima di svelare i nomi dei vincitori ha consegnato ai numerosi ragazzi presenti alcuni preziosi sguardi su questo mondo, anche grazie al video del backstage che ha mostrato in anteprima oggi. Il regista ha sottolineato la sua contentezza nel tornare in regione, dove il concorso è così radicato e  “dove ho girato “Il bacio”. Qui ho girato il film e qui ho incontrato oltre 3000 ragazzi per scegliere poi il protagonista”.

Il concorso nazionale – promosso da Cinemazero, Fondazione Pordenonelegge, il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani e MYmovies in collaborazione con Far East Film Festival – conferma così la sua doppia vocazione di centro catalizzatore per i giovani appassionati di cinema e scrittura e di luogo in cui apprendere un “saper fare”.

Uno-dei-vinvitori-a.graniero-friuladria-g.pavan-cciaa-r.cineli-cinemazero_foto-elisa-caldana

Uno-dei-vinvitori-a.graniero-friuladria-g.pavan-cciaa-r.cineli-cinemazero_foto-elisa-caldana

I vincitori sono stati accolti dagli applausi del pubblico e delle istituzioni presenti: Sindaco Claudio Pedrotti,   Presidente della Camera di Commercio Giuseppe Pavan, presidente di Cinemazero Cinelli, e Aldo Graniero di FriulAdria Crédit Agricole, che consegnando uno dei Premi ha dichiarato: “Con la partecipazione a questa iniziativa FriulAdria conferma la tradizionale attenzione per la cultura cinematografica e per il mondo dei giovani, un’attenzione che condividiamo con gli altri partner del concorso Scrivere di Cinema, in particolare con Cinemazero e con Fondazione Pordenonelegge. Insieme, nel corso degli anni, abbiamo costruito molti progetti finalizzati a valorizzare i talenti emergenti. Ormai siamo una squadra collaudata”. I giurati Nicola Lagioia, Adriano De Grandis, Mauro Gervasini e Viola Farassino, hanno voluto premiare, per gli Under 25 Matteo Marescalco con  “Vizio di forma”, che si aggiudica lo stage redazionale al Far East Film Festival 2016, “per aver saputo destreggiarsi, con sorprendente lucidità nella trama stratificata di un film spiazzante, cogliendo pregi e gli eventuali difetti di un’opera che identifica un’epoca intera con i suoi slanci

i-giurati-nicola-lagioia-adriano-de-grandis-e-mauro-gervasini_foto-elisa-caldana

i-giurati-nicola-lagioia-adriano-de-grandis-e-mauro-gervasini_foto-elisa-caldana

incontrollati e le sue illusioni perdute”. Antonio Canzoniere con “Anime nere” conquista la vetta degli Young Adult, “avendo saputo cogliere l’originalità del film con ampiezza di riferimenti, in particolare alla tragedia classica e ai suoi miti”.  

Il Premio del territorio sostenuto da FriulAdria Crédit Agricole, frutto del capillare lavoro che Cinemazero compie nelle scuole e che quest’anno ha coinvolto anche Udine, ha premiato diversi studenti, grazie anche al lavoro di Sabatino Landi.

Il Premio del territorio Udine va a Elena Magnani (Liceo Classico “Stellini”Udine) per  “Il giovane favoloso” e la sua “critica personale e schietta, l’attenta lettura e l’analisi acuta e corrosiva sia degli aspetti strutturali che interpretativi della pellicola”; Menzione speciale (Istituto “Sello” di Udine) a Gabriele Peresson e la sua lettura del “Meraviglioso Boccaccio”. Sul versante pordenonese del premio invece si aggiudica il primo posto Anna Landi (Liceo Leopardi-Majorana) con “Vizio di forma”, “per la notevole disinvoltura nell’uso della lingua e sicura padronanza del lessico”, mentre a Isadora Zampol (Liceo Grigoletti) e la sua critica a “Wild” è stata riconosciuta una Menzione speciale.

About Enrico Liotti

Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top