sabato , 4 Dicembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » È scomparso il regista Francesco Macedonio, fondatore e Direttore artistico della Contrada.

È scomparso il regista Francesco Macedonio, fondatore e Direttore artistico della Contrada.

image_pdfimage_print

Francesco Macedonio è mancato questa mattina, in seguito ad una malattia che lo ha consumato in brevissimo tempo. Il noto regista e autore teatrale, nonché Direttore artistico del Teatro La Contrada fin dalla sua fondazione, aveva ottantasette anni.

Regista e autore teatrale, Francesco Macedonio nacque a Idria, presso Gorizia, da una famiglia di musicisti. L’interesse per il teatro emerse assai presto, anche attraverso gli spettacoli cinematografici e teatrali che egli, ancora ragazzino, ebbe occasione di vedere a Gorizia. Dopo la fine delle guerra, fondò, sempre a Gorizia, una compagnia teatrale per la quale svolse mansioni di regista. Nel 1967 il Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia gli chiese di mettere in scena un testo di Vittorio Franceschi, Gorizia 1916, interpretato dallo stesso Franceschi.

Dopo le prime esperienze a Trieste, Macedonio divenne il regista stabile del Teatro del Friuli-Venezia Giulia, dirigendo la compagnia dei “dodici”, gli attori che per numerosi anni costituirono il gruppo di riferimento fisso per gli allestimenti di produzione. Fra gli spettacoli allestiti, Sior Todero brontolon con Corrado Gaipa, Il mio CarsoAvvenimento nella città di Goga con Gabriele Lavia, Casa di bambolaL’idealista con Corrado Pani, Vecchio mondo con Lina Volonghi, I rusteghi, oltre alla trilogia in dialetto triestino di Carpinteri e Faraguna Le MaldobrieNoi delle vecchie province e L’Austria era un paese ordinato interpretata, fra gli altri, da Lino Savorani: uno dei successi più grandi nella storia teatrale triestina recente.

Nel 1976, assieme agli attori Orazio Bobbio, Ariella Reggio e Lidia Braico, Macedonio fondò il Teatro Popolare La Contrada, del quale è stato direttore artistico per 38 anni. In tale veste ha messo in scena decine e decine di spettacoli, spaziando dal teatro in dialetto triestino a quello in lingua italiana, dal repertorio brillante a quello drammatico, sino a numerose regie per il teatro ragazzi. Autore di testi teatrali e adattamenti di racconti e romanzi, prediligeva la cultura e gli scrittori triestini, di cui era attento conoscitore.

Tra i numerosi allestimenti, vanno ricordati El mulo Carleto e El serpente de l’Olimpia di Roberto Damiani ispirati alla figura e alle opere di Angelo Cecchelin; L’Americano di San GiacomoUn nido di memorieL’ultimo carneval e I ragazzi di Trieste di Tullio Kezich; Classe di ferro di Aldo Nicolaj; Due paia di calze di seta di Vienna di Carpinteri e Faraguna, ripreso per cinque edizione dal 1986 al 2013; Ballando con Cecilia e Capriole in salita di Pino Roveredo; Ecco un uomo libero! di Tom Stoppard, nonché una nuova edizione de I rusteghi.

Fra i suoi successi più recenti, Sariandole e Tramachi di Roberto Curci, I ragazzi irresistibili di Neil Simon, con Johnny Dorelli e Antonio Salines, Il gatto in tasca di Feydeau, Il divo Garry di Noël Coward, Fuori i secondi e Svola cicogna di Enrico Luttmann,Maldobrie di Carpinteri e Faraguna.

Fra i numerosi premi e riconoscimenti ricevuti, nel 2012 ha vinto il Premio Flaiano per la regia di Gin Game di Coburn, con Valeria Valeri e Paolo Ferrari.

Oltre agli amici di una vita, Orazio Bobbio e Ariella Reggio, Francesco Macedonio ha diretto alcuni tra i più bei nomi del teatro italiano. Uomo sensibile, coltissimo e dal carattere schivo, amante della letteratura e del cinema, ha diretto e formato un’intera generazione di giovani attori, non ultimi gli oltre sessanta ragazzi diplomatisi all’Accademia Teatrale “Città di Trieste”, la scuola di teatro della Contrada. Macedonio è stato un maestro, in molti modi diversi, per tutto l’ambiente culturale della nostra regione.

Il lungo sodalizio artistico con personaggi come Sergio D’Osmo, Fabio Bergamo e, negli ultimi anni, Massimiliano Forza ha dato vita ad alcune fra le più belle pagine della scena teatrale. La grande amicizia con Tullio Kezich ha regalato al teatro regionale una acclamatissima “trilogia” della Trieste a cavallo della Seconda Guerra Mondiale.

Nell’ottobre del 2013, a grande richiesta di pubblico, è tornato a dirigere la compagnia della Contrada nel testo più amato dal pubblico triestino, Due paia di calze di seta di Vienna di Carpinteri e Faraguna, che si è riconfermato ancora una volta un grande successo. Proprio per questo spettacolo, per la prima volta in tanti anni di carriera, Macedonio non si era presentato in proscenio a ricevere gli applausi del pubblico, né alla prima di Trieste, né a Gorizia, la sua città.

Tutto lo staff della Contrada – al quale sicuramente si uniranno tanti altri attori, registi e operatori teatrali di altre compagnie – vuole salutarlo un’ultima volta ricordandolo seduto nella platea del Bobbio, dove ha seguito gli allestimenti dei suoi spettacoli e dove ha ricevuto gli applausi e gli apprezzamenti del suo pubblico.

Informazioni: 040.948471 / 948472 /390613; contrada@contrada.itwww.contrada.it.

 

About Redazione

Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top