giovedì , 29 Ottobre 2020
Notizie più calde //
Home » Attualità » Duomo di Latisana 2 ott. TRA RITUALITÀ E MAGIA, MUSICA CORTESE SI AVVENTURA NELLA MUSICA DEL 400
Duomo di Latisana 2 ott. TRA RITUALITÀ E MAGIA, MUSICA CORTESE SI AVVENTURA NELLA MUSICA DEL 400

Duomo di Latisana 2 ott. TRA RITUALITÀ E MAGIA, MUSICA CORTESE SI AVVENTURA NELLA MUSICA DEL 400

image_pdfimage_print

Tra proverbi, lamenti femminili, riti pagani e pantomime. Un percorso nella musica del XV secolo attraverso ritualità e magia, paganesimo e devozione. Per la sua prossima tappa, domani 2 ottobre alle 21 nel Duomo di Latisana, Musica Cortese, festival internazionale di musica antica nei centri storici del Fvg, si avventura nei “segreti del Quattrocento”. A guidare il pubblico in questo viaggio sarà l’Ensemble Centorecento, sodalizio nato nel 2017 il cui interesse si rivolge ai repertori che si situano tra scrittura e tradizione orale, migrazioni da e nella musica popolare, sopravvivenza di testi e fonti al confine tra questi due modi di tramandare la musica.

La riscoperta nel 1400 di antichi testi classici generò da un lato lo sviluppo della scienza sperimentale e della matematica, basti pensare a Luca Pacioli, e, dall’altro, conferì anche grande consenso nelle corti. Il manuale anonimo di magia, astrologia e ritualità “Vedrai mirabilia” fu infatti molto diffuso fra l’aristocrazia del tempo e il “Libro delle Sorti” di Lorenzo Gualtieri, poi completato dalle immagini del Perugino, divenne il gioco di divinazione con i dadi di maggior successo.

Tra i canti da ballo e le danze da suonare con ogni sorta di strumenti, spicca nettamente la misteriosa Schiarazula Marazula di Giorgio Mainerio, musico, abate e negromante parmense di nascita, che fu testimone e frequentatore di riti magici durante la sua lunga permanenza in Friuli. Indagato dall’Inquisizione, solo dopo essere stato scagionato grazie ad amicizie altolocate, pubblicò nel “Primo libro dei Balli” del 1578 questo brano, oggi diventato famoso per i capricci della nostra modernità. Come ricordato, questo così come molti altre “sonate” verranno eseguite dal Centotrecento ensemble, composto da Marco Ferrari e Fabio Resta (flauti, flauto, doppio, cornamusa), Fabio Tricomi (viella, marranzano, percussioni), Elisabetta Benfenati e Diego Resta (flauliuti e chitarre) Anna Pia Capurso, Federica di Leonardo e Gloria Moretti (voci).

Musica cortese, festival organizzato da Dramsam, Centro giuliano di musica antica, curato da Alessandra Cossi per la direzione artistica di Fabio Accurso, proseguirà fino a fine mese con molti appuntamenti, tutti in presenza, in diversi affascinanti luoghi del Friuli Venezia Giulia. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito, ma con prenotazione obbligatoria. Ogni concerto ed evento del festival verrà inoltre registrato professionalmente in multi-cam e proposto, alle 20.30 dopo tre giorni dall’evento, anche “in differita” sui canali social di Dramsam. Per partecipare agli appuntamenti è necessaria la prenotazione da inviare alla mail dramsamcgma@gmail.com.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top